Elul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

In ebraico אלול, Elùl, è l'ultimo mese del calendario ebraico, secondo il computo ordinario; quindi il dodicesimo, o il tredicesimo negli anni embolismici. Sesto mese dopo l'uscita dall'Egitto.

Il nome è acronimo dell'espressione: Anì ledodì wedodì lì (אני לדודי ודודי לי) le cui rispettive iniziali formano appunto אלול ("Elul") che corrisponde alla frase nel Cantico dei Cantici: "Io sono del mio diletto, e il mio diletto è mio"6.3.

Un possibile etimo accadico lo riconduce al termine raccolto.

In questo mese sono presenti delle preghiere che fanno gli ebrei come pentimento chiamate selichot che vanno dall'inizio del mese (Rosh Chodesh Elul: vi sono comunque differenti Minhaghim) fino al digiuno del Kippur (10 tishrì). In questo periodo gli ebrei compiono le Asseret Yemei Teshuvah (cfr Ricorrenze ebraiche), cioè i giorni del pentimento, e devono chiedere perdono dei propri peccati a coloro che li hanno subiti, i quali di norma devono concedere il perdono.

Terminato Kippur si celebrerà poi il Dono della Legge (שימכת תורה, Simchat Torah, letteralmente la gioia della Torah).

Al termine del mese di Elul invece si era già celebrato il capodanno ebraico con due giorni di festa.