Emil von Reznicek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emil Nikolaus von Reznicek

Emil Nikolaus von Reznicek (o Řezníček) (Vienna, 4 maggio 1860Berlino, 2 agosto 1945) è stato un compositore e direttore d'orchestra austriaco.

Iniziato il corso di laurea in giurisprudenza presso l'Università di Graz, cominciò a studiare musica sotto la guida di W. A. Rémy (alias Wilhelm Mayer); nel 1881 divenne allievo di Carl Reinecke e Salomon Jadassohn al Conservatorio di Lipsia.

In seguito fu direttore d'orchestra nei teatri di Graz, Zurigo, Stettino, Berlino, Jena, Bochum e Magonza; nel 1887 divenne direttore della banda militare di Praga. Conseguito un primo lusinghiero successo come compositore con l'opera comica Donna Diana (1894), fu nominato Kapellmeister di corte a Weimar (1896) e quindi a Mannheim (1896-99).

All'inizio del XX secolo si trasferì a Berlino, dove fu tra i fondatori e i promotori degli Orchester-Kammerkonzerte e nel 1906 ottenne la cattedra di composizione al Conservatorio Klindworth-Scharwenka.

Proseguì l'attività concertistica a Varsavia (1906-09), a Londra (1907) e a Berlino come direttore della Komische Oper (1909-11).

Nominato membro dell'Akademie der Künste (1919), fu poi docente di composizione e strumentazione alla Hochschule für Musik di Berlino.

Coetaneo di Gustav Mahler, nelle proprie composizioni rimase sostanzialmente legato allo stile romantico del più rilevante fra i suoi maestri, Reinecke: i suoi lavori sono dunque caratterizzati da uno stile elegante e scorrevole, dall'orchestrazione brillante, dalla piacevolezza delle melodie, ma appaiono anacronistici se confrontati con la produzione coeva. Oggi è noto essenzialmente per l'ouverture di Donna Diana.

Compose una quindicina di opere teatrali, quattro sinfonie (1904-19; la prima è intitolata Tragische, la seconda Ironische), un Concerto per violino e altri brani per orchestra; musica sacra, fra cui un Requiem (1895) e una Messa per il giubileo dell'imperatore Francesco Giuseppe (1898); musica da camera, fra cui quattro quartetti; musica per pianoforte, per organo e Lieder.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wulf Konold, voce Rezniček, Emil Nikolaus von in DEUMM, Le Biografie, vol. VI, p. 319 (1988).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 22328538 · LCCN: n84043338 · GND: 118744798 · BNF: cb13898958j (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie