Emanuele Riverso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Emanuele Riverso (Napoli, 23 dicembre 1928Napoli, 1 gennaio 2007) è stato un filosofo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Emanuele Riverso si laurea in filosofia nel 1951 presso l'Università di Napoli. Dal 1961 è docente di Storia della filosofia presso l'Università di Salerno. Nel 1966 riceve il Premio Nazionale “Tetradramma d’oro".

Dal 1982 per cinque anni è professore associato all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dal 1987 diventa ordinario di Filosofia del linguaggio all’Università di Salerno fino al 2001.

Nel 1998 fu inserito tra i 500 intellettuali più importanti d’Europa. Nel 2002 tra i 2000 intellettuali “eccellenti” del XXI secolo.[1]

I suoi studi hanno spaziato dalla filosofia critica ed analitica, alla logica formale, è stato esperto in problemi di linguistica, con particolare specializzazione nei rapporti tra cultura occidentale e cultura islamica e di filosofia delle scienze e delle culture. La sua attività ha portato alla pubblicazione di 45 volumi, 26 traduzioni e curatele ed oltre 500 articoli scientifici.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Intorno al pensiero di Karl Barth. Colpa e giustificazione nella reazione antiimmanentistica del "Roemerbrief" barthiano, 1951.
  • La teologia esistenzialistica di Karl Barth, 1955.
  • La costruzione interpretativa del mondo, analizzata dall' epistemologia genetica, 1956.
  • Metafisica e scientismo. Con un'appendice sulla logica di C.S.Peirce, 1957.
  • Il pensiero di Bertrand Russell. Esposizione storicocritica, 1958.
  • Introduzione alla filosofia e all'analisi del linguaggio, 1960.
  • Dalla magia alla scienza, 1961.
  • I problemi della conoscenza e del metodo nel sensismo degl'ideologi, 1962.
  • Analisi dell'esperienza estetica, 1963.
  • Il pensiero occidentale. Corso di storia della filosofia, 1964.
  • Le tappe della pedagogia nel mondo occidentale, 1964.
  • l pensiero di Ludovico Wittgenstein, 1964.
  • Natura e logo. La razionalizzazione dell'esperienza da Omero a Socrate, 1966.
  • La filosofia analitica in Inghilterra, 1969.
  • Il pensiero di Ludovico Wittgenstein, 1970.
  • La filosofia oggi, 1971.
  • Individuo, società e cultura. Introduzione alla psicologia dei processi culturali, 1971.
  • La nostra immagine dell'Universo. Astronomia e ideologia, 1971.
  • Il pensiero di Bertrand Russell, 1972.
  • Il pragmatismo, 1972.
  • Aspetti della spiritualità europea dal '500 al '600, 1973.
  • Il linguaggio nel pensiero filosofico e pedagogico del mondo antico, 1973.
  • Democrazia, Isonomia e Concetto di Stato, 1975.
  • Le correnti filosofiche del '900, 1976.
  • Riferimento e struttura; Il problema logico-analitico e l'opera di Strawson, 1977.
  • Democrazia e gioco maggioritario, 1977.
  • Filosofia analitica del tempo, 1979.
  • Ideologia e società nell'Islam, 1979.
  • La città e lo Stato; Alle origini del pensiero politico occidentale, 1982.
  • Millikan e la carica dell'elettrone, 1982.
  • Esperienza e riflessione, le tappe della filosofia e della scienza nella cultura occidentale, 1983.
  • Piaget; Filosofo, epistemologo, psicologo e pedagogista, 1985.
  • L'Islam; Crogiuolo d'idee, di problemi, di angosce, 1985
  • Forme culturali e paradigmi umani; Le tappe del pensiero filosofico e pedagogico nella cultura occidentale, 1988.
  • Paradigmi umani e educazione, 1990.
  • Filosofia del linguaggio; Dalla forma al significato, 1990.
  • Cose e parole nella traduzione interculturale, 1993.
  • Come Bruno iniziò a parlare: Diario di una maestra di sostegno, 1994.
  • La rimozione dell'Eros nel Giansenismo, 1995.
  • Civiltà, libertà e mercato nella città greca antica, 1995, (Working Papers n. 16, della Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli, LUISS, Roma).
  • ''Capire l'Islam, 2003.
  • Iran, Da Zarathuštra all'Islâm. Un viaggio al centro dell'immaginario religioso e mistico che ha influenzato l'umanità, 2003.
  • Islâm, morale e dottrina, 2005.
  • Cogitata et scripta, 2007.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Con Emanuele Riverso scompare un vero filosofo del linguaggio, La Tribuna, Quindicinale di Informazione, Anno XIX - N.9 - 15 maggio 2007, pag. 5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]