Elezioni presidenziali statunitensi del 1868

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Voti delle elezioni presidenziali per Stato.

Le Elezioni presidenziali statunitensi del 1868 videro la vittoria finale del candidato repubblicano Ulysses S. Grant.

Grant vinse in 26 dei 34 stati, ottenendo la larga maggioranza dei grandi elettori, ma il voto popolare fu assai più equilibrato: la differenza finale fu di trecentomila voti su un totale di quasi sei milioni di votanti. Essenziale, affinché Grant non fosse un presidente di minoranza, fu il voto dei settecentomila elettori di colore negli stati del sud.

I candidati[modifica | modifica sorgente]

Partito repubblicano[modifica | modifica sorgente]

Ulysses S. Grant era il candidato ideale per i repubblicani: egli era un eroe nazionale per le imprese compiute in guerra e in più era alla sua prima esperienza politica per cui, con molta probabilità, come presidente avrebbe seguito le indicazioni dei leader repubblicani al Congresso. Il suo programma garantiva l'appoggio ai piani radicali di ricostruzione del sud, e confermava la concessione del suffragio ai neri.

Partito democratico[modifica | modifica sorgente]

I democratici ignorarono le richieste di Andrew Johnson, che avrebbe gradito ricandidarsi, e sostennero la candidatura a presidente del governatore dello stato di New York Horatio Seymour. Il programma democratico appoggiava la 'idea dell' Ohio', che consisteva nel pagare i titoli del debito pubblico con i greenbacks, banconote non convertibili; avversava i Reconstruction Acts considerandoli rivoluzionari ed inefficaci; inoltre sosteneva il diritto dei singoli stati a decidere sul suffragio alla comunità nera.


Risultati[modifica | modifica sorgente]

Candidati Grandi elettori Voti
Presidente Vicepresidente Partito # # %
Ulysses S. Grant, IL Schuyler Colfax, IN Repubblicano 214 3.013.650 52,7
Horatio Seymour, NY Francis Preston Blair, Jr., MO Democratico 80 2.708.744 47,3
Altri 0 46 0,0
Totale 294 5.722.440 100,0

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]