Elisa di Rivombrosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisa di Rivombrosa
ElisadiRivombrosa.png
Immagine dalla sigla
Paese Italia
Anno 2003-2005
Formato serie TV
Genere sentimentale
Stagioni 2
Episodi 26
Durata 100 min (episodio)
Lingua originale italiano
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore Colore
Audio Stereo
Crediti
Ideatore Cinzia TH Torrini
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Fotografia Alessandro Pesci, Roberto Cimatti, Giuliano Giustini, Roberto Meddi
Musiche Savio Riccardi
Produttore
Casa di produzione Together Production International
Prima visione
Prima TV Italia
Dal 17 dicembre 2003
Al 1º dicembre 2005
Rete televisiva Canale 5
Premi
Opere audiovisive correlate
Spin-off La figlia di Elisa - Ritorno a Rivombrosa

Elisa di Rivombrosa è stata una serie televisiva italiana, andata in onda per due stagioni dal 17 dicembre 2003 al 1º dicembre 2005 in prima serata su Canale 5; repliche della serie sono state trasmesse sul canale La5.

La prima stagione della fiction è parzialmente ispirata al romanzo inglese Pamela, o la virtù premiata (1740) di Samuel Richardson e racconta della storia d'amore travagliata tra Elisa, una ragazza di umili origini, e l'arrogante conte Fabrizio Ristori, sullo sfondo di una cospirazione ai danni del Re; la serie è caratterizzata da un racconto di tipo corale dove, accanto alle storie dei due protagonisti, si dipanano quelle dei nobili, della servitù e della gente comune del borgo di Rivombrosa; inoltre è stata un grande successo di ascolti, soprattutto durante la prima stagione che ha visto gli ascolti aumentare di episodio in episodio.

In seguito all'ottimo riscontro venne prodotta una seconda stagione cui però Alessandro Preziosi non volle prendere parte a pieno ritmo; pertanto il suo personaggio esce di scena dopo i primi due episodi e quindi la nuova storia vede Elisa in guai finanziari a causa dell'arrivo dei fratelli Benac, due uomini d'affari, a Rivombrosa e del viaggio che lei intraprende verso Napoli dove cerca l'appoggio di una famiglia nobile amica di Fabrizio per poi essere invischiata anche qui in vicende di complotti e intrighi; questo secondo ciclo ottenne invece un riscontro più moderato (soprattutto a causa della risoluzione della storia d'amore tra Elisa e Fabrizio) ma comunque di circa 5,5 milioni di spettatori di media. Anche la regista Cinzia TH Torrini lascia la regia dopo i primi sei episodi per essere poi sostituita per i restanti da Stefano Alleva[1].

La serie venne raccolta in DVD dal settimanale TV Sorrisi e Canzoni (dove ogni stagione venne pubblicata in un formato di 26 episodi da 45/50 minuti invece di quello televisivo di 13 episodi da 100 minuti) e in seguito commercializzate sul sito di Mediashopping. La serie è stata seguita da uno spin-off, La figlia di Elisa - Ritorno a Rivombrosa, andato in onda nel 2007.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'amore  sognato, quello che sfida le convenzioni e la morte stessa.  Questo il perno su cui poggia la vicenda di Elisa Scalzi, una ragazza nata povera cui la natura ha dato una gran nobiltà d'animo e la cui bellezza riscalderà il cuore del conte Fabrizio Ristori. Come Cenerentola, Elisa si muove tra l'invidia della servitù e l'alterigia della famiglia blasonata, come una moderna eroina diventa la protagonista positiva di un intricatissimo complotto ai danni del Re, complotto che proprio la sua fragile femminilità però aiuterà a sventare.  Le atmosfere sono quelle dei grandi romanzi d'appendice con al centro l'elegante tenuta di Rivombrosa. La trama è ordita attorno alla nobiltà di una Torino già complessa ma non ancora capitale d'Italia. Il cuore del racconto verterà sul riscatto della nostra eroina, a dispetto delle imposizioni e dei pregiudizi della casta dominante.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Elisa di Rivombrosa (prima stagione).

