Elisabetta Elena di Thurn und Taxis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisabetta Elena di Thurn und Taxis
ElisatundT.jpg
Margravina di Meissen
Nascita Ratisbona, Regno di Baviera, 15 dicembre 1903
Morte Monaco di Baviera, Germania Ovest, 22 ottobre 1976
Luogo di sepoltura Königskapelle a Karrösten nel Nord Tirolo
Padre Alberto, VIII Principe di Thurn und Taxis
Madre Arciduchessa Margherita Clementina d'Austria
Consorte Federico Cristiano, Margravio di Meissen

Elisabetta Elena Maria Valeria Francesca Massimiliana Antonia di Thurn und Taxis (Ratisbona, 15 dicembre 1903Monaco di Baviera, ottobre 1976) fu una principessa tedesca e marchesa di Meissen.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Alberto I di Thurn und Taxis e dell'arciduchessa Margherita Clementina d'Austria, figlia del principe palatino d'Ungheria Giuseppe Carlo Luigi d'Asburgo-Lorena.

Elisabetta Elena appartenne alla dinastia dei principi Thurn und Taxis, un tempo addetta al servizio postale del Sacro Romano Impero e poi resa nobile dal XVII secolo. Nelle vene di Elisabetta scorreva inoltre, per via materna, anche il sangue della grande dinastia imperiale degli Asburgo-Lorena.

Sua nonna fu Elena di Baviera, sorella dell'imperatrice Elisabetta d'Austria e della regina Maria Sofia delle Due Sicilie.

Venne data in sposa ventenne al principe ereditario Federico Cristiano di Sassonia, figlio del re di Sassonia Federico Augusto III. Il matrimonio venne celebrato a Ratisbona il 16 giugno 1923[1] e le diede il titolo di principessa reale.

Elisabetta Elena diede al marito cinque figli[2]:

Elisabetta non divenne però mai regina: suo suocero infatti, re dal 1904, rinunciò al trono il 13 novembre 1918 e la Sassonia divenne una regione amministrativa della Repubblica di Weimar.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Thurn 5
  2. ^ Wettin 12

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]