Ellsworth Kelly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

'Ellsworth Kelly (Newburgh, 31 maggio 1923) è un pittore e scultore statunitense,[1][2][3] tra i primi più noti esponenti dellHard edge painting ("pittura a contrasti netti") e del Minimalismo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Secondogenito di tre figli nati da Allan Howe Kelly, dirigente di un'agenzia di assicurazioni, e Florence Bithens, insegnante.[3] Poco dopo la sua nascita, la famiglia si trasferisce nel New Jersey, cambiando città di anno in anno a causa del lavoro dei genitori.

Passa molto tempo in solitudine, condizione che lo spinge a trovare interessi inusuali, come il bird watching[3], attività che lo aiuta a sviluppare interesse per la forma e il colore, e che lo appassionerà per il resto della vita. Intraprende studi sui trattati di ornitologi di fama mondiale come Louis Agassiz Fuertes e John James Audubon, che esercitano una forte influenza in lui.

Frequenta la scuola pubblica, ambiente al tempo fortemente influenzato dalle teorie sull'educazione progressiva promulgate dal Columbia University Teacher's College, che promuovono lo sviluppo della creatività attraverso l'ampia presenza di materie artistiche. Pur riluttanti, i genitori gli mantengono gli studi al Pratt Institute di Brooklyn,[1][2][4] che

frequenta dal 1941 fino alla chiamata alle Armi nel 1943. Qui riesce a farsi assegnare al dipartimento artistico, dove ha modo di insegnare alle truppe l'arte del mimetismo e altri stratagemmi visivi per ingannare il nemico nelle azioni di guerra.[3][4]

Nel 1948, congedatosi, e grazie al lauto stipendio da militare, si mantiene gli studi alla School of the Museum of Fine Arts di Boston[1][4] e all'École nationale supérieure des Beaux-Arts di Parigi.[2] Qui conosce Jean Arp, Constantin Brancusi, Alexander Calder e Joan Mirò[2][4] dei quali la rappresentazione semplificata delle forme presenti in natura influenzerà il suo stile negli anni a venire.

Nel 1949 abbandona l'arte figurativa per dedicarsi alla corrente Hard-Edge painting,[2] inserita nel filone dell'Espressionismo astratto, contraddistinta dalla prominenza di forme geometriche semplici, lineari e spesso taglienti, contrasti cromatici particolarmente forti creati con colori vividi e uniformi. Sarà inoltre tra i primi a impiegare tele con forme sagomate e non regolari.[1]

Nel 1954, dopo sei anni di soggiorno a Parigi in cui elabora un proprio stile personale, torna negli Stati Uniti e tiene la sua prima mostra personale alla Betty Parsons Gallery nel 1956.[2] In questi anni vive in una comunità di artisti tra cui Robert Indiana, Agnes Martin e James Rosenquist in un loft di Manhattan.[2][3][4]

Dal 2001 vive e lavora nel suo studio di Spencertown, a New York.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William Rubin, Ellsworth Kelly: The Big Form, Art News, vol. 62, n° 7, 1963.
  • John Coplans, Ellsworth Kelly, New York: H.N. Abrams, 1972.
  • E.C. Goossen, Ellsworth Kelly, Greenwich, CT: New York Graphic Society, 1973.
  • Patterson Sims, Emily Raugh Pulitzer, Ellsworth Kelly: Sculpture, New York: Whitney Museum of American Art, 1982.
  • MichaelPlante, Things to Cover Walls: Ellsworth Kelly’s Paris Paintings and the tradition of Mural Decoration, American Art, vol. 9, n° 1, 1995.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Gallerie Arte Contemporanea, ArtFairs - ArtEconomy24
  2. ^ a b c d e f g Collection Online | Ellsworth Kelly
  3. ^ a b c d e Ellsworth Kelly Biography, Art, and Analysis of Works | The Art Story
  4. ^ a b c d e MoMA | The Collection | Ellsworth Kelly. (American, born 1923)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22150762 LCCN: n79100538