Elezioni regionali francesi del 2010

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regioni della Francia
Appartenenza politica delle regioni francesi dopo le elezioni del 2010.

Le elezioni regionali si sono tenute in Francia in 14 ed il 21 marzo 2010, per l'assegnazione delle presidenze di tutte le 26 regioni (22 della Francia metropolitana, e quattro d'oltremare) che, anche se non posseggono autonomia legislativa, gestiscono considerevoli finanziamenti.

Il PS e i suoi alleati di sinistra, prima delle elezioni controllavano tutte le regioni tranne l'Alsazia e la Corsica, governate dall'UMP. Le elezioni del 2010 sono state un grande successo per il PS e per gli alleati, che ora controllano 21 su 22 regioni della Francia metropolitana.

Le elezioni precedenti, nel 2004, si erano già concluse con un clamoroso trionfo per i partiti dell'opposizione della sinistra, guidata dal Partito Socialista Francese (PS) in alleanza con partiti minori, tra cui il Partito Comunista Francese (PCF), il Partito Radicale di Sinistra (PRG), ed i Verdi (Les Verts). La sinistra ottenne il controllo di 20 delle 22 regioni della Francia metropolitana, sconfiggendo i partiti di destra, l'Unione per un Movimento Popolare (UMP) e l'Unione per la Democrazia Francese (UDF), oltre al partito di estrema destra Fronte Nazionale (FN). I risultati furono visti come una grande sconfitta per l'allora Presidente francese Jacques Chirac, e per il Primo Ministro Jean-Pierre Raffarin.

Situazione[modifica | modifica sorgente]

Come detto, dopo le elezioni del 2004, in cui si assistette ad una storica vittoria della sinistra, guidata dal PS, solo l'Alsazia e la Corsica sono ancora governate dall'UMP. La sinistra migliorò molto la sua posizione a livello nazionale nel 2007 (elezioni presidenziali e legislative), ma anche nelle municipali e alle cantonali del 2008. Nella Francia metropolitana, tutti i Presidenti di sinistra in carica hanno concorso per un secondo mandato in un'elezione che in generale favorisce le persone già in carica, e che serve come critica anti-governativa. La sinistra è rimasta però divisa tra il PS e Europa Ecologia, che aveva ottenuto risultati molto buoni alle europee del 2009.

La destra, e in particolare l'UMP e i suoi alleati, uscirono vittoriosi dalle elezioni presidenziali e legislative del 2007, oltre che dalle europee del 2009. La destra è favorita dalla sua unità, per la sua nuova alleanza con il Movimento per la Francia di Philippe de Villiers e Caccia, Pesca, Natura e Tradizioni di Frédéric Nihous. Nonostante questa unità, però, alla destra è mancata una grande riserva di voti nell'eventualità di un secondo turno, in cui ha contato solo su un sostegno parziale da parte dei centristi del Movimento Democratico e dal Fronte Nazionale. Inoltre, la crescente impopolarità del Presidente Nicolas Sarkozy ha danneggiato la destra in un'elezione in cui i votanti tendono a sanzionare il governo in carica a Parigi.

L'estrema destra, dal canto suo, era indebolita dai recenti fallimenti elettorali.

Sistema elettorale[modifica | modifica sorgente]

Vige un sistema elettorale maggioritario plurinominale su due turni.

Al primo turno serve la maggioranza assoluta per vincere. Se ciò accade, ai vincitori vengono assegnati in blocco un quarto dei seggi (in Corsica un sesto), mentre i restanti tre quarti vengono suddivisi proporzionalmente fra tutte le liste, compresa la vincitrice, che abbiano ottenuto almeno il 5%. Determinati i seggi di ogni lista, essi vengono proporzionalmente suddivisi fra le liste provinciali bloccate dei candidati di ciascuna lista.

Se nessuno ottiene la maggioranza assoluta, si passa al secondo turno. Sono qualificate tutte le liste che hanno superato il 10% (in Corsica il limite è al 7%). Le liste al di sotto del 5% sono definitivamente eliminate. Le liste fra il 5% e il 10% hanno tre giorni per trovare un accordo con una lista qualificatasi e fondersi inserendo in essa i propri candidati: se ciò non accade, anch'esse sono eliminate. Determinate le liste definitive in corsa al secondo turno, i risultati del primo turno sono annullati.

Al secondo turno serve la maggioranza relativa per vincere. Ai vincitori vengono assegnati in blocco un quarto dei seggi (in Corsica un sesto), mentre i restanti tre quarti vengono suddivisi proporzionalmente fra tutte le liste, compresa la vincitrice, che abbiano ottenuto almeno il 5%. Determinati i seggi di ogni lista, essi vengono proporzionalmente suddivisi fra le liste provinciali bloccate dei candidati di ciascuna lista.

I principali partiti politici e le strategie[modifica | modifica sorgente]

Sinistra[modifica | modifica sorgente]

La sinistra del Partito Socialista Francese (PS) è divisa sulla strategia elettorale. Da un lato, l'estrema sinistra ed il Nuovo Partito Anticapitalista (NPA) rifiutano di partecipare ad un esecutivo diretto dal PS; il Partito Comunista Francese (PCF), invece, desidera continuare la sua partecipazione in diversi esecutivi guidati dal PS.