Piemonte 1769. La giovane Elisa Scalzi è una ragazza di umili origini che lavora al castello della contea di Rivombrosa come dama di compagnia dell'anziana Contessa Agnese Ristori. La nobildonna è ormai verso la fine dei suoi anni e ha un solo grande desiderio: rivedere il figlio Fabrizio, partito 10 anni prima per arruolarsi come soldato nell'Esercito Francese. Elisa, senza consultare la figlia della contessa Anna, scrive una lettera al Conte pregandolo di tornare perché la madre possa incontrare il figlio prima di morire. Fabrizio che è ormai un ufficiale del Reggimento Francese accoglie la richiesta e decide di partire alla volta di Rivombrosa, ma prima di lasciare il comando militare, al Conte viene consegnata una Lista di nomi assai importante per la sopravvivenza del Regno guidato da sua maestà Carlo Emanuele III di Savoia. Intanto nella capitale, il Consigliere di Sua Maestà Marchese Jean Luce Beauville avvisa il Governatore del Regno, Duca Ottavio Ranieri, che una lista contenente i nomi dei congiurati contro il Re sta per arrivare a Torino. Ranieri, che segretamente è a capo della Congiura insieme alla moglie del Consigliere la Marchesa Lucrezia Van Necker, fa in modo che l'ufficiale che deve consegnare la lista venga colto da un'imboscata. Fabrizio riesce a sfuggire al tentativo di aggressione e raggiunge Rivombrosa senza problemi. Qui il Conte riabbraccia la madre e fa la conoscenza di Elisa che pensa essere di origini nobili. La sorella del conte, Anna, insieme alla Contessa Agnese decide di organizzare una festa in onore del ritorno di Fabrizio. Alla festa partecipano tutti i nobili della regione fra cui il Consigliere del Re e sua moglie Lucrezia, che 10 anni prima era promessa sposa del Conte Ristori e con cui ad oggi scorre astio. Il Conte dà scandalo ballando con Elisa, che tutti sanno essere una serva e non una nobile. Fabrizio alla scoperta della verità si scaglia in modo crudele contro Elisa, si sente tradito ingannato e preso in giro. Le difese della donna vengono abbattute definitivamente con la morte della Contessa Agnese che distrugge Elisa e crea un divario con Ristori. Intanto i congiurati comprendono che il depositario dei pericolosi documenti è proprio il Conte, quindi Lucrezia si offre di recuperarli fingendosi amica del bel soldato. Fabrizio viene messo quasi sul punto di consegnare la lista a Ranieri ma ben presto comprende che lui è uno dei traditori e riesce a sfuggire ai suoi sgherri. Lucrezia fa in modo che il Conte sia arrestato prima che possa consegnare i documenti al Re e venga arrestato da Ranieri. Per sfuggire ai suoi assalitori, Fabrizio rimane ferito e torna moribondo a Rivombrosa. Qui Elisa e Anna fanno di tutto per salvare il Conte e contattano il dottor. Ceppi per curarlo. Chiamare Ceppi è molto duro per Anna in quanto i due erano in passato promessi, ma Antonio la rifiutò per sposare una serva. Quando il Conte si riprende, si ricongiunge ad Elisa e fra i due scoppia la passione. Il sentimento viene ripudiato in modo drastico dal pensiero puritano di Anna che fa di tutto, appoggiata dal marito Alvise, per dividerli. Soli contro tutti, i due innamorati decidono di andare segretamente alla Pieve di Rivombrosa e sposarsi durante la notte, ma il cadavere di Don Tognino li sconvolge. Il prete è stato fatto uccidere da Lucrezia a cui il cugino, l'Abate Van Necker, ha rivelato che i concubini si sarebbero uniti segretamente nella notte. Ranieri approfitta dell'omicidio per recarsi a Rivombrosa e cercare di convincere Ristori a consegnare i documenti, ma Fabrizio non accetta. Due sgherri del Duca aggrediscono Elisa in cerca della lista e Fabrizio dopo averli assassinati dichiara aperta la guerra contro Ranieri. Ristori è deciso a consegnare i documenti e nel tentativo di incontrare il Re si trova a dover sventare un attentato ai suoi danni voluto dai congiurati. Elisa scopre che lo sguattero dell'osteria, Martino, è figlio illegittimo del Conte Ristori grazie ad una voglia che li contraddistingue. Il Conte porta il piccolo a Rivombrosa, destando scandalo per Anna ed