Eleonora Maria di Löwenstein-Wertheim-Rochefort

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eleonora
Langravia d'Assia-Rotenburg
Nascita Vienna, Austria, 16 febbraio 1686
Morte Castello di Rotenburg, Rotenburg, 22 febbraio 1753
Padre Massimiliano Carlo, Principe di Löwenstein-Wertheim-Rochefort
Madre Maria Polissena Khuen von Lichtenberg und Belasi
Consorte Ernesto Leopoldo, Langravio d'Assia-Rotenburg
Figli Giuseppe, Principe Ereditario d'Assia-Rotenburg
Polissena, Regina di Sardegna
Eleonora, Contessa Palatina di Sulzbach
Carolina, Principessa di Condé
Costantino, Langravio d'Assia-Rheinfels-Rotenburg
Cristina, Principessa di Carignano

Eleonora di Löwenstein-Wertheim-Rochefort, nome completo: Eleonore Maria Anna (16 febbraio 1686Rotenburg, 22 febbraio 1753), fu una Principessa di Löwenstein-Wertheim-Rochefort per nascita e la Lanngravina d'Assia-Rotenburg per matrimonio. Battezzata come Eleonore Maria Anna, era nota come Eleonore che significa "bellezza vera e perpetua"[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Vienna da Massimiliano Carlo, Conte di Löwenstein-Wertheim-Rochefort e da sua moglie Maria Polissena Khuen di Lichtenberg. Era la loro sestogenita. Suo padre era entrato al servizio imperiale in giovane età, fu un consigliere imperiale dal 1684, quindi da quando Eleonora nacque a Vienna, la capitale del Sacro Romano Impero allora governato da Leopoldo I.

Sua madre era un membro della famiglia che governò la Contea di Lichtenberg und Belasi. I suoi genitori erano cugini di primo grado, lei stessa avrebbe poi sposato un cugino di primo grado; la zia paterna di Eleonora, Maria Anna di Löwenstein-Wertheim-Rochefort aveva sposato Guglielmo, Langravio d'Assia-Rheinfels-Rotenburg, padre di Ernesto Leopoldo d'Assia-Rotenburg, il figlio ed erede di Guglielmo.

La coppia si sposò a Francoforte il 9 novembre 1704, la sposa aveva 18 anni e lo sposo 20. Furono genitori di dieci figli, cinque dei quali avrebbero avuto discendenza. Sopravvisse al marito di tre anni.[1]

La maggiore delle sue nipoti, Eleonora di Savoia, fu chiamata in suo onore. Il maggiore dei suoi nipoti era Vittorio Amedeo III di Sardegna.

Figli[modifica | modifica sorgente]

Titoli e trattamento[modifica | modifica sorgente]

  • 16 febbraio 1686 - 9 novembre 1704, Sua Altezza Serenissima, Contessa Eleonora di Löwenstein-Wertheim.
  • 9 novembre 1704 - 20 novembre 1725, Sua Altezza Serenissima, la Principessa Ereditaria d'Assia-Rotenburg.
  • 20 novembre 1725 - 29 novembre 1749, Sua Altezza Serenissima, la Langravina d'Assia-Rotenburg.
  • 29 novembre 1749 - 22 febbraio 1753, Sua Altezza Serenissima, la Langravina Madre d'Assia-Rotenburg.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Leo van de Pas, Gräfin Eleonore zu Löwenstein-Wertheim- Rochefort in Genealogics .org. URL consultato il 1º marzo 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Hans-Günter Kittelmann, Kleiner Führer durch die Rotenburger Quart 1627–1834 und das Fürstenhaus Hessen-Rotenburg, Geschichtsverein Altkreis Rotenburg, pp. 28–43, ISBN 3-00-010155-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
Predecessore Langravia consorte d'Assia-Rotenburg Successore
Eleonora di Solms-Lich 20 novembre 1725 - 29 novembre 1749 Maria Sofia di Starhemberg