Il PCF ha infine deciso di continuare il Fronte di Sinistra insieme al Partito della Sinistra (PG), provato alle europee del 2009. Queste liste sarebbero indipendenti al primo turno, ma sosterrebbero (o si unirebbero) una lista guidata dai socialisti al ballottaggio, a condizione che il MoDem centrista non faccia lo stesso. La decisione finale sulla questione fu poi trasferita ai membri regionali del partito. In 17 delle 22 regioni, i membri approvarono la decisione di un Fronte di Sinistra espanso; in cinque regioni, però, i membri del PCF optarono per un'alleanza al primo turno con il PS: queste regioni sono la Borgogna, Champagne-Ardenne, Lorena, Bassa Normandia e Bretagna. In queste regioni, tuttavia, i comunisti dissidenti si sono uniti al NPA e al PG per creare liste indipendenti al primo turno.[1]

I membri del NPA votarono sulla strategia di partito nel mese di dicembre, e la strategia di indipendenza della maggioranza ricevette il sostegno solo del 36,3% dei membri, con il 31,5% che fu favorevole a continuare le trattative con il PCF e PG per raggiungere un accordo, mentre il 28,5% rifiutò ogni trattativa con il PG. Infine, l'esecutivo del NPA optò per sostenere liste indipendenti della "sinistra della sinistra" in tutte le regioni al primo turno, e acconsentì alla "fusione tecnica" con altre liste di sinistra ai ballottaggi, senza partecipare agli esecutivi regionali. In 11 regioni, l'NPA si è presentato da solo, anche contro la lista del Fronte della Sinistra; tuttavia, in tre regioni - Linguadoca-Rossiglione, Limosino e Paesi della Loira - l'NPA ha sostenuto la lista del Fronte della Sinistra al primo turno. Infine, in tre delle cinque regioni (ad eccezione di Bretagna e Lorena) in cui il PCF ha sostenuto il PS dal primo turno, ha formato liste con il sostegno del PG.

Contrariamente al 2004, quando aveva corso con liste comuni insieme alla Lega Rivoluzionaria Comunista (LCR), nel 2010 Lotta Operaia va alle elezioni con liste indipendenti in tutte le regioni.

Il Partito Socialista non è stato in grado di riunire la sinistra al primo turno, come nel 2004. Il PS ha ricevuto sostegno da ecologisti dissidenti, ma anche da parte del Partito Comunista in quattro regioni, ma non il sostegno dell'alleato del PCF, il PG). I socialisti possono contare sul sostegno del Partito Radicale di Sinistra in tutte le regioni, tranne la Bretagna. In Poitou-Charentes, Ségolène Royal ha integrato cinque candidati del MoDem nelle sue liste.[2]

Tutti i presidenti in carica, eccetto il controverso Georges Frêche (già espulso dal partito nel 2005), si sono ripresentati alle elezioni. Il PS, con Hélène Mandroux, si opporrà a Georges Frêche in Linguadoca-Rossiglione.

Ecologisti[modifica | modifica sorgente]

Forti del risultato eccellente alle elezioni europee del 2009, la coalizione di Europa Ecologia si è di nuovo stretta intorno ai Verdi ed ai partiti e movimenti associati. Europa Ecologia correrà nelle elezioni con liste indipendenti in tutte le regioni, con l'intenzione di sostenere la sinistra nei ballottaggi. Tuttavia, l'obiettivo ultimo del partito sarebbe di strappare il controllo di una grande regione, come Ile-de-France, dal PS.[3] I candidati della coalizione comprendono il ricercatore Philippe Meirieu, il magistrato Laurence Vichnievsky, l'attivista rurale François Dufour e Augustin Legrand, dell'associazione per senzatetto Les Enfants de Don Quichotte. Inoltre, EE può contare sul supporto del movimento Cap21, in precedenza vicino al MoDem.[4]

L'Alleanza Ecologista Indipendente (AEI), dopo aver ottenuto il 3,6% dei voti alle europee, partecipa da sola alle elezioni in 10 regioni.[5] L'AEI ha siglato accordi elettorali con Europa Ecologia in Alsazia e Midi-Pirenei, con MoDem in Alvernia, Franca Contea, Paesi della Loira e Poitou-Charentes.

MoDem[modifica | modifica sorgente]

Pur avendo conseguito un pessimo risultato alle Europee, il movimento moderato di François Bayrou si è presentato autonomamente in tutte le regioni, ed andrà al ballottaggio in Aquitania.

UMP[modifica | modifica sorgente]

Il partito del presidente Sarkozy è riuscito ad aggregare a sé alcuni piccoli alleati, e si presenta in tutte le regioni. Tra i candidati anche diversi membri di governo.[6]

Due candidature in seno al centro destra sono state concesse al Nuovo Centro in Borgogna e Nord-Pas-de-Calais

Destra estrema[modifica | modifica sorgente]

Il Fronte nazionale si presenta in tutte le regioni. In particolare, Jean-Marie Le Pen si candida in Provenza-Alpi-Costa Azzurra, la figlia Marine in Nord-Pas-de-Calais. Esiste tuttavia un buon numero di liste dissidenti.

Risultati del primo turno[modifica | modifica sorgente]

Il primo turno di voto è stato contrassegnato da un astensionismo record, che ha eccezionalmente superato il tasso di partecipazione (53% di astenuti contro il 47% dei votanti).

L'astensione ha colpito duramente l'UMP, che haraccolto solo il 27% delle preferenze, contro il 30% dei socialisti. Terzo partito sono stati gli ecologisti al 13%, mentre è risorto il Front National ha ottenuto il 12%. I comunisti hanno raccolto il 6%, mentre molto grave è stato l'insuccesso del MoDem di Bayrou bloccato al 4%.

Non essendosi raggiunta la maggioranza assoluta in nessuna regione, è stato previsto il ritorno integrale al voto per domenica 21 marzo per il secondo turno, dove hanno avuto accesso i candidati con almeno il 10% delle preferenze. Le sfide sono state le seguenti:

  • 7 triangolari fra socialisti, UMP e FN
  • 6 triangolari fra socialisti, UMP ed ecologisti
  • 1 triangolare fra socialisti, UMP e comunisti (Limousin)
  • 1 triangolare fra socialisti, UMP e MoDem (Aquitania)
  • 4 quadrangolari fra socialisti, UMP, FN ed ecologisti
  • 1 quadrangolare fra socialisti, UMP, ecologisti e comunisti (Alvernia)
  • 1 pentagonale fra socialisti, UMP, FN, ecologisti e comunisti (Nord-Pas-de-Calais)
  • una sfida a sei in Corsica, dove la legge elettorale subisce particolari modifiche con uno sbarramento più moderato

Nel secondo turno si è decisa anche la suddivisione dei seggi nei consigli regionali: secondo la legge elettorale francese, in tutte le regioni in cui si passa al secondo turno, i risultati del primo turno sono annullati, rilevando essi ai soli fini dello sbarramento, e tutte le liste non qualificate per il secondo turno sono escluse dai consigli a meno che non vengano accettate in apparentamento da liste qualificatesi.

Apparentamenti[modifica | modifica sorgente]

La sinistra ha optato per una politica di fronte comune contro la destra. Il risultato è stato la fusione di quasi tutte le liste progressiste in una lista chiamata Union de la gauche, Unione della sinistra.

Il quadro definitivo delle sfide del secondo turno si è dunque semplificato in questo senso:

  • 12 triangolari fra progressisti, UMP e FN
  • 6 duelli fra progressisti ed UMP
  • 1 triangolare fra socialisti, UMP ed ecologisti (Bretagna)
  • 1 triangolare fra socialisti, UMP e comunisti (Limousin)
  • 1 triangolare fra progressisti, UMP e MoDem (Aquitania)
  • una sfida a quattro in Corsica fra progressisti, UMP, autonomisti e secessionisti

Risultati del secondo turno[modifica | modifica sorgente]

Il secondo turno ha visto un lieve rialzo della partecipazione (51% contro il 49% di astensionismo).

I risultati hanno decretato il trionfo delle sinistre, che hanno raccolto il 54% dei voti. L'UMP si è bloccata al 36%, mentre il Front National è sceso al 9%.

La sinistra ha trionfato in tutte le sfide tranne l'Alsazia. Passa a sinistra anche la Corsica, anche se i progressisti mancano la maggioranza assoluta (24 seggi su 51) e dovranno cercare i due voti mancanti fra i nazionalisti corsi di Femu a Corsica o di Corsica Libera.

Per quanto riguarda le regioni d'Oltremare, l'esito è stato più equilibrato, con Réunion e la Guyana francese a destra, Guadalupa a sinistra e Martinica agli autonomisti.

Risultati per regione[modifica | modifica sorgente]

Accedono al secondo turno solo i partiti che al primo turno abbiano ottenuto almeno il 10% dei voti.

Francia metropolitana[modifica | modifica sorgente]

Alsazia[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Philippe Richert* Maggioranza Presidenziale 181 705 34,94 284 576 46,16
28
59,57
  Jacques Bigot PS - PRG - MRC 98 629 18,97 242 113 39,27
14
29,79
  Jacques Fernique - Verdi - AEI - Cap21 81 117 15,60
  Patrick Binder FN 70 173 13,49 89 832 14,57
5
10,64
  Jacques Cordonnier Alsace d'abord - BI 25 906 4,98  
  Yann Wehrling MoDem 23 073 4,44
  Jean-Yves Causer FG - Alternativi - PCOF - DVG 9 712 1,87
  Yvan Zimmermann NPA 8 550 1,64
  Manuel Santiago Écologie Solidaire 8 376 1,61
  Patrick Striby DVD - AC 8 303 1,60
  Julien Wostyn LO 4 481 0,86
 
Iscritti 1 248 887 100,00 1 248 892 100,00  
Astensione 707 359 56,64 610 783 48,91  
Votanti 541 528 43,36 638 109 51,09  
Schede bianche e nulle 21 503 3,97 21 588 3,38  
Voti validi 520 025 96,03 616 521 96,62  

* Lista del Presidente uscente

Aquitania[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Alain Rousset* PS e alleati 406.871 37,63 643.764 56,34
58
68,24
  Monique De Marco - Verdi - PO - EA 105.405 9,75
  Gérard Boulanger FG - M'PEP 64.370 5,95
  Xavier Darcos Maggioranza Presidenziale 238.367 22,05 320.102 28,01
17
20,00
  Jean Lassalle MoDem 112.737 10,43 178.852 15,65
10
11,76
  Jacques Colombier FN 89.378 8,27  
  Philippe Poutou NPA 27.290 2,52
  Michel Chrétien AEI 20.952 1,94
  Nelly Malaty LO 8.519 0,79
  Jean Tellechea REG (Euskadi Europan) 7.086 0,66
  Xavier-Philippe Larralde REG (EHB) 221 0,02
 
Iscritti 2.280.386 100,00 2.280.103 100,00  
Astensione 1.150.299 50,44 1.073.013 47,06  
Votanti 1.130.087 49,56 1.207.090 52,94  
Schede bianche e nulle 48.891 4,33 64.372 5,33  
Voti validi 1.081.196 95,67 1.142.718 94,67  

* Lista del Presidente uscente

Alvernia[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo Turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Alain Marleix Maggioranza Presidenziale 137.232 28,72 206.640 40,32
14
29,79
  René Souchon* PS - PRG - MRC 133.925 28,02 305.815 59,68
33
70,21
  André Chassaigne FG - M'PEP 68.146 14,26
  Christian Bouchardy 51.106 10,69
  Érik Faurot FN 40.106 8,39  
  Michel Fanget MoDem - AEI 21.523 4,50
  Alain Laffont NPA - FASE - OC 20.033 4,19
  Marie Savre LO 5.835 1,22
 
Iscritti 994.160 100,00 994.049 100,00  
Astensione 494.058 49,70 448.495 45,12  
Votanti 500.027 50,30 545.554 54,88  
Schede bianche e nulle 22.206 4,44 33.099 6,07  
Voti validi 477.896 95,56 512.455 93,93  

*Lista del Presidente uscente

Borgogna[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  François Patriat* PS - PCF - PRG 187.345 36,31 305.214 52,65
37
64,91
  Philippe Hervieu 50.758 9,84
  François Sauvadet Maggioranza Presidenziale 148.783 28,83 194.338 33,53
14
24,56
  Édouard Ferrand FN 62.150 12,04 80.112 13,82
6
10,53
  Sylvie Faye Pastor NPA - PG - PCF (dissidenti)- Alternativi - FASE - M'PEP - OC 22.290 4,32  
  François Deseille MoDem 19.458 3,77
  Julien Gonzalez AEI 10.531 2,04
  Claire Rocher LO 8.062 1,56
  Joël Mekhantar MRC - PRG (dissidenti) - PS (dissidenti) 6.641 1,29
 
Iscritti 1.165.711 100,00 1.170.949 100,00  
Astensione 626.846 53,77 565.589 48,30  
Votanti 538.865 46,23 605.360 51,70  
Schede bianche e nulle 22.847 4,24 25.696 4,24  
Voti validi 516.018 95,76 579.664 95,76  

*Lista del Presidente uscente

Bretagna[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Jean-Yves Le Drian* PS - PCF e alleati 408.551 37,19 600.260 50,27
52
62,65
  Bernadette Malgorn Maggioranza Presidenziale 260.731 23,73 386.394 32,36
20
24,10
  Guy Hascoët (Verdi - UDB) 134.161 12,21 207.435 17,37
11
13,25
  Jean-Paul Félix FN 67.895 6,18  
  Bruno Joncour MoDem 58.847 5,36
  Christian Troadec REG (PB - AEI) 47.109 4,29
  Gérard Perron Dissidenti del PCF - PG - FASE - DVG 38.556 3,51
  Charles Laot Altri 29.021 2,64
  Laurence de Bouard NPA - AdOC - MOC - MPG 27.417 2,50
  Valérie Hamon LO 16.080 1,46
  Alexandre Noury S&P 10.185 0,93
 
Iscritti 2.332.894 100,00 2.333.055 100,00  
Astensione 1.193.846 51,17 1.090.068 46,72  
Votanti 1.139.846 48,83 1.242.987 53,28  
Schede bianche e nulle 40.495 3,56 48.898 3,93  
Voti validi 1.098.553 96,44 1.194.089 96,07  

*Lista del Presidente uscente

Centro[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Hervé Novelli Maggioranza Presidenziale 227.392 29,02 323.178 36,46
21
27,27
  François Bonneau* PS e alleati 221.168 28,22 443.310 50,01
49
63,64
  Jean Delavergne 91.365 11,66
  Marie-France Beaufils FG - Alternativi - PCOF 59.034 7,53
  Philippe Loiseau FN 87.872 11,21 120.001 13,54
7
9,09
  Marc Fesneau MoDem 39.803 5,08  
  Jean Verdon PDF 27.844 3,55
  Michel Lasserre NPA 20.338 2,60
  Farida Megdoud LO 8.837 1,13
 
Iscritti 1.779.660 100,00 1.779.413 100,00  
Astensione 953.662 53,59 849.639 47,75  
Votanti 826.998 46,41 929.774 52,25  
Schede bianche e nulle 42.345 5,13 43.285 4,66  
Voti validi 783.653 94,87 886.489 95,34  

*Lista del Presidente uscente

Champagne-Ardenne[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Jean-Luc Warsmann Maggioranza Presidenziale 120.468 31,77 165.213 38,49
14
28,57
  Jean-Paul Bachy* PS e alleati - PCF 117.588 31,01 190.207 44,31
29
59,18
  Éric Loiselet 32 163 8,48
  Bruno Subtil FN 60.264 15,89 73.801 17,19
6
12,24
  Anthony Smith NPA - PG - Alternativi 18.448 4,87  
  Marie Grafteaux-Paillard MoDem 16.472 4,34
  Ghislain Wysocinski AEI 7.527 1,99
  Thomas Rose LO 6.245 1,65
 
Iscritti 917.748 100,00 917.858 100  
Astensione 522.978 56,98 468.540 51,05  
Votanti 394.770 43,02 449.318 48,95  
Schede bianche e nulle 15.595 3,95 20.097 2,19  
Voti validi 379.175 96,05 429.221 46,76  

*Lista del Presidente uscente

Corsica[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Camille de Rocca Serra* Maggioranza Presidenziale 27.903 21,34 39.757 27,65
12
23,53
  Gilles Simeoni Nazionalisti (Insieme - PNC) 24.057 18,40 37.224 25,89
11
21,57
  Paul Giacobbi Dissidenti del PRG - PS 20.242 15,48 52.661 36,62
24
47,06
  Dominique Bucchini FG 13.107 10,02
  Émile Zuccarelli PRG 10.523 8,05
  Simon Renucci CSD 8.688 6,64
  Jean-Guy Talamoni Nazionalisti (CL) 12.236 9,36 14.159 9,85
4
7,84
  Jean Toma MoDem** 5.554 4,25  
  Antoine Cardi FN 5.438 4,16
  Jean-François Baccarelli AEI 2.428 1,86
  Jean-François Battini Altri di destra 599 0,46
 
Iscritti 213.282 100,00 213.312 100,00  
Astensione 80.221 37,61 66.106 30,99  
Votanti 133.061 62,39 147.206 69,01  
Schede bianche e nulle 2.286 1,72 3.405 2,31  
Voti validi 130.775 98,28 143.801 97,69  

*Lista del Presidente uscente

** Jean Toma ha precisato che la propria lista «è una lista centrista sostenuta dal MoDem» e che « non esiste alcuna lista MoDem depositata in prefettura[7] ».

Franca Contea[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Alain Joyandet Maggioranza Presidenziale 128.225 32,13 173.582 38,36
12
27,90
  Marie-Guite Dufay* PS-MRC-PRG-DVG 119.160 29,86 214.505 47,41
27
62,80
  Alain Fousseret Europa Ecologia 37.333 9,36
  Sophie Montel FN 52.440 13,14 64.370 14,23
4
9,30
  Evelyne Ternant Fronte della Sinistra 16.172 4,05  
  Christophe Grudler MoDem-AEI 14.036 3,52
  Laurence Lyonnais NPA 13.087 3,28
  Christophe Devillers PDF-MNR 9.820 2,46
  Claude Buchot Écologie solidaire 4.471 1,12
  Michel Treppo LO 4.314 1,08
 
Iscritti 811.387 100,00  
Astensione 396.509 48,87  
Votanti 414.878 51,13  
Schede bianche e nulle 15.820 3,81  
Voti validi 399.055 96,19  

*Lista del Presidente uscente

Île-de-France[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Valérie Pécresse Maggioranza Presidenziale 802.123 27,76 1.314.580 43,31
67
32,06
  Jean-Paul Huchon* PS, PRG, MRC 729.898 25,26 1.720.644 56,69
142
67,94
  Cécile Duflot Europa Ecologia - Verdi, Cap21 479.047 16,58
  Pierre Laurent FG - Alternativi - PCOF - DVG 189.193 6,55
  Marie-Christine Arnautu FN 268.317 9,29  
  Nicolas Dupont-Aignan DLR - CNI 119 844 4,15
  Alain Dolium MoDem - 114.983 3,98
  Olivier Besancenot NPA 90.319 3,13
  Jean-Marc Governatori AEI 40.405 1,40
  Axel de Boer Lista Cristiana 24.663 0,85
  Jean-Pierre Mercier LO 18.286 0,63
  Almamy Kanoute Emergenza 12.242 0,42
 
Iscritti 6.764.105 100,00 6.764.008 100,00  
Astensione 3.801.907 56,21 3.575.691 52,86  
Votanti 2.962.198 43,79 3.188.317 47,14  
Schede bianche e nulle 72.878 2,46 153.093 4,80  
Voti validi 2.889.320 97,54 3.035.224 95,20  

*Lista del Presidente uscente

Linguadoca-Rossiglione[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Georges Frêche* DVG - PRG - MRC - dissidenti del PS 304.810 34,28 493.210 54,19
44
65,67
  Raymond Couderc Maggioranza Presidenziale 174.523 19,63 240.534 26,43
13
19,40
  France Jamet FN 112.656 12,67 176.363 19,38
10
14,93
  Jean-Louis Roumégas - Cap21 81.120 9,12  
  René Revol FG - NPA - Alternativi - FASE - M'PEP - OC 76.418 8,60
  Hélène Mandroux PS 68.774 7,74
  Patrice Drevet AEI 34.430 3,87
  Christian Jeanjean CNI - PLD 18.017 2,03
  Jean-Claude Martinez PDF 6.607 0,74
  Richard Roudier BI 6.086 0,68
  Liberto Plana LO 5.622 0,63
 
Iscritti 1.852.959 100,00 1.853.043 100,00  
Astensione 931.427 50,26 878.392 47,40  
Votanti 921.532 49,73 974.651 52,60  
Schede bianche e nulle 32.469 3,52 64.544 6,62  
Voti validi 889.063 96,48 910.107 93,38  

*Lista del Presidente uscente

Limosino[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Jean-Paul Denanot* PS ed alleati 106.203 38,05 140.819 47,95
27
62,79
  Ghislaine Jeannot-Pagès 27.178 9,74
  Raymond Archer Maggioranza Presidenziale 67.427 24,16 96.785 32,95
10
23,26
  Christian Audouin FG - NPA - Alternativi - FASE - OC 36.634 13,13 56.089 19,10
6
13,95
  Nicole Daccord-Gauthier FN 21.648 7,76  
  Jean-Jacques Bélézy MoDem 9.950 3,57
  Jean-Louis Ranc AEI 5.681 2,04
  Elizabeth Faucon LO 4.366 1,56
 
Iscritti 548.016 100,00 547.812 100,00  
Astensione 253.238 46,21 234.261 42,76  
Votanti 294.778 53,79 313.551 57,24  
Schede bianche e nulle 15.691 5,32 19.858 6,33  
Voti validi 279.087 94,68 293.693 93,67  

*Lista del Presidente uscente

Lorena[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Jean-Pierre Masseret* PS ed alleati - PCF 227.062 34,35 375.682 50,02
46
63,01
  Daniel Béguin - Cap21 60.559 9,16
  Laurent Hénart Maggioranza Presidenziale 157.082 23,77 236.862 31,54
17
23,29
  Thierry Gourlot FN 98.269 14,87 138.512 18,44
10
13,70
  Claude Bellei MoDem 20 901 3,16  
  Annick Martin MNR - PDF 19.847 3,00
  Philippe Leclercq PCF dissidenti - PG - Alternativi - FASE - DVG 19.833 3,00
  Jean-Claude Kaas AEI 16.318 2,47
  Jean-Luc André DLR - CNI - Alleanza Centrista 14.861 2,25
  Jean-Noël Bouet NPA 14.815 2,24
  Mario Rinaldi LO 8.544 1,29
  Victor Villa Altri 2.337 0,35
  Patrice Lefeuvre Altri 504 0,08
 
Iscritti 1.666.261 100,00 1.665.279 100,00  
Astensione 974.150 58,46 881.635 52,94  
Votanti 692.111 41,54 783.644 47,06  
Schede bianche e nulle 31.179 4,50 32.588 4,16  
Voti validi 660.932 95,50 751.056 95,84  

*Lista del Presidente uscente

Midi-Pirenei[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Martin Malvy* PS e alleati 415.099 40,93 705.430 67,77
69
75,82
  Gérard Onesta - MEI 136.557 13,46
  Christian Picquet FG - M'PEP - R&S 70.074 6,91
  Brigitte Barèges Maggioranza Presidenziale 220.625 21,75 335.512 32,23
22
24,17
  Frédéric Cabrolier FN 95.693 9,44  
  Arnaud Lafon MoDem 38.290 3,78
  Myriam Martin NPA - MOC 29.322 2,89
  Sandra Torremocha LO 8.550 0,84
 
Iscritti 2.038.106 100,00 2.038.033 100,00  
Astensione 983.383 48,25 929.481 45,61  
Votanti 1.054.723 51,75 1.108.552 54,39  
Schede bianche e nulle 40.513 3,84 67.610 6,10  
Voti validi 1.014.210 96,16 1.040.942 93,90  

* Lista del Presidente uscente

Nord-Passo di Calais[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Daniel Percheron* PS e alleati 358.204 29,16 704.049 51,89
73
64,60
  Alain Bocquet FG - Alternativi - DVG 132.435 10,78
  Jean-François Caron - AEI 126.982 10,34
  Valérie Létard Maggioranza Presidenziale 233.366 19,00 351.509 25,91
22
19,47
  Marine Le Pen FN 224.871 18,31 301.201 22,20
18
15,93
  Olivier Henno MoDem 48.245 3,93  
  François Dubout CNI 37.051 3,02
  Pascale Montel NPA 36.870 3,00
  Eric Pecqueur LO 17.693 1,44
  Mickaël Poillion JA 12.648 1,03
 
Iscritti 2.870.281 100,00 2.872.314 100,00  
Astensione 1.593.097 55,50 1.460.255 50,84  
Votanti 1.277.184 44,50 1.412.059 49,16  
Schede bianche e nulle 48.819 3,82 55.300 3,92  
Voti validi 1.228.365 96,18 1.356.759 96,08  

*Lista del Presidente uscente

Alta Normandia[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Alain Le Vern* PS e alleati 199.345 34,87 346.633 55,10
37
67,27
  Claude Taleb - Cap21 52.164 9,12
  Sébastien Jumel FG - R&S 47.959 8,39
  Bruno Le Maire Maggioranza Presidenziale 142.927 25,00 193.126 30,70
12
21,82
  Nicolas Bay FN 67.419 11,79 89.332 14,20
6
10,91
  Danielle Jeanne MoDem 16.460 2,88  
  Christine Poupin NPA 14.633 2,56
  Brigitte Briere DLR - CNI 10.237 1,79
  Carl Lang PDF 8.363 1,46
  Bernard Frau AEI 6.487 1,13
  Gisèle Lapeyre LO 5.686 0,99
 
Iscritti 1.278.914 100,00 1.279.418 100,00  
Astensione 685.811 53,62 626.954 49,00  
Votanti 593.103 46,38 652.464 51,00  
Schede bianche e nulle 21.432 3,61 23.373 3,58  
Voti validi 571.680 96,39 629.091 96,42  

*Lista del Presidente uscente

Bassa Normandia[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Laurent Beauvais* PS - PRG - PCF 156.959 32,56 296.128 57,15
32
68,09
  François Dufour 57.879 12,01
  Jean-François Le Grand Maggioranza Presidenziale 133.451 27,68 222.018 42,85
15
31,91
  Rodolphe Thomas MoDem 42.924 8,90  
  Valérie Dupont FN 41.938 8,70
  Christine Coulon NPA - PG 24.044 4,99
  Fernand Le Rachinel PDF 17.888 3,71
  Pierre Casevitz LO 6.985 1,45
 
Iscritti 1.066.971 100,00 1.066.849 100,00  
Astensione 564.800 52,93 518.289 48,58  
Votanti 502.171 47,07 548.560 51,42  
Schede bianche e nulle 20.103 4,00 30.414 5,54  
Voti validi 482.068 96,00 518.146 94,46  

*Lista del Presidente uscente

Paesi della Loira[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Jacques Auxiette* PS e alleati 405.105 34,36 702.188 56,39
63
67,74
  Jean-Philippe Magnen - Cap21 160.831 13,64
  Christophe Béchu Maggioranza Presidenziale 386.479 32,78 542.989 43,61
30
32,26
  Brigitte Neveux FN 83.159 7,05  
  Marc Gicquel FG - NPA - Alternativi - FASE - R&S 58.901 5,00
  Patricia Gallerneau MoDem - AEI 53.879 4,57
  Eddy Le Beller LO 18.861 1,60
  Jacky Flippot REG (PB AEI) 11.670 0,99
 
Iscritti 2.551.766 100,00 2.551.894 100,00  
Astensione 1.321.022 51,77 1.230.519 48,22  
Votanti 1.230.744 48,23 1.321.375 51,78  
Schede bianche e nulle 52.859 4,21 76.198 5,77  
Voti validi 1.178.885 95,79 1.245.177 94,23  

*Lista del Presidente uscente

Piccardia[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Claude Gewerc* PS e alleati 153.044 26,64 310.672 48,28
35
61,40
  Christophe Porquier 57.343 9,98
  Caroline Cayeux Maggioranza Presidenziale 149.007 25,94 208.673 32,43
14
24,56
  Michel Guiniot FN 90.802 15,81 124.177 19,30
8
14,04
  Maxime Gremetz Dissidenti del PCF 35.643 6,20  
  Thierry Aury FG - Alternativi - PCOF - DVG 30.721 5,35
  France Mathieu MoDem - AEI - Cap21 21.486 3,74
  Sylvain Desbureaux NPA 17.269 3,01
  Thomas Joly PDF - MNR 11.624 2,02
  Roland Szpirko LO 7.555 1,32
 
Iscritti 1.321.513 100,00 1.321.067 100,00  
Astensione 719.286 54,43 645.218 48,84  
Votanti 602.227 45,57 675.849 51,16  
Schede bianche e nulle 27.733 4,61 32.327 2,45  
Voti validi 574.494 95,39 643.522 48,71  

*Lista del Presidente uscente

Poitou-Charentes[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Ségolène Royal* PS - PRG - MRC - 240.885 38,98 392.292 60,61
39
70,91
  Françoise Coutant 73.644 11,92
  Dominique Bussereau Maggioranza Presidenziale 182.011 29,45 254.910 39,39
16
29,09
  Jean-Marc de Lacoste-Lareymondie FN 47.728 7,72  
  Gisèle Jean FG - PCOF - M'PEP 28.801 4,66
  Pascal Monier MoDem - AEI 26.980 4,37
  Myriam Rossignol NPA - Alternativi - FASE 11.431 1,85
  Ludovic Gaillard LO 6.450 1,04
 
Iscritti 1.284.492 100,00 1.284.411 100,00  
Astensione 641.143 49,91 597.412 46,51  
Votanti 643.349 50,09 686.999 53,49  
Schede bianche e nulle 25.419 3,95 39.797 5,79  
Voti validi 618.010 96,05 647.202 94,21  

*Lista del Presidente uscente

Provenza-Alpi-Costa Azzurra[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Thierry Mariani Maggioranza Presidenziale 388.365 26,60 559.381 33,02
30
24,39
  Michel Vauzelle* PS e alleati 376.601 25,80 747.297 44,11
72
58,54
  Laurence Vichnievsky - Cap21 159.426 10,92
  Jean-Marc Coppola FG 89.256 6,11
  Jean-Marie Le Pen FN 296.283 20,30 387.481 22,87
21
17,07
  Jacques Bompard BI - PDF - MNR 39.284 2,69  
  Catherine Levraud MoDem 36.699 2,51
  Patrice Miran AEI 34.076 2,33
  Pierre Godard NPA - Alternativi - FASE 30.814 2,11
  Isabelle Bonnet LO 9.028 0,62
 
Iscritti 3.347.258 100,00 3 347 144 100,00  
Astensione 1.845.298 55,13 1.599.747 47,79  
Votanti 1.501.960 44,87 1.747.397 52,21  
Schede bianche e nulle 42.128 2,80 53.238 3,05  
Voti validi 1.459.832 97,20 1.694.159 96,95  

*Lista del Presidente uscente

Rodano-Alpi[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Françoise Grossetête Maggioranza Presidenziale 450.914 26,39 666.428 34,02
40
25,48
  Jean-Jack Queyranne* PS e alleati 433.964 25,40 994.372 50,76
100
63,69
  Philippe Meirieu 304.541 17,82
  Élisa Martin FG - Alternativi - PCOF - DVG 107.761 6,31
  Bruno Gollnisch FN 239.330 14,00 298.281 15,23
17
10,83
  Azouz Begag MoDem 73.920 4,33  
  Myriam Combet NPA 41.539 2,43
  Michel Dulac Altre liste 32.467 1,90
  Nathalie Arthaud LO 24.287 1,42
 
