Eleonora d'Assia-Rotenburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eleonora
Contessa Palatina di Sulzbach
Nascita Schloss Rotenburg, Rotenburg, 17 ottobre 1712
Morte Neuburg an der Donau, 23 maggio 1759
Padre Ernesto Leopoldo, Langravio d'Assia-Rotenburg
Madre Eleonora di Löwenstein-Wertheim-Rochefort
Consorte Giovanni Cristiano, Conte Palatino di Sulzbach

Principessa Eleonora d'Assia-Rheinfels-Rotenburg [1] (Eleonora Philippina Christina Sophia; 17 ottobre 171223 maggio 1759) fu la consorte di Giovanni Cristiano, Conte Palatino di Sulzbach, da cui non ebbe figli.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque al Palazzo del Langravio a Rotenburg an der Fulda era il settimo figlio di Ernesto Leopoldo, Langravio d'Assia-Rotenburg e di sua moglie, la Contessa Eleonora di Löwenstein-Wertheim-Rochefort. I suoi genitori erano cugini di primo grado, essendo entrambi nipoti di Ferdinando Carlo, Conte di Löwenstein-Wertheim-Rochefort. Suo padre, capo dell'unico ramo romano cattolico del Casato d'Assia,[2] diventò sovrano d'Assia-Rotenburg nel 1725.

Si recò a Torino dove sua sorella Polissena era la consorte di Carlo Emanuele III di Sardegna.[3]

Sposò Giovanni Cristiano, Conte Palatino di Sulzbach a Mannheim il 21 gennaio 1731. Suo marito era stato in precedenza sposato con Maria Henriette de La Tour d'Auvergne, che era morta nel 1728 dopo il parto. Eleonora e suo marito erano cugini di primo grado, essendo il padre di Eleonora un fratello di Maria Eleonora d'Assia-Rotenburg madre di Giovanni Cristiano. L'anno successivo, suo marito successe come sovrano di Sulzbach. Il matrimonio rimase senza figli ed ella diventò vedova nel 1733. Si recò a Neuburg an der Donau dove morì nel 1759.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Titoli e trattamento[modifica | modifica sorgente]

  • 17 ottobre 1712 – 11 gennaio 1731 Principessa Eleonore d'Assia-Rheinfels-Rotenburg [4]
  • 11 gennaio 1731 – 11 luglio 1732 la Principessa Ereditaria di Sulzbach
  • 11 luglio 1732 – 30 luglio 1733 la Contessa Palatina di Sulzbach
  • 30 luglio 1733 – 23 maggio 1759 Sua Altezza Serenissima la Contessa Palatina Vedova di Sulzbach

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michel Huberty, F. Alain Giraud e F. & B Magdelaine, L'Allemagne Dynastique (Tome I Hesse-Reuss-Saxe), Le Perreux, A. Giraud, 1976, ISBN 2-901138-01-2.
  • Keyssler, Johann Georg: Travels through Germany, Bohemia, Hungary, Switzerland, Italy, and Lorrain: Giving a true and just description of the present state of those countries, New York, 1760

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Huberty, 1976, p 108, 129, 146-147, 153-154
  2. ^ Huberty, 1976, p 75
  3. ^ Keyssler, Johann Georg, 1760, p 246
  4. ^ Huberty, 1976, p 129