Alvise che con la collaborazione del notaio Sorbelloni e dell'Abate Van Necker cercano di farlo interdire. Fabrizio comprende le loro intenzioni e adirato accetta la sfida dichiarando al mondo intero che sposerà Elisa, organizzando una grossa cerimonia per l'evento. Anna chiede aiuto a Lucrezia affinché faccia pressioni al cugino per non sposare i due. Dopo che i nobili abbandonano la cerimonia sdegnati e sconvolti, Fabrizio caccia dalla tenuta la sorella e il cognato dichiarando a tutti che con Elisa lui andrà in fondo perché la ama. Nella notte dei ladri inviati da Ranieri penetrano nel Castello in cerca della lista e dopo aver assassinato un servo, ingaggiano un duello con il Conte che li punisce a dovere. Uno di essi fugge e durante una colluttazione con Elisa sulle scale le fa perdere il bambino che porta in grembo. Il dottor Ceppi comunica alla giovane donna che non potrà diventare più madre e questo getta nella ragazza rabbia e sconforto. Lucrezia coglie la palla al balzo e si trasferisce a Rivombrosa per stare vicino ad Elisa da buon amica nel reale intento di recuperare la lista. Fallendo nelle ricerche, la Marchesa dice di essere la madre del piccolo Martino che abbandonò dopo la nascita per sposare il Consigliere Beaville obbligata dai genitori. Fabrizio sconvolto permette al figlio di trasferirsi a casa Van Necker, creando sconforto in Elisa. Anna intanto subisce i bagordi e la lussuria del marito Alvise e inorridita chiede perdono al fratello e torna a Rivombrosa, dove si riappacifica con Elisa e cambia profondamente il suo modo di pensare. Le rivelazioni dell'Abate portano Fabrizio a scontrarsi con la Van Necker che però lo disarma con un bacio. Elisa affronta la malvagia donna e le intima di stare lontana dalla sua famiglia una volta per tutte. Mentre il Conte Giulio Drago muore suicida dopo essersi scontrato con Fabrizio per recuperare i documenti nella biblioteca di Rivombrosa, Lucrezia ordina alla sua dama di compagnia Isabella di uccidere Elisa con un veleno molto raro. Quando Isabella rifiuta di commettere l'omicidio, Lucrezia la uccide e ne fa scomparire il cadavere. Elisa riesce a dimostrare che la Marchesa non è la madre di Martino ma che si è inventata tutto. Alla luce dei fatti, Fabrizio comprende che il nome accanto a quello di Ranieri nella lista non è quello del consigliere Beauville, ma quello di sua moglie. Quando il Conte è pronto a rivelare la verità al Consigliere del Re, Lucrezia uccide il marito e con la complicità di Ranieri fa ricadere la colpa su Ristori. Mentre Elisa si rifugia da Suor Margherita in città e assiste al processo sperando di salvare l'amato, a Rivombrosa il Marchese Alvise approfitta dell'arresto del cognato e si stabilisce a Rivombrosa rendendo la vita impossibile ad Anna. La Contessa al processo accusa i congiurati ma i giudici non le credono e la sua testimonianza è vana. Mentre il dottor Ceppi comunica ad Alvise che è malato di sifilide, Fabrizio viene condannato a morte per decapitazione. Lucrezia è disperata: il suo gioco si è spinto troppo oltre ed essendo ancora innamorata dell'ex promesso, si scontra con Ranieri. Il Duca è pronto a tutto, vuole avere quei documenti ad ogni costo e per averli cerca di rapire Elisa per costringere il conte a parlare. Fabrizio non si sbilancia e accetta passivamente di morire. Ma Elisa, tenendo sotto tiro Lucrezia la obbliga a farla arrivare in città e dopo di ché si appresta a consegnare i documenti al Re nel giorno dell'esecuzione aiutata dalla Duchessa Clelia Bussani. La donna viene però uccisa dagli sgherri di Ranieri. Mentre Anna si ribella e abbandona il marito a morte sicura e si ricongiunge sentimentalmente con Antonio Ceppi, Lucrezia fugge dal Piemonte per sfuggire all'arresto. Elisa travestita consegna la lista al Re e Ranieri dopo uno scontro corpo a corpo con Fabrizio, viene arrestato e condannato a morte. Sua maestà nomina Elisa contessa per il coraggio e la lealtà dimostrata. Ora che i due finalmente possono sposarsi senza alcuno scandalo, la donna confessa a Fabrizio di essere inaspettatamente incinta.

