Elezioni parlamentari finlandesi del 1958

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Le elezioni parlamentari finlandesi del 1958, che si tennero il 6 gennaio e il 7 gennaio, rappresentano un caso più unico che raro nei paesi occidentali; le elezioni, infatti, vennero vinte dalla Lega Democratica del Popolo Finlandese, un partito di estrazione comunista.

Fatto eccezionale nei paesi occidentali, che può essere paragonato solamente alle elezioni europee del 1984 dove in Italia il primo partito risultò essere il Partito Comunista Italiano. Va detto però che in quelle elezioni ci fu il cosiddetto "effetto Berlinguer", dovuto alla prematura scomparsa del leader comunista.

Più recentemente, l'esito delle elezioni presidenziali cipriote del 2008 hanno visto la vittoria del leader comunista Dimitris Christofias.

Bisogna tuttavia ricordare che il risultato non consentì ai comunisti di prendere le redini del governo finlandese: primo ministro infatti divenne il socialdemocratico Karl-August Fagerholm (seppur con una fragilissima maggioranza) mentre Presidente della Repubblica restò Urho Kekkonen della Lega rurale.

Affluenza 75,0% Voti 1 944 235


Partito seggi percentuale voti abbreviazione
Lega democratica del popolo finlandese 50 23,16% 450 220 SKDL
Partito Socialdemocratico finlandese 48 23,12% 449 536 SDP
Partito di Centro 48 23,06% 448 364 ML
Partito della Coalizione Nazionale 29 15,28% 297 094 KOK
Partito del popolo svedese 13 6,50% 126 365 RKP
Partito del popolo di Finlandia 8 5,90% 114 617 KP
Opposizione Socialdemocratica 3 1,75% 33 947 SDPOP
Lega Liberale 0,33% 6 424
Partito regionale dell'Åland 1 0,28% 5 487
Altri 0,01% 242