Elif Şafak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elif Şafak

Elif Şafak, trascritto anche come Elif Shafak (Strasburgo, 25 ottobre 1971), è una scrittrice turca.

Ha pubblicato romanzi scritti in turco e in inglese ed è l'autrice più venduta in Turchia. Le sue opere sono tradotte in più di trenta lingue. È stata definita dai critici come un’autrice in cui si armonizzano in modo creativo la tradizione occidentale e quella orientale fino a generare un’opera narrativa che è insieme locale e universale. La sua opera attinge a diverse culture e tradizioni letterarie, così come ad un profondo interesse per la storia, la filosofia e la cultura orale. La Şafak ha una scrittura provocatoria nei confronti del bigottismo e della xenofobia, ed è profondamente legata ai temi del femminismo, del sufismo, dell’individualismo e della cultura ottomana, con “un particolare talento nel dipingere le strade di Istanbul”.[1] Attualmente divide il suo tempo tra la Gran Bretagna e Istanbul.

Nascita e gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Elif Şafak è nata a Strasburgo, in Francia, il 25 ottobre 1971 con il nome di Elif Bilgin, figlia del filosofo turco Nuri Bilgin e della diplomatica turca Şafak Atayman. Quando aveva un anno i genitori si separarono e lei rimase con la madre. Per sua stessa ammissione, il fatto di non crescere in una famiglia tipicamente patriarcale ha avuto una grande rilevanza per il suo lavoro e la sua scrittura. Cambiando nome, ha assunto come cognome il nome da della madre, che significa “alba”.[2] La Şafak ha passato gli anni dell’adolescenza a Madrid e Amman, in Giordania, prima di ritornare in Turchia.

Gli studi[modifica | modifica wikitesto]

Elif Şafak si è laureata in relazioni internazionali presso l’Università Tecnica del Medio Oriente ad Ankara. Ottenuta la laurea magistrale in “Gender and Women’s Studies” con una tesi su La decostruzione della femminilità nella comprensione ciclica dell’eterodossia derviscia nell’Islam, ha poi conseguito un dottorato presso il Dipartimento di Scienze politiche della stessa università con uno studio dal titolo Un’analisi della modernità turca attraverso i discorsi sulla mascolinità. Ha passato un anno con una borsa di studio nel college statunitense Mount Holyoke Women’s College a South Hadley, nello stato del Massachusetts, dove ha finito il suo primo romanzo in inglese. Il libro, The Saint of Incipient Insanities, è stato pubblicato da Farrar, Straus and Giroux. Ha poi lavorato all’Università del Michigan, a Ann Arbor, nello stato del Michigan, e successivamente all’Università dell’Arizona, presso il Dipartimento di Studi sul Vicino Oriente, a Tucson, nello stato dell’Arizona. Ha poi insegnato alla Bahçeşehir University e alla Bilgi University a Istanbul.

Istanbul[modifica | modifica wikitesto]

Istanbul è l’ambientazione preminente negli scritti della Şafak. Lei la rappresenta come una “She-city” e la paragona a una vecchia donna con un cuore giovane che è eternamente alla ricerca di nuove storie e nuovi amori. Come osserva lei stessa: “Istanbul permette di comprendere, forse non razionalmente ma intuitivamente, che Oriente e Occidente sono in ultima istanza concetti immaginari, e quindi possono essere immaginati di nuovo e diversamente”. Nel Time, sempre la Şafak, ha scritto: “Oriente e Occidente non sono come l’acqua e l’olio. Possono essere mescolati. E in una città come Istanbul essi sono combinati intensamente, incessantemente e incredibilmente”.[3] E in un pezzo che ha scritto per la BBC dice: “Istanbul è come un’enorme Matrioška piena di colori: la apri e trovi un’altra bambola dentro. Apri questa, solo per vedere che è inserita una nuova bambola. È una sala di specchi dove niente è esattamente come sembra. Si dovrebbe essere prudenti quando si usano certe categorie per parlare di Istanbul. Una cosa questa città non è di sicuro, i clichés.”[4] Nel 2005 la Şafak ha sposato il giornalista turco Eyüp Can, e ha avuto due bambini (una femmina e un maschio). Sua figlia è stata chiamata con il nome di Zelda Fitzgerald e suo figlio con quello di una storia di Borges, Lo Zahir.

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Il debutto letterario della Şafak è la storia Kem Gözlere Anadolu, pubblicato nel 1994. Il suo primo romanzo, Pinhan, scritto a 24 anni, stupì la critica per la notevole conoscenza del misticismo, dell’ermeneutica, e del linguaggio ottomano, vincendo nel 1998 il Premio Mevlana per la miglior opera di letteratura mistica in Turchia. Il suo secondo romanzo, Şehrin Aynalari (Specchi della città), riunisce la cultura ebrea e quella islamica sullo sfondo di un’ambientazione storica nel diciassettesimo secolo nel Mediterraneo. La Şafak ha poi notevolmente aumentato il numero dei suoi lettori con il romanzo Mahrem (Lo sguardo fisso), con il quale nel 2000 ha ottenuto il Premio dell’Unione degli scrittori turchi. Il suo romanzo successivo, Bit Palas (Il palazzo delle pulci), è stato un bestseller in Turchia, ed è diventato uno dei sei libri candidati nel 2005 per l’Indipendent Foreign Fiction Prize in Gran Bretagna.[5] La Şafak ha poi pubblicato Med-Cezir, una raccolta di saggi sul sesso e la sessualità, la mentalità nel ghetto e la letteratura. Ha contribuito poi alle riflessioni sulla condizione femminile, l’identità nazionale e la non appartenenza, con le prefazioni a Tales from the Expat Harem: Foreign Women in Modern Turkey e a Türkçe Sevmek, the expatriate literature anthology (entrambi del 2005).

Maternità e scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Il primo libro autobiografico della Şafak, intitolato Black Milk, combina i generi narrativo e saggistico ed è stato scritto dopo l’esperienza di una depressione post-partum, seguita alla nascita di sua figlia, nel 2006. Relativamente a questo libro, la Şafak ha commentato: “Ho intitolato questo libro Black Milk per due ragioni. Primo, tratta della depressione post-partum e mostra come il latte della madre non è sempre bianco e senza macchie come alla società piace pensare. Secondo, superata questa depressione sono riuscita a trovare ispirazione; superata l'esperienza di questo "latte nero" sono stata capace di sviluppare una specie di inchiostro”.[senza fonte]

Sufismo[modifica | modifica wikitesto]

Il sufismo ha sempre rivestito un’importante parte nell’opera della Şafak, tuttavia il suo ultimo libro ne tratta direttamente. AŞK (titolo inglese: The Forty Rules of Love) è stato pubblicato nel Marzo del 2009, vendendo più di 500.000 copie[6] e diventando in Turchia un long-seller. Il romanzo intreccia il racconto di una storia d’amore moderna tra una casalinga ebrea d’origine americana e un sufi, residenti ad Amsterdam, e la storia che narra dell’amore tra Gialal al-Din Rumi e Shams-i Tabrïz. Şafak dichiara che entrambe le versioni di questo libro, quella inglese e quella turca, sono originali, e precisa: “In The Forty Rules of Love, ho provato una nuova tecnica. Prima ho scritto il romanzo in inglese. Dopo averlo fatto tradurre in turco da un eccellente traduttore, ho preso quest’ultima versione e ho riscritto il libro. Quando questa nuova stesura era pronta sono tornata alla versione inglese e la ho riscritta con un nuovo spirito. In un certo senso ho scritto due libri paralleli nello stesso lasso di tempo”.[7]

La persecuzione in Turchia[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo romanzo scritto dalla Şafak in inglese, La bastarda di Istanbul, è stato accolto da una vasta acclamazione critica ed è stato a lungo nella lista per l'Orange Prize, divenendo il libro più venduto in Turchia nel 2006. Il romanzo ha suscitato polemiche in Turchia, portando l’autrice a essere accusata di “attacco all’identità turca” in base all’art. 301 del Codice penale turco.[8] La denuncia deriva dalla dichiarazione fatta da un personaggio del suo romanzo che caratterizza il massacro degli Armeni durante la prima guerra mondiale come genocidio. Come risposta, la Şafak ha affermato che “il modo in cui [i nazionalisti] stanno cercando di penetrare il dominio dell’arte e della letteratura è abbastanza nuovo e del tutto sconvolgente”.[9] L’inchiesta è stata infine archiviata il 21 settembre 2006.

L’impegno attuale[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio del 2010 la Şafak ha tenuto un discorso al TED Oxford su “Le politiche nelle prose narrative”, parlando del ruolo della letteratura nell’aiutare a oltrepassare i muri culturali e ad accogliere differenti esperienze, e spiegando come la narrativa possa superare i limiti delle identità politiche. In quell’occasione ha detto che “la conoscenza che non ci porta al di là è di gran lunga peggiore dell’ignoranza. [...] La nostra immaginazione potrebbe ridursi. I nostri cuori potrebbero rimpicciolire. E la nostra umanità potrebbe appassire se stiamo troppo a lungo dentro i nostri involucri culturali.”[10] Attualmente la Şafak scrive per quotidiani e riviste, in Turchia e Europa. Recentemente le è stato conferito il titolo di Chevalier des Arts et des Lettres.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

In turco[modifica | modifica wikitesto]

In inglese[modifica | modifica wikitesto]

Editi in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni su riviste[modifica | modifica wikitesto]

Nahid Norozi, recensione a "Le quaranta porte" su "Archivi di Studi Indo-Mediterramei", III (2013) http://dl.dropbox.com/u/38899479/22quarantaporte.pdf

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Freely Maureen, Writers on Trial in The New York Times, 13 agosto 2006.
  2. ^ Sabırsızlıktan yumurta bile kıramazdı.
  3. ^ (EN) Pulled by Two Tides.
  4. ^ (EN) Elif Shafak.
  5. ^ (EN) 9/11 novel up for £10,000 prize in BBC, 04 marzo 2005.
  6. ^ İşte bu kitaplar rekora koşuyor in Milliyet.
  7. ^ (EN) Şafak looks forward to reaching the world with ‘The Forty Rules of Love’ in Today’s Zaman, 13 settembre 2009.
  8. ^ More Turkish writers face prosecution in The Economist, 27 luglio 2006.
  9. ^ (EN) Fowler Susanne, Turkey, a Touchy Critic, Plans to Put a Novel on Trial in The New York Times, 15 settembre 2006.
  10. ^ (EN) Elif Shafak: The Politics of Fiction.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64320935 LCCN: n2003028359