La prima stagione ha riscosso un grandissimo successo: l'ultima puntata è stata seguita da 12.080.000 telespettatori, con uno share pari al 41,54%; il picco si è registrato nella scena finale, con 13.513.000 telespettatori[2]. La serie infatti ha vinto 4 Telegatti nel 2004: Fiction dell'anno, miglior programma dell'anno, e sia Vittoria Puccini (Elisa) che Alessandro Preziosi (Fabrizio) hanno ricevuto il Telegatto come personaggio femminile e maschile dell'anno per aver partecipato alla serie.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Elisa di Rivombrosa (seconda stagione).

Dopo aver sventato la congiura contro il Re, Elisa e Fabrizio hanno ripreso il controllo del Castello di Rivombrosa e possono finalmente coronare il loro sogno d'amore sposandosi davanti a Dio. I conti passano periodi felici, all'insegna della gioia e della spensieratezza. Anna vive felicemente la sua storia d'amore con Antonio Ceppi. I problemi però cominciano a farsi vedere: due borghesi, Armand e Victor Benac arrivano alla Contea per il rientro di un debito stipulato con Alvise, il defunto marito di Anna. Fabrizio è pronto a pagare i debiti del cognato e decide di mettersi all'opera per garantire a Rivombrosa una dignitosa ed onorata contea all'interno del regno. Mentre Ranieri fugge dal Carcere coperto dal figlio del Re, Carlo Emanuele III muore. Intanto Elisa dà alla luce la piccola Agnese. L'amore per la piccola non basta a far allontanare i nemici: Ranieri devasta le terre dei Ristori facendo perdere a Fabrizio tutti i raccolti e impedendogli di pagare il debito. Mentreuna grave epidemia di colera devasta Rivombrosa coinvolgendo anche Martino, Armand (che dei fratelli è il più avido) stipula un'alleanza con il Duca Ranieri per eliminare Ristori e prendersi Rivombrosa. Elisa e Fabrizio riescono a salvare la vita del piccolo Martino, ma il giorno di Natale il Conte subisce un'imboscata e solo contro quattro uomini cerca inerte di difendersi. Dopo aver sconfitto e ucciso l'odiato Ranieri, Fabrizio si dirige sulla groppa del suo cavallo e muore poco dopo colpito alle spalle da Armand. La morte del Conte devasta Rivombrosa e rende Elisa ormai una donna priva della voglia di vivere, mentre Victor scopre le responsabilità del fratello e lo caccia dal Piemonte. Anna e Antonio si trasferiscono a Rivombrosa per amministrare l'ormai disastrata tenuta e accudire la piccola Agnese e Martino, molto provato per la perdita del padre. Passano gli anni e per Elisa c'è una parvenza di sereno: riprende così ad occuparsi delle tenuta decidendo così di assolvere ai doveri che aveva preso il marito decidendo ci pagare i debiti di Alvise. Elisa stipula un accordo scritto con Victor in cui si impegna entro un mese a restituire il denaro. La Contessa parte alla volta di Napoli, dove spera di contare sull'aiuto del barone Michele di Conegliano. Questi è morto alcuni mesi prima, ma la moglie dell'uomo, la baronessa Cristinella prega Elisa di restare come moglie di un caro amico del defunto marito. A Napoli la contessa ritrova Isabella, la ex dama di compagnia di Lucrezia Van Necker sopravvissuta alla pugnalata infertale dalla marchesa. A Rivombrosa intanto, Anna apprende con orrore che Antonio pratica studi su cadaveri per trovare un antidoto al Colera. La notizia arriva al Marchese Salvati, da sempre invaghito di Anna, che con l'occasione denuncia Ceppi e lo fa arrestare per esperimenti illegali. Elisa conosce il barone Nicola e apprende con felicità che l'uomo presterà il denaro per assolvere il debito ma non ha messo in conto di avere una nemica: Lucrezia Van Necker. La donna è diventata l'amante del barone e cerca in ogni modo di screditare ai suoi occhi la Contessa. Tanti sono gli insulti che deve subire alla fine anche da Nicola a causa dell'influenza della Marchesa. Agnese viene rapita insieme ad Amelia dalla stessa Lucrezia che vuole un gioiello appartenente al Barone di Conegliano. L'intervento di Christian Grey, un ufficiale militare della marina inglese che ha salvato Elisa più volte, permette alla donna di riavere la figlia senza cedere al ricatto. Il rapporto fra i due è distaccato e l'uomo rivendica contro Conegliano l'appartenenza dei suoi territori e possedimenti. Infatti lui è Cristiano Caracciolo principe di Montesanto, i cui genitori sono stati assassinati dal Barone Michele per impossessarsi dei suoi beni. Elisa dissuade l'uomo dal farsi vendetta da solo ma ben presto è costretta a darsi alla macchia: Lucrezia uccide la Baronessa Cristinella e fa ricadre le colpe sulla Contessa. Mentre Anna è costretta a concedersi a Salvati per salvare la vita di Antonio, Armand (che è tornato da tempo a Rivombrosa) si avvale del documento scritto di Elisa e espropria i Ristori da Rivombrosa all'insaputa di Victor. Elisa deve sfidare l'ira del barone in collera con lei per la morte della madre. Sfuggita ai tentativi di ucciderla, anche da parte della Van Necker, affronta Nicola e confessa la sua innocenza rivelando che l'unica responsabile è Lucrezia. Mentre vede Cristiano volare da un tetto, Elisa viene trascinata a forza sulla nave diretta a Rivombrosa. Lucrezia ormai smascherata, sta per essere uccisa, ma l'abile amalliatrice dice di aspettare un figlio e questo induce Nicola a lasciarla in vita. Lucrezia lascia Napoli e si presume torni a Venezia, dov'era fuggita quando la congiura era stata scoperta e sventata. Elisa tornata a Rivombrosa, sfida Armand pretendendo Rivombrosa. La donna non ha ancora in mente chi ha davanti: scopre ben presto che Benac è l'assassino di suo marito. Anna intanto cerca di bloccare il duello fra Ceppi e Salvati e pre salvare la vita ad antonio rimane ferita nel combattimento. Antonio la perdona e insieme ad Elisa si preparano a comprendere le ragioni per le quali Armand ha ucciso Fabrizio. La morte del testimone permette la scarcerazione del Benac che però proprio mentre sta per uccidere il fratello viene assassinato da Martino. Elisa vorrebbe accorrere a Napoli dall'amato Cristiano ma deve difendere Martino. Victor si prende la colpa dell'omicidio e riconsegna ai Ristori la tenuta. Mentre Anna e Antonio si sposano, Elisa viene rapita da Benac, follemente innamorato di lei. Cristiano arriva in Piemonte e salva l'amata dalla pazzia di Victor. Pace e giustizia sono state fatte ed Elisa, può finalmente riporre l'arma di Fabrizio sulla sua lapide.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 26 2003-2004
Seconda stagione 26 2005

Export[modifica | modifica wikitesto]

Elisa di Rivombrosa è stata trasmessa anche in Albania, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Spagna e Ucraina. In Canada è andata in onda su Telelatino.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Elisa di Rivombrosa.
  • Contessa Elisa Scalzi Ristori di Rivombrosa, interpretata da Vittoria Puccini. Elisa è la protagonista della storia, giovane serva virtuosa e cara che vede la sua vita trasformarsi nel giro di qualche mese trovandosi immersa in complotti settecenteschi di una nobiltà corrotta e viziata. Innamorata di Fabrizio Ristori, vive questo amore in modo contrastato dal divario sociale che li divide. (stagione 1-2)
  • Conte Fabrizio Federico Giovanni Clemente Ristori di Rivombrosa, interpretato da Alessandro Preziosi. Fabrizio è il protagonista maschile della storia. Ex ufficiale dell'Esercito francese, si trova depositario di un documento assai importante per le sorti del regno: una lista di congiurati che cospirano contro il Re. Per consegnare questa lista nelle mani del sovrano dovrà affrontare milioni di difficili prove. Innamorato di Elisa Scalzi, vive questo amore in modo contrastato perché lui è un nobile e lei no. (stagione 1-2)
  • Contessa Anna Ristori Radicati di Rivombrosa, interpretata da Antonella Fattori. Anna è la sorella maggiore di Fabrizio. Nobildonna ferrea di principi morali e religiosi che detesta Elisa per il rapporto che ha con la madre Agnese. Fa di tutto per ostacolare il sentimento del fratello con la serva, ma si troverà a pentirsi dei suoi atti. Vive con frustrazione il matrimonio con Alvise, che la tradisce e la rinnega. (stagione 1-2)
  • Marchesa Lucrezia Van Necker Beaville, interpretata da Jane Alexander. Lucrezia è l'antagonista della storia. Da sempre innamorata di Fabrizio Ristori, l'ha lasciato per sposare il Consigliere del Re Jean Luc Beauville. Dopo 10 anni, ritrova il Conte Ristori e si inserisce nel rapporto che ha con Elisa. La marchesa è anche coinvolta nella congiura contro il Re ed è amante del Governatore Ranieri. (stagione 1-2)
  • Duca Ottavio Ranieri, interpretato da Luca Ward. Ranieri è il Governatore del Regno e il capo delle guardie reali ma è anche alla guida della congiura ai danni del sovrano. Con Lucrezia, architetta i più avidi e pericolosi piani per recuperare la lista dalle mani di Fabrizio, arrivando anche a farlo condannare per un omicidio da lui non commesso. (stagione 1-2)
  • Dottor Antonio Ceppi, interpretato da Cesare Bocci. Era nobile, ma ha perso il suo titolo perché ha sposato una serva rifiutando la mano di Anna Ristori. Da sempre odiato e disprezzato dalla donna, supererà con fatica il suicidio della moglie e aiuterà Elisa e Fabrizio nella loro storia d'amore. Sarà di vitale aiuto ad Anna nel drastico e burrascoso rapporto con Alvise.(stagione 1-2)
  • Angelo Buondio, interpretato da Pierluigi Coppola. Fidato e sincero stalliere di Rivombrosa, è segretamente innamorato di Elisa. Dopo un iniziale scontro si troverà coinvolto nell'aiuto di Elisa e di Fabrizio nel tentativo di salvare la Corona. (stagione 1-2)
  • Amelia, interpretata da Marzia Ubaldi. Prima balia dei conti Ristori, poi fedele amica di Elisa, Amelia è la capa delle serve di Rivombrosa che aiuta più volte i due innamorati. (stagione 1-2)
  • Marchesa Margherita Maffei di Barbero, interpretata da Eleonora Mazzoni. Margherita è una nobile decaduta. Innamorata in modo incondizionata del Conte Drago, a causa della sua condizione economica non lo può sposare e questo crea nella giovane un grosso divario. Fondamentale aiutante di Elisa, Margherita si troverà a dover scegliere se divenire per sempre una donna di Dio e rinunciare quindi definitivamente a Giulio per salvare il padre dallo stato di malattia in cui versa oppure rimanere libera da qualsiasi vincolo. (stagione 1-2)
  • Marchese Alvise Radicati di Magliano, interpretato da Antonino Iuorio. Avido e perfido marito di Anna, Alvise si diletta fra bagordi e lussuria. Sogna da sempre di possedere Rivombrosa e di prendere il posto di Fabrizio. Diviene amante della giovane Betta Maffei, con cui instaura una lunga relazione. Si renderà complice della congiura guidata da Ranieri, ma Anna troverà la forza di sconfiggerlo. (stagione 1)
  • Conte Giulio Drago, interpretato da Kaspar Capparoni. Fedele amico di Fabrizio, vive in pena per il suo amore contrastato con la fidanzata Margherita. Si rende partecipe della congiura contro il Re, seppur non sfidi mai direttamente Fabrizio per ottenere la lista. Ormai abbandonato e obbligato da Lucrezia e Ranieri costringerà Fabrizio ad un duello mortale per recuperare i documenti. (stagione 1)
  • Duchessa Clelia Bussani, interpretata da Francesca Rettondini. Cugina di sua maestà, Clelia è una donna affascinate che ama giocare e stuzzicare gli uomini. Comprende cos'è il vero amore quando Fabrizio la rifiuta per non tradire Elisa. Sarà l'unica nobile a stare dalla parte dei due innamorati quando tutti i signori volteranno loro le spalle. Si scontrerà con Lucrezia e Ranieri per aiutare Elisa a salvare Fabrizio dalla pena di morte. (stagione 1)
  • Marchesa Betta Maffei di Barbero, interpretata da Giovanna Rei. Sorella minore di Margherita è una ragazza di facili costumi che diviene l'amante di Alvise per convenienza. Soggiornerà diverso tempo con l'amante, ma proprio questo rapporto la porterà alla rovina. (stagione 1)
  • Marchese Lelio Sorbelloni, interpretato da Enrico Beruschi. Uomo di legge coinvolto nella congiura. (stagione 1)
  • Abate Van Necker, interpretato da Elio Pandolfi. Cugino di Lucrezia Van Necker e guida spirituale dell'abazia, è una personalità ipocrita e debole che viene facilmente pilotata dalla nobiltà viziata. (stagione 1-2)
  • Artemisia Scalzi, interpretata da Marina Giordana. È la madre di Elisa. (stagione 1-2)
  • Marchese Ludovico Maffei di Barbero, interpretato da Vittorio Viviani. Il marchese Maffei è il padre di Margherita e Betta, non ché caro amico della Contessa Agnese. Maffei è un uomo molto provato per via dei debiti che si affliggono sulla sua casata e di conseguenza pe ril futuro delle figlie che non hanno ricchezze sufficienti per avere matrimoni con uomini potenti. Partecipa anch'esso alla congiura contro il Re, ma dopo un pentimento si rivelerà fondamentale per salvare la vita del sovrano. (stagione 1)
  • Marchese Jean Luc Beauville, interpretato da Antonio Salines. Marito di Lucrezia Van Necker e consigliere personale di Re Carlo Emanuele III fa di tutto per trovare i cospiratori che attentano alla corona. (stagione 1)
  • Victor Benac, interpretato da Giovanni Guidelli. Entra in scena nella seconda stagione come creditore di un debito contratto con il defunto Alvise, marito di Anna. Victor si accorda con Ristori per avere gradualmente il rientro del denaro prestato. Si troverà a scontrarsi con il fratello Armand e aiuterà più volte Elisa, di cui in fondo è follemente innamorato. (stagione 2)
  • Armand Benac, interpretato da Raffaello Balzo. Armand è il fratello di Victor ed il più avido dei due fratelli che desidera a tutti i costi Rivombrosa e la contessa Elisa. Si renderà complice del galeotto Duca Ranieri per togliere a Fabrizio i suoi beni e arriverà a compiere gesti estremi, per cui Victor avrà diversi problemi. (stagione 2)
  • Barone Nicola di Conegliano, interpretato da Sergio Assisi. Figlio di un vecchio amico di Fabrizio, Nicola è un uomo a cui piace la bella vita. Conosce Elisa e decide di aiutarla ad estinguere il suo debito con i Benac ma poi l'influenza di Lucrezia Van Necker porterà l'uomo ad allontanare la Ristori. Un fatto molto grave lo porterà a divenire uno spregiudicato assassino pronto a tutto pur di ottenere il suo scopo. (stagione 2)
  • Baronessa Cristinella di Conegliano, interpretata da Fiorenza Marchegiani. Madre di Nicola e moglie del barone amico di Fabrizio. Accoglie Elisa fra le sue braccia come una figlia e si impegna a difenderla dalla spregiudicatezza del figlio. Subirà la malvagità della perfida Lucrezia Van Necker. (stagione 2)
  • Re Carlo Emanuele III, interpretato da Philippe Leroy. Sovrano del regno ironico e molto stravagante. Mette in atto riforme che fanno indignare la nobiltà che per fermarlo organizza una congiura ai suoi danni. Ha un'amante fra il popolo: una fornaia. La morte del suo consigliere lo porterà a pensare che Fabrizio sia un traditore, salvo poi dover comprendere che i congiurati siano altri. (stagione 1-2)
  • Isabella, interpretata da Linda Batista. Isabella è una donna di origine orientale che presta lavoro come dama di compagnia di Lucrezia Van Necker. Prova una sorta di adorazione nei confronti della sua padrona, quando Lucrezia chiede lei un atto indegno e drastico e Isabella rifiuta, subisce l'ira della donna in modo drastico e drammatico. (stagione 1-2)
  • Marchese Ercole Salvati di Cerreto, interpretato da Stefano Quatrosi. Spietato Medico personale di sua Maestà e amico di Alvise, si invaghisce di Anna e fa di tutto per averla, anche scontrarsi con il dottore Antonio Ceppi. (stagione 2)

