Elizabeth Butler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elizabeth Butler, contessa di Chesterfield (Castello di Kilkenny, 29 giugno 1640luglio 1665), è stata una nobildonna irlandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque al Castello di Kilkenny, in Irlanda, figlia maggiore di James Butler, I duca di Ormonde e di sua moglie Lady Elizabeth Preston.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 settembre 1660 sposò Philip Stanhope, conte di Chesterfield. Ebbero una figlia:

Suo marito era stato uno degli amanti di Barbara Villiers, amante del re Carlo II d'Inghilterra. Ci furono molti a corte che credettero che il primo figlio di Barbara, Anna avesse una forte somiglianza con Chesterfield. La sua prima moglie fu Lady Anne Percy, figlia di Algernon Percy, X conte di Northumberland, tuttavia, morì il 29 novembre 1654, senza aver avuto figli.

Ci furono delle voci sulla nascita della figlia. Secondo Samuel Pepys, il loro era un matrimonio di convenienza, ma Chesterfield divenne geloso quando si sparse la voce che la moglie stava facendo affari sia con James Hamilton e Giacomo, duca di York, con il quale è detto di essere stata colta in flagrante. D'altra parte, egli descrive Elizabeth come «una donna virtuosa".

Il cavaliere de Grammont, nelle sue memorie, descrive Elizabeth: "lei aveva una forma squisita, anche se non era molto alta, la sua carnagione era estremamente leale, con tutto il fascino espressiva di una bruna, aveva grandi occhi azzurri, molto allettante e affascinante, i suoi modi sono stati impegnati, il suo spirito vivace e divertente, ma il suo cuore, sempre aperto ai sentimenti teneri, non era né scrupoloso in fatto di costanza, né bello in punto di sincerità ".

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì nel luglio 1665 poco dopo il suo 25º compleanno ed è stato sepolta a Wellingborough, Northamptonshire.