Elezioni parlamentari nella Repubblica Socialista di Bosnia ed Erzegovina del 1990

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le elezioni parlamentari nella Repubblica Socialista di Bosnia ed Erzegovina del 1990 si sono tenute il 18 novembre, nel primo turno e il 2 dicembre nel secondo turno solo per la Camera dei Comuni. Queste sono state le prime libere elezioni nel paese dopo la fine del regime comunista.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Presidenza[1][modifica | modifica wikitesto]

Musulmani (2 membri)[modifica | modifica wikitesto]

Candidato Partito Voti %
Fikret Abdić Partito d'Azione Democratica 1.045.539 32,69
Alija Izetbegović Partito d'Azione Democratica 879.266 27,49
Nijaz Duraković Lega dei Comunisti - SDP 558.263 17,46
Džemal Sokolović Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia 183.171 5,73
Nazif Gljiva Lega della Gioventù Socialista - Partito Democratico 133.587 4,18
Fejsal Hrustanović Lega dei Comunisti - SDP 122.002 3,82
Đevad Haznadar Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia 120.560 3,77
Bahrudin Bijedić Indipendente 104.335 3,26
Adil Zulfikarpašić Organizzazione Musulmana Bosgnacca 51.225 1,60
Totale 3.197.948 100

Serbi (2 membri)[modifica | modifica wikitesto]

Candidato Partito Voti %
Biljana Plavšić Partito Democratico Serbo 573.812 22,16
Nikola Koljević Partito Democratico Serbo 556.218 21,48
Nenad Kecmanović Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia 500.783 19,34
Mirko Pejanović Lega dei Comunisti - SDP 335.392 12,96
Nikola Stojanović Lega dei Comunisti - SDP 238.377 9,21
Đorđe Latinović Lega della Gioventù Socialista - Partito Democratico 223.044 8,61
Ranko Zrilić Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia 161.910 6,25
Totale 2.589.536 100

Croati (2 membri)[modifica | modifica wikitesto]

Candidate Party Votes %
Stjepan Kljuić Unione Democratica Croata di Bosnia ed Erzegovina 473.002 22,23
Franjo Boras Unione Democratica Croata di Bosnia ed Erzegovina 416.629 19,58
Ivo Komšić Lega dei Comunisti - SDP 353.707 16,62
Zoran Perković Lega dei Comunisti - SDP 290.333 13,65
Franjo Bošković Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia 250.099 11,75
Tadej Mateljan Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia 213.516 10,03
Martin Raguž Lega della Gioventù Socialista - Partito Democratico 130.428 6,13
Totale 2.127.714 100

"Jugoslavi" (1 membro)[modifica | modifica wikitesto]

Candidato Partito Voti %
Ejup Ganić Partito d'Azione Democratica 709.891 43,11
Ivan Čerešnješ Partito Democratico Serbo 362.681 22,02
Josip Pejaković Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia 317.978 19,31
Zlatko Lagumdžija Lega dei Comunisti - SDP 194.723 11,82
Azemina Vuković Lega della Gioventù Socialista - Partito Democratico 61.542 3,74
Totale 1.646.815 100

Camera dei Cittadini[modifica | modifica wikitesto]

Partito Voti % Seggi
Partito d'Azione Democratica 711.075 31,5 43
Partito Democratico Serbo 590.431 26,1 34
Unione Democratica Croata di Bosnia ed Erzegovina 362.855 16,1 21
Lega dei comunisti - SDP 278.027 12,3 15
Unione delle Forze Riformiste per la Bosnia ed Erzegovina 201.018 8,9 12
Lega della gioventù socialista - Partito Democratico - Verdi 39.982 1,8 2
Partito Democratico Socialista 31.623 1,4 1
Organizzazione Musulmana Bosgnacca 25.975 1,2 2
Altri 17.522 0.8 0
Voti non validi 80.219
Totale 2.338.727 100 130
Fonte: Nohlen & Stöver

Camera dei Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Primo turno:18 novembre - Secondo turno:2 dicembre
Partito Voti % Seggi
Partito d'Azione Democratica 788.616 30,8 43
Partito Democratico Serbo 624.951 24,4 38
Unione Democratica Croata di Bosnia ed Erzegovina 383.279 15,0 23
Lega dei comunisti - SDP 378.198 14,8 4
Unione delle Forze Riformiste per la Bosnia ed Erzegovina 281.436 11,0 1
Movimento del Rinnovamento Serbo 4.217 0,2 1
Altri 96.650 3,8 0
Voti non validi 83.623
Totale 2.640.970 100 110
Fonte: Nohlen & Stöver

Esito[modifica | modifica wikitesto]

Queste elezioni videro la vittoria dei tre partiti nazionalisti etnici: il Partito d'Azione Democratica, il Partito Democratico Serbo e l'Unione Democratica Croata.

I tre partiti si accordarono e formarono una coalizione anticomunista, la presidenza della repubblica andò al musulmano Alija Izetbegović, la presidenza del parlamento al serbo Momčilo Krajišnik mentre la premiership al croato Jure Pelivan.


  1. ^ Sources: Dieter Nohlen and Philip Stöver, Elections in Europe: A Data Handbook (Nomos, 2011); Mirsad Karic, "Social Cleavages, Conflict and Accommodation in Bosnian Political History from the Late 19th Century until the 1990s," Bilgi, Issue #22 (2011), p. 91; Virtuts Sambró Melero, "Las elecciones de 1990 en Bosnia," in Carlos Flores Juberías, ed., De la Europa del Este al este de Europa (Universitat de València, 2011), p. 152; Virtuts Sambró Melero, "Contextualització i anàlisi de les eleccions del 18 de novembre de 1990 a la R.S. de Bòsnia i Hercegovina" (Doctoral Thesis, Universitat Autònoma de Barcelona, 2009).