Iscritti 4.092.169 100,00 4.094.633 100,00  
Astensione 2.328.240 56,87 2.067.099 50,48  
Votanti 1.765.929 43,13 2.027.534 49,52  
Schede bianche e nulle 58.372 3,24 68.453 3,38  
Voti validi 1.708.877 96,76 1.959.081 96,62  

*Lista del Presidente uscente

Regioni d'oltremare[modifica | modifica sorgente]

Guadalupa[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Seggi
# % # %
  Victorin Lurel* PS - PPDG - Verdi - MoDem 78.261 56,51
31
75,60
  Blaise Aldo Maggioranza Presidenziale 19.405 14,01
4
9,76
  Éric Jalton DVG - GUSR - PCG - PSG - UPLG 17.175 12,40
4
9,76
  Cédric Cornet CDI 9.634 6,96
2
4,88
  Jean-Marie Nomertin LO - CO 3.911 2,82  
  Jeanny Marc Dissidenti del GUSR 3.903 2,82
  Octavie Losio DVD (Nofwap) 2.871 2,07
  Alain Plaisir CIPPA 1.958 1,41
  Alain Lesueur DVG 1.377 0,99
 
Iscritti 292.099 100,00  
Astensione 146.597 50,19
Votanti 145.502 49,81
Schede bianche e nulle 7.007 4,81
Voti validi 138.495 95,18

*Lista del Presidente uscente

Guyana[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Rodolphe Alexandre Maggioranza Presidenziale 12.202 40,61 19.152 56,11
21
67,74
  Christiane Taubira Walwari MDES 6.916 23,02 14.982 43,89
10
32,26
  Gabriel Serville* PSG 1.845 6,14
  José Gaillou 1.582 5,27
  Chantal Berthelot DVG 1.532 5,10
  Joëlle Prévôt-Madère Autonomisti DVD 2.225 7,41  
  Gil Horth FDG 1.443 4,80
  Roger Arel DVD 1.274 4,24
  Gilbert Fossé Autonomisti DVD 725 2,41
  Léon Jean-Baptiste-Édouard PS 301 1,00
 
Iscritti 69.657 100,00 69.664 100,00  
Astensione 38.701 55,56 34.332 49,28  
Votanti 30.956 44,44 35.332 50,72  
Schede bianche e nulle 911 2,94 1.198 3,39  
Voti validi 30.045 97,06 34.134 96,61  

*Lista del Presidente uscente

Martinica[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Serge Letchimy PPM 51.793 40,02 78.057 48,32
26
63,42
  Alfred Marie-Jeanne* MIM 41.642 32,18 66.309 41,05
12
29,27
  André Lesieur Maggioranza Presidenziale 13.586 10,50 17.173 10,63
3
7,32
  Madeleine de Grandmaison RDM 8.875 6,86  
  Pierre Samot BPM 5.131 3,96
  Ghislaine Joachim-Arnaud CO 3.514 2,72
  Guy Lordinot DVG 2.446 1,89
  Max Orville MoDem 1.350 1,04
  Jean-Claude Granier Autonomisti DVD 1.082 0,84
 
Iscritti 301.244 100,00 299.933 100,00  
Astensione 167.278 55,53 133.969 44,67  
Votanti 133.966 44,47 165.964 55,33  
Schede bianche e nulle 4.547 3,39 4.425 2,67  
Voti validi 129.343 96,61 161.539 97,33  

*Lista del Presidente uscente

Réunion[modifica | modifica sorgente]

Candidato Lista Primo turno Secondo turno Seggi
# % # % # %
  Paul Vergès* L'Alleanza (PCR - Free Dom - MoDem) 71.638 30,22 112.201 35,55
12
26,67
  André Thien-Ah-Koon DVD 12.734 5,37
  Didier Robert Maggioranza Presidenziale 62.643 26,43 143.485 45,46
27
60,00
  Nadia Ramassamy Autononisti DVD- AMPR 14.023 5,92
  Michel Vergoz PS 30.970 13,07 59.933 18,99
6
13,34
  Jean-Paul Virapoullé DVD 15.959 6,73  
  Eric Magamootoo Autonomisti DVD 11.818 4,99
  Vincent Defaud 11.700 4,94
  Aniel Boyer NR 2.097 0,88
  Jean-Yves Payet LO 1.945 0,82
  Johny Arnachellum Autonomisti DVD 1.269 0,54
  Daniel Pouny DVD autonomiste - UDR 231 0,10
 
Iscritti 550.399 100,00 550 549 100,00  
Astensione 301.211 54,73 221.892 40,30  
Votanti 249.188 45,27 328.657 59,70  
Schede bianche e nulle 12.161 4,88 13.038 3,97  
Voti validi 236.857 95,12 315.619 96,03  

*Lista del Presidente uscente

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AFP: Régionales : le PCF reconduit le Front de gauche dans au moins 17 régions 23 novembre 2009
  2. ^ Régionales : Le MoDem de Charente-Maritime accepte l'alliance avec Royal 16 gennaio 2010
  3. ^ Libération 09/01/2009
  4. ^ MODEM - Lepage : "Nous aurons à tirer des conséquences après les régionales" Feb. 18 2010
  5. ^ Libérez l'Avenir
  6. ^ Régionales : les ministres sur le front Jan. 28 2010
  7. ^ Corse: Commission des sondages saisie AFP su lefigaro.fr

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]