Emberiza leucocephalos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Zigolo golarossa
Emberiza leucocephalos NAUMANN.jpg
Emberiza leucocephalos
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Emberizidae
Genere Emberiza
Specie E. leucocephalos
Nomenclatura binomiale
Emberiza leucocephalos
S.G.Gmelin, 1771

Lo zigolo golarossa (Emberiza leucocephalos S.G.Gmelin, 1771) è un uccello della famiglia degli Emberizidi.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristica di questo zigolo, come dice anche il nome italiano, è la gola di colore rosso, per i resto ha la schiena striata di marrone e nero, il petto è chiaro, con macchie marroni, sotto l'occhio ha una striscia bianca; la femmina sostituisce il rosso con il grigio, come taglia raggiunge i 18 cm di lunghezza, ed i 28 grammi di peso.[senza fonte]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Vive in gruppi di circa una decina di esemplari.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Emberiza leucocephalos

Si riproduce come tanti uccelli abituati ai climi della Siberia, in piena primavera.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Dieta identica a tutti gli esemplari della sua specie: semi come dieta base ed insetti per integrare.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Lo si trova nelle regioni settentrionali di Europa ed Asia, dalla Russia sino alla Cina.[1]

I suoi habitat naturali sono la tundra, la taiga, e i pascoli aperti, fino ai 2500 m s.l.m.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Ha due sottospecie:

  • Emberiza leucocephalos leucocephalos Gmelin, SG, 1771
  • Emberiza leucocephalos fronto Stresemann, 1930

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2012, Emberiza leucocephalos in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Emberizidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'11 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli