Elfleda di Whitby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Elfleda di Whitby

Badessa

Nascita 654
Morte 713
Venerata da Chiesa cattolica, Comunione anglicana
Ricorrenza 8 febbraio

Elfleda di Whitby, o in lingua inglese Ælfflæd of Whitby (654Abbazia di Whitby, 713), fu una religiosa inglese che divenne badessa dell'Abbazia di Whitby; è venerata coma santa dalla Chiesa cattolica e dalla Comunione anglicana.

Era figlia di Oswiu, re di Northumbria e della di lui consorte Eanflæd (anch'essa venerata come santa).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gran parte della sua vita Elfleda la visse come monaca. Quando aveva circa otto anni, il padre, in ringraziamento della vittoria su Penda di Mercia a Winwaed, affidò Elfleda ad Hilda di Whitby perché la educasse presso l'Abbazia di Hartlepool.

Quando Hilda si trasferì a Whitby, per fondarvi l'omonima abbazia, nel 657 o 658, portò con sé Elfleda.


Come la madre Enfleda, Elfleda fu molto vicina a Vilfrido di York ed ebbe un ruolo determinante nell'accordo con il quale nel 705 suo nipote Osred, figlio di Aldfrith di Northumbria, fu posto sul trono di Northumbria. Ella fu una figura politica rilevante dalla morte del fratello Ecgfrith di Northumbria, avvenuta nel 685, fino alla propria morte.

Alla morte di Hilda di Whitby (680), divenne badessa di quest'abbazia insieme alla madre Eanflæd ed alla morte di quest'ultima (704), ne rimase badessa fino alla propria morte.

Culto[modifica | modifica sorgente]

La sua pietà era molto apprezzata dai contemporanei quali Beda il Venerabile ed Eddius. Beda scrive del suo elevato livello di santità e devozione, mentre Eddius la definisce consolatrice dell'intero regno e sua miglior consigliera. Alla sua morte la sua salma venne inumata a Whitby.

Ella venne considerata santa e la sua memoria viene celebrata fin d'allora l'8 febbraio.

Ci è pervenuta una tardiva agiografia, la Vita sanctae Elfledae, che è raccolta nella Nova Legenda Angliae del 1516, di John Capgrave.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Michael Lapidge, Ælfflæd in: M. Lapidge, et al., (eds), The Blackwell Encyclopedia of Anglo-Saxon England. Oxford: Blackwell, 1999. ISBN 0-631-22492-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Badessa di Whitby Successore Prepozyt.png
Hilda di Whitby
655680
680 - 704
Con la madre Eanflæd
lei stessa
704 - 713