Musiche[modifica | modifica wikitesto]

I titoli dei brani di Savio Riccardi presenti nelle puntate della fiction:

Elisa di Rivombrosa

  • Tema Di Elisa
  • Amore E Guerra
  • Cavalcata
  • Congiura
  • Nel Silenzio Della Notte
  • Tema Di Elisa (Variante)
  • Lucrezia
  • Anime Strappate
  • Aria Di Festa
  • Galop
  • Romanza
  • Serenata Di Ramiro
  • Tarantella Dei Guitti
  • Tema Di Elisa (Titoli)
  • Assalto Furioso
  • Impetuoso
  • Ritorno Di Fabrizio
  • Promenade
  • Minuetto
  • Aria Di Mistero
  • Tenero Abbraccio
  • Dio Salvi Il Re
  • Promesse Silenziose

Elisa di Rivombrosa II

  • Tema di Christian
  • Tammurriata Dei Lazzaroni
  • Stella Maris
  • Tema di Elisa (chitarra portoghese)
  • Grazioso
  • Contraddanza Scalcagnata
  • Arietta
  • Funerale Conte Fabrizio
  • Presagi
  • Tammuriata Dei Coltelli
  • Tarantella Dei 4 Venti
  • Stella Maris (ripresa)
  • Il Viaggio
  • Tema di Elisa (violino struggente)
  • Moresca
  • Benac
  • Tema di Christian (violoncello)
  • Danza Della Vendemmia
  • Tema di Elisa

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2004 vince il premio del Telegatto come Trasmissione dell'anno e come Programma dell'Anno;
  • Nello stesso anno i protagonisti Vittoria Puccini e Alessandro Preziosi vincono il premio di personaggi dell'anno per l'interpretazione di Elisa Scalzi e del conte Fabrizio Ristori;
  • Nel Giugno 2004 i protagonisti e la regista ricevono il premio di Fiction dell'Anno del Cineturismo di Ischia;

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Per la realizzazione della seconda stagione di questa fiction-kolossal in costume, la produzione ha scelto Otranto come location per le riprese (iniziate i primi di ottobre del 2004 e terminate nel luglio 2005).
  • I costumi, un migliaio, sono stati tessuti a mano.
  • La serie ha ispirato anche un album di figurine e un fumetto con i fotogrammi originali, nonché una parodia Disney disegnata da Silvia Ziche intitolata Paperina di Rivondosa.
  • I due attori protagonisti, Vittoria Puccini e Alessandro Preziosi, si sono innamorati sul set e nel 2006 hanno avuto una figlia: Elena.
  • Jane Alexander si è dovuta tagliare corti i capelli per poter mettere le parrucche di Lucrezia mentre tutti gli altri si sono semplicemente fatti crescere i capelli della lunghezza giusta per fare le pettinature.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

In entrambe le stagioni le voci naturali di diversi attori stranieri sono state doppiate in modo da risultare in un italiano perfetto. Vi sono però alcune eccezioni: nella prima serie Linda Batista (Isabella), sebbene non sia italiana, recita con la propria voce mentre invece nella seconda stagione è stata doppiata da Alessandra Cassioli; mentre Pamela Saino e Riccardo Simone Sicardi sono stati doppiati (rispettivamente da Perla Liberatori e Jacopo Bonanni) perché avevano una voce poco adatta al ruolo che interpretavano. Nella seconda stagione vale la stessa cosa per Raffaello Balzo (Armand Benac) doppiato da Nanni Baldini.

Nonostante l'attrice britannica Jane Alexander (Lucrezia Van Necker) parlasse perfettamente l'italiano sia nella prima che nella seconda stagione è stata doppiata da Emanuela Rossi mentre in La figlia di Elisa - Ritorno a Rivombrosa ha invece recitato con la propria voce.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Sole 24 ORE.com - Celentano chiude con ascolti rock e Vespa ringrazia
  2. ^ Repubblica.it/spettacoli_e_cultura: Tutti pazzi in tv per Elisa In 13 milioni per il gran finale

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione