Emanuele (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Manuele o Emanuele sono una famiglia di origine reale, discendente dai Re di Castiglia[1][2], dimorante anticamente in Palermo e Salemi.

Il capostipite siciliano fu un Coraldo Rodolfo, consigliere militare e familiare (fu nipote di Manuel settimogenito di Ferdinando III di Castiglia[3][4]) di Re Pietro d'Aragona, nominato da lui il 24 dicembre 1282 uno dei sei cavalieri incaricati di scegliere il luogo ed il giorno del combattimento con re Carlo I d'Angiò. Il 17 febbraio 1283 fu nominato giustiziere di Girgenti ed il 22 febbraio 1287 fu investito della baronia di Millusio.

La famiglia dal 1283 è stata proprietaria di 25 feudi, i più importanti sono Fontana salsa, Ganzeria, Merca, Belforte, Villabianca e Villa di Mare. Il primo a fregiarsi del titolo di marchese di Villabianca fu Benedetto Emanuele, per concessione di Filippo IV di Spagna nel 1655. Un Coraldo fu insignito del Cingolo Militare nel 1285 e nel 1287 gli venne concesso il titolo di barone da Giacomo II di Aragona. Un Giovanni per il valore dimostrato nelle guerre contro i Turchi ebbe la concessione da Alfonso V d'Aragona della baronia calabrese di Sibari nel 1437. Un Francesco Maria fu autore dell'opera in cinque volumi Della Sicilia nobile.

Arma: Di rosso, al leone d'oro, tenente una bandieruola di argento crociata di rosso, con la bordatura composta di 12 pezzi alternati: d'argento al leone di rosso e di rosso alla mano d'aquila d'oro, tenente una spada d'argento. Motto: Signifer vis et clementiae.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana: famiglie nobili e titolate viventi riconosciute dal R. Governo d'Italia volume III E - K, Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana, 1935.
    «Secondo molti autori (Surita, Annali di Aragona; Lopez de Haro, Nobiliario di Spagna; Inveges, Nobiliario Pretoriano; Sanchez, Vita del Re Pietro d'Aragona; Mugnos, Teatro della nobiltà del mondo; Noto, Vizzini antica; Giustiniani, Elogio di casa Sieripepoli) la famiglia Emanulele discende dalla Real casa di Castiglia».
  2. ^ Nobiliario di Sicilia del dott. A. Mango di Casalgerardo.
  3. ^ Francesco Maria Emanuele e Gaetani, Della Sicilia nobile, 1754. URL consultato il 26 settembre 2010.
  4. ^ G. B. di Crollalanza, Dizionario storico - blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti volume I pagina 375, editore Arnaldo Forni, Pisa 1886
  5. ^ Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana: famiglie nobili e titolate viventi riconosciute dal R. Governo d'Italia volume III E - K pagina 24, Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana, 1935.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorio Spreti, Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana, editore Arnaldo Forni
  • G.B. di Crollalanza, Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti, editore Arnaldo Forni, Pisa 1890