Emidio Clementi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emidio Clementi
Emidio Clementi con i Massimo Volume al Traffic Festival di Torino nel 2008
Emidio Clementi con i Massimo Volume al Traffic Festival di Torino nel 2008
Nazionalità Italia Italia
Genere Post-rock
Art rock
Rock
Periodo di attività 1992 – in attività
Strumento voce, basso
Gruppo attuale Massimo Volume
Gruppi precedenti El Muniria
Album pubblicati 8
Studio 7
Live 1

Emidio Clementi detto Mimì (Ascoli Piceno, 20 febbraio 1967[1]) è un cantante, bassista e scrittore italiano, fondatore e principale autore dei Massimo Volume.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Ascoli Piceno e cresciuto a San Benedetto del Tronto, si trasferisce in seguito a Bologna.

Massimo Volume[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Massimo Volume.

Nel capoluogo emiliano, sul finire degli anni ottanta, fonda i Massimo Volume, originale gruppo rock nel quale scrive i testi delle canzoni, suona il basso e canta. Oltre a Clementi fanno inizialmente parte del gruppo Umberto Palazzo alla chitarra e voce (sostituito in seguito da Egle Sommacal), Vittoria Burattini alla batteria e Gabriele Ceci alla chitarra (sostituito in seguito, per un breve periodo, da Metello Orsini). Con i Massimo Volume incide cinque album: Stanze (Underground Records, 1993), Lungo i bordi (WEA, 1995), Da qui (Mescal, 1997), Club Privé (1999), Cattive abitudini (La Tempesta, 2010) e una colonna sonora: quella del film Almost Blue di Alex Infascelli.

Il 28 gennaio 2002 i Massimo Volume si sciolgono. Riprenderanno le attività insieme nel 2008 e pubblicheranno un album, dal titolo Cattive abitudini due anni più tardi.

Attività e collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo scioglimento dei Massimo Volume, Clementi insieme a Massimo Carozzi e Dario Parisini partecipa al progetto musicale El ~ Muniria. Nel 2004 pubblicano il loro primo, e finora unico, album dal titolo Stanza 218 (Homesleep).

Già dalla fine degli anni novanta, Clementi propone i suoi reading nel progetto Minimo Volume, accompagnato da altri due membri dei Massimo Volume, Egle Sommacal e Marcella Riccardi. Inizia così un'attività di scrittore che lo porterà a pubblicare vari romanzi, portati in giro sotto forma di reading in tutta la penisola.

Tra la fine degli anni '90 e gli inizi degli anni 2000 è attivo nel progetto Agnelli Clementi, che consiste in uno spettacolo basato su letture di Clementi e canzoni di Manuel Agnelli (Afterhours), accompagnati alla chitarra da Pasquale de Fina dei Volwo. Alcune letture di Clementi saranno inserite nel CD allegato al libro Il meraviglioso tubetto di Agnelli.

Nel 2002 Clementi collabora con i Giardini di Mirò nella canzone Malmoe, inserita nell'EP The Soft Touch. Inoltre compare nel video del brano Pet Life Saver.

Nel 2005 collabora con Perturbazione nello spettacolo Le città viste dal basso, replicato poi ogni anno con diversi ospiti (Manuel Agnelli, Offlaga Disco Pax e altri). Il titolo è ispirato al testo della canzone Vedute dallo spazio dei Massimo Volume.

Nello stesso anno è ospite nel brano e nel video di La Femme Cannibale degli Ulan Bator, inserita nell'album Rodeo Massacre.

Nel 2006 partecipa assieme a Manuel Agnelli, Mauro Ermanno Giovanardi ed altri artisti all'album I Knew Jeffrey Lee dei Circo Fantasma. È inoltre ospite del brano Anni di pace di Riccardo Sinigallia, presente nell'album Incontri a metà strada.

In aprile ritorna a collaborare con l'amico Agnelli nello spettacolo The Bombay Tapes. Poco dopo registra un reading per il sito Magazzeno Bis. In maggio è presente nell'album Indie Mood della Chant Song Orchestra, big band jazz che reinterpreta diversi classici del rock alternativo italiano. La voce di Clementi è presente ne Il primo dio dei Massimo Volume e in Voglio una pelle splendida degli Afterhours.

Nel 2007 il suo racconto In tarca è presente nella raccolta Periferie di autori vari. Inoltre è su Dodici passi con La regina del parco. Nello stesso anno presenta il brano Stato d'animo all'interno del booklet dell'album Uno dei Marlene Kuntz. Duetta con Tibe nel brano Il punto sulla vita, contenuto all'interno del disco Hotel Lamemoria. In ottobre si esibisce, accompagnato da Massimo Carozzi e Vittoria Burattini al Litquake, prestigioso festival letterario internazionale a San Francisco.

Nel 2008 riunisce i Massimo Volume per una tournée, a cui fa seguito l'anno successivo un disco live dal titolo Bologna Nov. 2008.

Il 4 febbraio 2009 viene pubblicato per la collana 24sette di Rizzoli il romanzo Matilde e i suoi tre padri di Clementi, che si esibirà in reading dedicati al romanzo accompagnato da Stefano Pilia. Il 27 febbraio dello stesso anno, insieme a Vittoria Burattini e Massimo Carozzi si esibisce a Chioggia in Fermati qui, spettacolo che ripercorre tutta la sua carriera, sia musicale che di scrittore. Il 10 aprile si esibisce in Stranger Music, tributo a Leonard Cohen di cui viene anche realizzato un CD a tiratura limitata. Con gli El Muniria realizza la cover del brano Is This What You Wanted.

Nel 2011 mentre è ancora impegnato nel tour dei Massimo Volume per il disco Cattive abitudini, compare con un cameo vocale nel brano Vic dei Valéry Larbaud contenuto nell'album Il terzo principio della dinamica.

Nel 2012 ha scritto l'episodio Uomini la domenica per il film Formato ridotto di Antonio Bigini, Claudio Giapponesi e Paolo Simoni.

Nel 2012 ha presentato lo spettacolo su Emanuel Carnevali al Poesia Festival in provincia di Modena con Corrado Nuccini ed Emanuele Reverberi dei Giardini di Mirò.

Dal 2012 è impegnato nel reading del libro La Ragione delle Mani insieme a Corrado Nuccini. Il reading prende il nome dal libro che viene poi pubblicato in novembre.[2]

Nel 2013 aderisce al progetto Hai paura del buio?, promosso dagli Afterhours: si tratta di un festival culturale itinerante a cui prendono parte non solo altri musicisti (tra cui Marta sui Tubi, Il Teatro degli Orrori, i Ministri, Daniele Silvestri e Verdena), ma anche attori di cinema e teatro (Antonio Rezza con Flavia Mastrella, Michele Riondino), scrittori (Chiara Gamberale, Paolo Giordano), disegnatori e ballerini.[3][4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.hagakureapps.it/nike/tab_giovaneitalia/giovane_italia.pdf
  2. ^ Nuova raccolta di racconti di Emidio Clementi – MASSIMO VOLUME OFFICIAL WEBSITE
  3. ^ HAI PAURA DEL BUIO? IL MANIFESTO xelle.it
  4. ^ Un nuovo evento “firmato” Afterhours rollingstonemagazine.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]