Emanuele di Anatolia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santi Emanuele, Quadrato e Teodosio

Martire

Nascita Anatolia, presumibilmente III secolo
Morte Anatolia, III secolo
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 26 marzo
Attributi Rappresentato come un giovane nudo legato ad un albero col corpo trapassato da chiodi; suo attributo è la palma

Emanuele di Anatolia è un santo cristiano che visse presumibilmente nel III secolo in Anatolia. Fu martirizzato insieme a Codrato (conosciuto anche come Quadrato) e a Teodosio. Secondo quanto narrato da uno dei sinassari bizantini si narra che Codrato, vescovo di una giovane comunità di cristiani dell'Asia minore, era stato dissuaso dai pagani dal manifestare la sua fede e dall'esercitare la sua guida nella comunità, ma rifiutatosi fu catturato ed ucciso. Dopo la morte del pastore, Emanuele e Teodosio si presentarono al governatore della provincia professando apertamente la loro fede per rendere testimonianza, pur sapendo cosa rischiassero. Furono torturati e decapitati. Le fonti sono incomplete ed imprecise circa il periodo storico in cui il martirio accadde.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]