Eleonora d'Inghilterra (1264-1297)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eleonora (Windsor, 17 giugno 1264Gand, 12 ottobre 1297) fu regina consorte di Aragona, dal 1290 al 1291 e poi contessa consorte di bar, dal 1293.

Origine[1][2][3][modifica | modifica sorgente]

Figlia del re d'Inghilterra e duca d'Aquitania Edoardo I Plantageneto e della sua prima moglie, Eleonora di Castiglia, figlia secondogenita del re di Castiglia, Ferdinando III il Santo e di Giovanna di Dammartin, Contessa di Ponthieu (contea nel dipartimento della Somme le cui città principali erano Abbeville e Montreuil-sur-Mer).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Eleonora nacque al castello di Windsor, ma secondo la "Casa d'Angiò-genealogy", sarebbe nata nel 1269, anziché 1264[2].

Secondo il cronista Raimondo Muntaner, il padre Edoardo I, nel 1286, inviò Jean d´Agrilli a Barcellona per negoziare il fidanzamento di Eleonora col Re di Aragona, di Valencia e di Maiorca e Conte di Barcellona e delle altre contee catalane, Alfonso III di Aragona; prima della fine di quell'anno il contratto di fidanzamento era stipulato[1].
Eleonora, il 15 agosto 1290, dopo quattro anni di fidanzamento, sposò, per procura, nell'abbazia di Westminster[1], Alfonso III, figlio primogenito del re d'Aragona, di Valencia e conte di Barcellona e altre contee catalane, Pietro III il Grande e di Costanza di Sicilia[4], figlia del re di Sicilia Manfredi (figlio illegittimo dell'imperatore Federico II di Svevia) e di Beatrice di Savoia (12231259).
Il matrimonio non fu mai consumato[1], in quanto Edoardo I rifiutò di mandare la figlia, Eleonora in Aragona finché il re Alfonso III e tutti i suoi parenti erano colpiti dall'interdetto papale, per la mancata restituzione della Sicilia agli angioini.
Eleonora, l'anno dopo rimase vedova in quanto Alfonso III, secondo la Cronaca piniatense[5], morì all'improvviso, a 27 anni, il 18 giugno del 1291.

Nel 1293, il 20 settembre, a Bristol, Eleonora sposò il conte di Bar, Enrico III (1259-Napoli settembre 1302), figlio del conte di Bar, Tebaldo II e di Jeanne de Toucy.

Eleonora si spense a Gand, il 12 ottobre del 1297[6], e la salma fu trasferita a Londra e tumulata nell'abbazia di Westminster[1].

Figli[modifica | modifica sorgente]

Eleonora ad Alfonso non diede figli, in quanto il matrimonio non era stato consumato e secondo il cronista Raimondo Muntaner Alfonso III era ancora vergine, non avendo mai avuto contatti con una donna (il était parfaitement vierge, n´ayant jamais approché de femme)[7].

Eleonora ad Enrico diede tre figli[8][9]:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Dinastia real d'Inghilterra
  2. ^ a b (EN) Casa d'Angiò-genealogy
  3. ^ (DE) Edoardo I genealogie mittelalter
  4. ^ Costanza di Hohenstaufen anche detta di Sicilia, non deve essere confusa con Costanza d'Altavilla, anch'essa detta di Sicilia, bisnonna di Costanza di Hohenstaufen.
  5. ^ La Cronaca piniatense è una cronaca storiografica, voluta dal re d'Aragona, Pietro IV, del regno di Aragona, dalle sue origini comitali sino alla Corona d'Aragona (1336, morte di Alfonso IV di Aragona)
  6. ^ Secondo lo storico, Georges Poull, nel suo libro La Maison souveraine et ducale de Bar (1994), Eleonora visse più a lungo (senza citare la data di morte) e, dopo la morte del marito, Enrico III, del 1302, rientrò in Inghilterra, e due anni dopo suo padre, Edoardo I Plantageneto, cercò di fidanzarla col conte di Borgogna e di Chalon, Roberto (1300-1315), figlio del conte palatino di Borgogna, Ottone IV (la cosa pare poco credibile per la grande differenza di età, circa 35 anni)
  7. ^ (EN) Dinastie reali d'Aragona
  8. ^ (EN) Conti di Bar
  9. ^ (EN) Bar- Genealogy

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore regina consorte di Aragona e di Valencia
e contessa consorte di Barcellona
Successore Stendardo del re d'Aragona.png
Costanza di Sicilia 1290-1291 Isabella di Castiglia