Lista di gridi di guerra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Elenco di gridi di guerra)

Un grido di battaglia (o grido dell'arme) è una frase o una parola comune agli appartenenti a un esercito o a una unità minore. Il grido può servire come elemento di riconoscimento per i capi militari o per le stesse unità per distinguere le une dalle altre, ma esso serve soprattutto ai soldati per motivarsi prima del combattimento e spingersi al di là dei loro limiti.

I gridi sono frequentemente riportati sugli stemmi delle unità che li impiegano e in questo caso sono scritti su listelli svolazzanti posti al di sopra dello scudo o dell'elmo che lo timbra.

Esempi storici[modifica | modifica sorgente]

  • Alla domanda del comandante A chi la vittoria? rispondevano A noi! gli Arditi nella Prima guerra mondiale urlato come sfida e per infondersi coraggio, poi ripreso dal regime fascista.
  • Alalà per gli Ateniesi nelle guerre persiane e in quella del Peloponneso.
  • Signa inferre! (Porta avanti le insegne!) per le legioni di Roma.
  • Ambrones per gli Ambroni nella battaglia delle Aquae Sextiae (secondo Plutarco).
  • Amit! (Uccidi!) per i musulmani nella battaglia di Badr.
  • Aragó! e Sant Jordi! (Aragona e San Giorgio) per i Catalani e gli Aragonesi.
  • Avanti Sardegna! per i fanti della Brigata Sassari durante la Prima guerra mondiale.
  • Banzai! (letteralmente Diecimila anni!) per i soldati dell'esercito imperiale giapponese durante la Seconda guerra mondiale.
  • Boia chi molla! usato nel ventennio fascista.
  • Boo-Ya! per il 75º reggimento rangers dell'esercito degli Stati Uniti d'America.
  • Bourgogne! per gli eserciti del duca di Borgogna del XV secolo.
  • Coelum denique! (Il cielo finalmente) per i crociati.
  • Desperta ferro! per gli Almogaveri durante la Reconquista; oggi è utilizzato dai paracadutisti spagnoli.
  • Deus vult (Dio lo vuole) per i crociati.
  • Dex Aie! (Dio ci aiuti) per i Normanni alla battaglia di Hastings; questo grido fu ripreso dalla Royal Guernsey Light Infantry durante la Prima guerra mondiale.
  • Folgore! per i paracadutisti italiani, dal nome della Divisione che inquadrò i reparti paracadutisti durante la Seconda Guerra Mondiale, poi ricostituita come Brigata paracadutisti "Folgore" nel dopoguerra.
  • Geronimo! per i paracadutisti degli Stati Uniti d'America.
  • Guyenne! Saint Georges! per i Guasconi schierati con gli Inglesi nella guerra dei cent'anni.
  • Heb Hep Hierusalem attribuito ad alcune unità romane dopo la distruzione di Gerusalemme.
  • Hey-Ah! citato in numerose occasioni nella Bibbia.
  • Hooah! per i fanti dell'esercito degli Stati Uniti d'America.
  • Hooka Hey! per i Sioux Lakota di Cavallo Pazzo e più in generale per i Sioux dopo la sua morte.
  • Hooyah! per i Navy SEAL degli Stati Uniti d'America.
  • Hrr na ně! (A loro) per gli ussiti durante le guerre ussite.
  • Huj, Huj, Hajrá! (Più presto, più presto) per i conquistatori ungheresi.
  • Huzzah! Huzzah! Huzzah! (etimo incerto) per i fanti inglesi nel XVII e XVIII secolo.
  • Mon Dieu grido personale del principe Eugenio di Savoia prima di lanciarsi nella mischia della battaglia.
  • Montjoie! Saint-Denis! per gli eserciti dei re di Francia fino a tutto il XVI secolo, dal nome del santo patrono di Francia.
  • На Нож! pronuncia Na Nozh! (Alla baionetta) per l'esercito bulgaro fin dalle guerre balcaniche e utilizzato ancora oggi.
  • На за Сталина идыом перйoт Na za Stalina idiom perijot (in nome di Stalin andiamo avanti) seguito da prolungati hurra!, per i soldati dell'Armata rossa nella Seconda guerra mondiale.
  • Lepanto ! per il Corpo Militare Speciale Ausiliario dell'Esercito Italiano dell'Associazione dei Cavalieri Italiani del Sovrano Militare Ordine di Malta.
  • Nobiscum Deus (Dio è con noi) per il tardo impero romano e quello bizantino.
  • Non-Lèi! per i cavalieri occitani che avevano partecipato alla difesa dei catari durante la Crociata contro gli albigesi (1209-1244).
  • Olicrosse! e Godamite! (Holy Cross e God Almighty) per la guardia sassone nella battaglia di Hastings.
  • Parvati Pateyah Har Har Mahadev (Vittoria al dio supremo (Siva), signore dei Parvati in sanscrito) per gli Indiani del Medio Evo in combattimento contro invasori stranieri e per gli Hindu Marathas nelle guerre contro i Moghuls musulmani.
  • Portugal e São Jorge! (Portogallo e San Giorgio) per gli eserciti portoghesi dopo il XIV secolo; in precedenza i Portoghesi usavano il motto spagnolo Santiago!.
  • Prény! Prény! per gli eserciti del duca di Lorena.
  • Remember Fort Alamo! per i ribelli texani in ricordo dell'omonima battaglia.
  • Saint George! per gli eserciti medievali del re d'Inghilterra Fair Saint George! (Bel San Giorgio!) nel XV secolo.
  • Santiago! e Santiago i cyerra, España! per i cristiani spagnoli durante la Reconquista.
  • Santiago! Castilla! per gli eserciti del re di Castiglia nel basso Medio Evo.
  • Scala! Scala! per le truppe dei signori di Verona, i della Scala.
  • Savoia! o Avanti Savoia, per le truppe del Regno di Sardegna (fino al 1860) e del Regno d'Italia (fino al 1946).
  • Semper fi! (Semper Fidelis = Sempre fedele) e Oorah! per i marines degli Stati Uniti d'America.
  • Sha! Sha! Sha! (Uccidi! Uccidi! Uccidi!) per i ribelli nella Ribellione dei Boxer (1900-1901) e per i soldati e gli appartenenti alla resistenza cinese durante la Seconda guerra cino-giapponese (1937-1945) e la Seconda guerra mondiale.
  • Sieg Heil! (Viva la vittoria!) per i nazisti.
  • ¡Tierra y Libertad! (Terra e libertà!) per i rivoluzionari messicani di Emiliano Zapata.
  • Tora, tora, tora! letteralmente Tigre, tigre, tigre! per i piloti e i kamikaze giapponesi durante la Seconda guerra mondiale.
  • Tohu! per i giocatori di rugby maori.
  • Ut! Ut! Ut! (Out! Out! Out!) per le truppe di Aroldo II nella battaglia di Hastings.
  • Viva San Marco! per l'esercito della Repubblica di Venezia.
araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica