Embrione (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Embrione
Embrione film.jpg
L'uomo mentre tortura la ragazza
Titolo originale Taiji ga mitsuryô suru toki
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1966
Durata 72 min
Colore b/n
Audio sonoro
Genere drammatico, Pinku eiga
Regia Koji Wakamatsu
Sceneggiatura Masao Adachi
Fotografia Hideo Itoh
Montaggio Fumio Miyata
Interpreti e personaggi
« Perisca il giorno in cui nacqui! Perché non sono morto nell'utero! Perché non sono spirato appena uscito dal grembo? »
(La frase ad inizio film, tratta dal Libro di Giobbe)

Embrione è un film del 1966, diretto da Koji Wakamatsu. È stata la prima opera indipendente girata dal regista e prodotta dalla sua casa di produzione, la Wakamatsu Productions.

Il film, appartenente al genere pinku eiga di cui Wakamatsu è un esponente di spicco, è una cupa ed angosciante riflessione sulla solitudine dell'uomo; ambientato interamente nell'appartamento dell'uomo, eccezion fatta per la fugace scena iniziale, Embrione è una pellicola disturbante e visionaria[1] che si distingue per alcuni lampi surrealisti[2], erotismo e scene di violenza a tratti insostenibile, tutti elementi tipici del cinema di Wakamatsu. Dopo l'uscita del film, il regista disse

« La violenza, il corpo e il sesso sono parte integrante della vita.[3] »

La traduzione del titolo originale è Quando l'embrione caccia di frodo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il boss di un grande magazzino rimorchia una sua commessa e la conduce in un suo appartamento (spoglio, privo quasi interamente di mobilio) per passare insieme una notte di passione. Ma quella che doveva essere una semplice avventura, si trasforma per la ragazza in un lungo e terrificante incubo; l'uomo, un mitomane disgustato dalla vita perché secondo lui troppo lunga da vivere e fatta soltanto di solitudine e sofferenza, la spoglia e la tiene per giorni legata al letto, sottoponendola ad innumerevoli torture, fisiche e psicologiche. Nell'arco di questo sequestro, l'uomo rievoca episodi della sua passata vita coniugale, in cui si era rifiutato di avere figli dalla moglie, sempre a causa della sua concezione pessimistica della vita terrena. Ma alla fine la ragazza, dopo aver subito sevizie di ogni genere, riesce finalmente a reagire ed a vendicarsi a sua volta delle violenze subite.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Data d'uscita[modifica | modifica sorgente]

In Giappone è uscito nel luglio del 1966, in Italia è stato trasmesso direttamente in televisione nel programma Fuori orario. Cose (mai) viste.

Critica[modifica | modifica sorgente]

  • Un film delirante, costruito su un gioco di specchi; piccoli tocchi surrealisti, inquadrature astratte. Il dizionario Morandini che assegna al film tre stelle su cinque di giudizio.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Recensione di Davide Morena su MyMovies
  2. ^ a b Il Morandini 2011, di Laura, Luisa e Morando Morandini, p. 482
  3. ^ Jack Hunter, Eros In Hell: Sex, Blood And Violence In Japanese Cinema, U.K., Creation Books, 1998 p. 37

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema