Elezioni politiche italiane del 1921

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezioni politiche del 1921
Italia Italia
XXVI Legislatura
Governi Giolitti V (1920-1921)
Bonomi I (1921-1922)
Facta I (1922)
Facta II (1922)
Mussolini (1922-1943)
Precedenti 1919
Successive 1924

Le elezioni politiche del 1921 si sono svolte il 15 maggio 1921. Avevano diritto al voto tutti i cittadini di sesso maschile maggiorenni, ovvero che avessero compiuti i 21 anni. Rispetto alle precedenti elezioni del 1919, in base al R.D. 2 aprile 1921, n. 320, vengono tolte le limitazioni d'età agli elettori analfabeti e i seggi sono aumentati da 508 a 535, suddivisi in 34 collegi elettorali.

Furono le prime elezioni a cui parteciparono i votanti dei territori neoannessi della Venezia Tridentina e della Venezia Giulia.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Grafico delle elezioni politiche italiane.

Camera dei deputati del Regno d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 11.457.164  
Votanti 6.701.496 58,4 (su n. elettori)
Voti validi 6.608.141 98,6 (su n. votanti)
Voti non validi (su n. votanti)
di cui schede bianche (su n. votanti)
Partiti voti voti (%) seggi
Partito Socialista Italiano 1.631.435 24,7 123
Partito Popolare Italiano 1.347.305 20,4 108
Blocchi Nazionali 1.260.007 19,7 105
Liberali Democratici 684.855 10,4 68
Liberali 470.605 7,1 43
Democrazia Sociale 309.191 4,7 29
Partito Comunista d'Italia 304.719 4,6 15
Partito Repubblicano Italiano 124.924 1,9 6
Partito Democratico Riformista 122.087 1,8 11
Partito dei Combattenti 113.839 1,7 10
Liste di slavi e di tedeschi 88.648 1,3 9
Partito Economico 53.382 0,8 5
Socialisti Indipendenti 37.892 0,6 1
Partito Dissidente e Cristiano del Lavoro 29.703 0,4 0
Fasci di combattimento 29.549 0,4 2
Totale 100,00 535

Nota: Nelle elezioni del 1921 il Partito Nazionale Fascista si presentò nella lista Blocchi Nazionali, ed elesse 35 deputati, tra cui lo stesso Mussolini che risultò terzo deputato più votato d'Italia[1]. L'elezione di tre deputati fascisti Farinacci, Grandi e Bottai fu invalidata nel 1922, poiché tutti sotto l'età minima che era di trent'anni al momento dell'elezione[2][3]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Elenco dei candidati del "Blocco Nazionale" per le elezioni politiche del 1921, Mymilitaria.it, oggetto cod. 17661.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Pombeni, "Storia dello Stato italiano a cura di R.Romanelli", Donzelli 1995, p. 104
  2. ^ Guido Gerosa, p. 49
  3. ^ Giordano Bruno Guerri, p. 85

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

P.L. Ballini, Le elezioni nella storia d'Italia dall'unita al fascismo: profilo storico-statistico – Bologna, il Mulino (1988)