Elezioni presidenziali in Francia del 1848

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni presidenziali in Francia del 1848
Stato Francia Francia
Data 10 dicembre
Napoleón III, 1865.jpg Cavaignac.jpg
Candidati Luigi Napoleone Bonaparte Louis Eugène Cavaignac
Partito - -
Voti 5.434.226
74,33% %
1.448.107
19.81 %
Presidente uscente
Louis-Eugène Cavaignac (ad interim)
Left arrow.svg - - Right arrow.svg

Le elezioni presidenziali francesi del 1848 si svolsero il 10 dicembre ed elessero il primo e unico presidente della Seconda repubblica transalpina; esse furono vinte da Luigi Bonaparte con la sorprendente percentuale del 74.44% dei voti.

Elezioni[modifica | modifica wikitesto]

La Costituzione francese prevedeva un unico turno elettorale: qualora nessun candidato avesse raggiunto almeno il 50%+1 dei consensi, l'Assemblea Nazionale avrebbe deciso il vincitore[1]. Il Primo Ministro uscente Louis-Eugène Cavaignac sembrava certo di vincere, anche perché l'Assemblea avrebbe optato certamente per lui in assenza di una maggioranza assoluta.

Inoltre l'altro candidato competitivo, Luigi Napoleone Bonaparte, non aveva una lunga carriera politica alle spalle: tuttavia i monarchici (sia i legittimisti sia gli orleanisti) e gran parte della classe più agiata lo consideravano il male minore, un uomo che avrebbe ristabilito l'ordine, fermato l'instabilità francese ed evitato una rivoluzione proto-comunista, auspicata da Friedrich Engels.

Una buona parte della classe operaia, invece, venne conquistata dalle vaghe rivendicazioni progressiste che Luigi Napoleone lanciò in campo economico. La sua schiacciante vittoria, comunque, fu dovuta soprattutto al sostegno delle masse rurali non politicizzate, a cui il nome di Bonaparte suscitava ancora gloriosi ricordi, a differenza degli altri contendenti che erano invece poco conosciuti.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Candidato  % Voti
Luigi Napoleone Bonaparte (Bonapartista) 74.33% 5.434.226
Louis-Eugène Cavaignac (Indipendente, Centrista repubblicano) 19.81% 1.448.107
Alexandre Ledru-Rollin (Indipendente, Socialdemocratico repubblicano) 5.06% 370.119
François-Vincent Raspail (Partito Socialista Francese) 0.51% 36.920
Alphonse de Lamartine (Liberale) 0.23% 17.210
Nicolas Changarnier (Legittimista) 0.06% 4.790
Voti nulli 12.600
Totale 100.00% 7.323.972

Bonaparte ricevette la maggioranza dei suffraggi in tutti i dipartimenti tranne nel Var, nelle Bocche del Rodano, nel Morbihan e nel Finistère, nei quali si registrò la vittoria di Louis-Eugène Cavaignac. Al termine delle consultazioni, il nipote di Napoleone I divenne il secondo presidente d'Europa (dopo lo svizzero Jonas Furrer) e il di Francia ad essere eletto da un voto popolare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alexis de Tocqueville, Souvenirs (capitolo XI), Robert Laffont, Parigi, 1986, pp. 831-834.