Emiliano (imperatore romano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emiliano
Moneta di Emiliano celebrante Marte pacificatore
Moneta di Emiliano celebrante Marte pacificatore
Augusto dell'Impero romano
In carica luglio - settembre 253
Predecessore Gaio Vibio Treboniano Gallo
Successore Valeriano
Nome completo Marcus Aemilius Aemilianus
Nascita Gerba, 207 circa
Morte Spoleto, settembre 253
Consorte Cornelia Supera

Marco Emilio Emiliano (latino: Marcus Aemilius Aemilianus; Gerba, 207 circa – Spoleto, settembre 253) fu imperatore romano nel 253 per soli tre mesi,[1][2] salito al trono rovesciando Treboniano Gallo[3] e rovesciato a sua volta da Valeriano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ascesa al trono[modifica | modifica wikitesto]

Emiliano nacque a Gerba ed era di origine maura,[4] oppure un libico;[5] l'anno di nascita più probabile è il 207 circa, anche se un'alternativa possibile è l'anno 213.[6] Sposò Cornelia Supera, di origini africane.

Divenne governatore o comandante militare della Mesia Inferiore nel 252.[3] La situazione dell'area era segnata dalla pace con i Goti conseguente alla sconfitta e morte dell'imperatore Decio nella battaglia di Abrittus (251): il suo successore Treboniano Gallo aveva accettato una pace che imponeva ai Romani il pagamento di un tributo annuale ai Goti. È noto che nel 253 Emiliano portò le proprie truppe alla vittoria contro i Goti: secondo le fonti potrebbe essere stato un attacco di sua iniziativa, per difendere le città della regione dalle incursioni dei barbari,[7] o la conseguenza del rifiuto di pagare il tributo ai Goti.[5]

Per quest'impresa i suoi soldati, forse anche corrotti dal denaro distribuito loro da Emiliano, lo acclamarono imperatore (luglio 253),[8] in opposizione a Treboniano, che non era stato in grado di opporsi né ai Goti, né ai Sasanidi in Oriente, né alla tremenda peste che stava colpendo Roma.[3] Emiliano decise di dirigersi sull'Italia e affrontare con le truppe a disposizione Treboniano, prima che Publio Licinio Valeriano, governatore della Rezia, giungesse a rafforzare l'esercito dell'imperatore con le truppe renane. Penetrò allora in Italia, cosa che indusse il Senato romano, dietro richiesta di Gallo, a dichiarare Emiliano hostis, nemico dello Stato.[9] Nello scontro avvenuto nei pressi di Interamna (moderna Terni) con l'esercito di Treboniano, Emiliano risultò vittorioso,[3][10] e Treboniano e Volusiano fuggirono con pochi seguaci, le loro guardie,[11] fino a Forum Flaminii, dove però furono uccisi dai loro soldati, i quali tornarono da Emiliano per ricevere una ricompensa.[10]

Caduta[modifica | modifica wikitesto]

Cornelia Supera era la moglie di Emiliano, ed era di origine africana; entrambi furono colpiti da damnatio memoriae dopo l'ascesa al trono di Valeriano.

Emiliano ottenne il riconoscimento dal Senato romano, inizialmente a lui avverso,[2] ed è noto dai ritrovamenti numismatici che elevò al rango di augusta la moglie Cornelia Supera. Pare che abbia promesso al Senato di sconfiggere i Goti e i Sasanidi e poi di riconsegnare il potere per accontentarsi del rango di generale;[12] il suo governo è ricordato come "mite".[2]

Nel frattempo Valeriano, venuto a conoscenza della morte di Treboniano, fu elevato alla porpora imperiale dalle legioni della Rezia[13] e scese in Italia contro Emiliano con l'esercito renano. Nel tardo luglio/metà settembre 253 gli eserciti di Valeriano ed Emiliano si scontrarono, ma i soldati di Emiliano decisero di abbandonarlo e lo uccisero forse a Spoleto presso un ponte, detto dei Sanguinarii [14], o in una località tra Oricolum e Narnia.[15]

Esiste la possibilità che l'usurpatore Silbannaco fosse in realtà un ufficiale lasciato da Emiliano a Roma, che prese il potere in città fino all'arrivo di Valeriano.

Dopo l'ascesa al trono di Valeriano, Emiliano e Cornelia Supera ricevettero la damnatio memoriae.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, IX, 6.
  2. ^ a b c Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXXI, 3.
  3. ^ a b c d Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, IX, 5.
  4. ^ Aurelio Vittore, Epitome dei Cesari, XXXI, 1-2.
  5. ^ a b Zonara, XII, 1.
  6. ^ Zonara, XII, 22.
  7. ^ Zosimo, Storia Nuova, I, 28.1-2.
  8. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXXI, 1.
  9. ^ a b Varner.
  10. ^ a b Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXXI, 2.
  11. ^ Giovanni di Antiochia, frammento 150.
  12. ^ Zonara, XII, 22.
  13. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, XXXII, 1.
  14. ^ Achille Sansi, Degli edifici e dei frammenti storici delle antiche età di Spoleto, Sala bolognese, Arnaldo Forni Editore, 1993. Ristampa anastatica dell'edizione Folognano, Stab. tip. e lit. di P. Sgariglia,1869 p. 220
  15. ^ Zosimo, Storia nuova, I, 29.1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore romano Successore Project Rome logo Clear.png
Treboniano Gallo
Volusiano
luglio - settembre 253 Valeriano