Eleonora d'Asburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando Eleonora d'Asburgo, duchessa di Mantova, moglie di Guglielmo Gonzaga, vedi Eleonora d'Austria.
Eleonora d'Asburgo
Eleonora d'Asburgo ritratta da Joos van Cleve nel 1530
Eleonora d'Asburgo ritratta da Joos van Cleve nel 1530
Regina consorte di Portogallo
In carica 16 luglio 1518 – 13 dicembre 1521
Regina consorte di Francia
In carica 4 luglio 1530 – 31 marzo 1547
Altri titoli Arciduchessa d’Austria
Nascita Bruxelles, 15 novembre 1448
Morte Talaveruela, 18 febbraio 1558
Casa reale Castiglia e León
Padre Filippo d’Asburgo
Madre Giovanna di Castiglia
Consorte Manuele I di Portogallo
Francesco I di Francia
Figli Infante Carlo di Portogallo
Infanta Maria, Signora di Viseu

Eleonora d' Asburgo (Bruxelles, 15 novembre 1498Talavera la Real, 18 febbraio 1558) , fu prima regina di Portogallo e poi regina di Francia.

Era la figlia primogenita di Filippo d'Asburgo e di Giovanna di Castiglia e Aragona.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

La piccola Eleonora ebbe presto una sua corte personale. Alla morte di Filippo, avvenuta nel 1506, Giovanna, ritenuta pazza, fu imprigionata nella fortezza di Tordesillas dove fu sempre tenuta all'oscuro di tutto ciò che accadeva all'esterno e quindi non le venne mai data notizia dei suoi figli.[senza fonte]

Eleonora, insieme ai fratelli Carlo (il futuro signore d'Europa Carlo V), Isabella e Maria, crebbe presso la corte borgognona della zia paterna Margherita d'Asburgo.

La corte borgognona era culturalmente a quel tempo una delle più vivaci e ricche d'Europa. I bambini ebbero quindi una infanzia dorata, a differenza dei fratelli Ferdinando e Caterina, i quali invece crebbero in Spagna.

Matrimoni[modifica | modifica sorgente]

Raggiunta l'età da marito, il fratello Carlo, che era ormai il capo famiglia, era intenzionato a darla in sposa per i suoi fini politici.

Ma Eleonora era una giovane romantica e si intestardì a voler contrarre un matrimonio d'amore. Si fece avanti allora il conte palatino Federico, cavaliere valoroso e ammirato nei numerosi tornei che si tenevano a corte. Nell'estate del 1517 egli scrisse all'amata un'appassionata lettera d'amore. Ma Carlo ne venne informato e, proprio mentre la ragazza stava ricevendo la lettera, piombò nei suoi appartamenti intimandole di consegnargliela. Lei tentò di nascondersela addosso ma il fratello con durezza gliela strappò di mano. I due innamorati furono trascinati dalla furia dell'imperatore davanti ad un notaio per giurare di non aver contratto un matrimonio segreto, dopo di che il conte venne bandito dalla corte. Eleonora non lo rivide mai più e dovette rassegnarsi a rinunciare ai suoi sogni romantici.[senza fonte]

Fu data così in sposa al re Manuele I di Portogallo, già vedovo di Isabella di Trastamara e di Maria di Trastamara, zie materne di Eleonora: in virtù di questo matrimonio, il 4 luglio 1518 assunse il titolo di regina consorte, mantenendolo fino alla morte del marito. Rimasta vedova il 13 dicembre 1521, nel 1530 andò sposa a Francesco I di Francia, come concordato nel Trattato di Madrid, che suggellava la pace tra Spagna e Francia.

Eleonora fu dunque prima regina del Portogallo e poi di Francia, ma rimase vedova anche del secondo marito. Tornò quindi a vivere, come anche la sorella Maria, al fianco del fratello Carlo.

Regno di Castiglia e León
Casa di Trastámara

Arms of the Crown Castile with the Royal Crest.svg

Le sorelle gli restarono accanto anche quando il vecchio imperatore decise di abdicare a favore del figlio Filippo e ritirarsi nell'Estremadura, in Spagna.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Eleonora morì a Talaveruela, pochi mesi prima del fratello con cui era cresciuta.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 29525094 LCCN: nr2003034517