Sovrani di Napoli e Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoci principali: Regno di Napoli, Regno di Sicilia.

Il seguente è un elenco cronologico dei monarchi dei regni di Napoli e Sicilia, nonché del Regno delle Due Sicilie dalla conquista normanna all'unità d'Italia:

Indice

Periodo normanno[modifica | modifica sorgente]

Il primo insediamento normanno nel Mezzogiorno d'Italia, nel 1027, si deve a Rainulfo Drengot, investito dal Duca di Napoli Sergio IV del titolo di conte di Aversa in compenso dell'aiuto ricevuto nel conflitto con i Longobardi del Principato di Capua. Nel giro di pochi anni si ebbe il rapido fiorire di signorie normanne:

Italia meridionale nel 1112.

Conti di Puglia e Calabria della dinastia Altavilla, 1043-1059[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Blason sicile famille Hauteville.svg
Guglielmo Braccio di Ferro prima del 1010 1046 1043
al
1046
Vassallo di Guaimario IV di Salerno, figlio di Tancredi d'Altavilla, capostipite del casato
Blason sicile famille Hauteville.svg
Drogone 1010 10 agosto 1051 1046
al
10 agosto 1051
Fratello
Blason sicile famille Hauteville.svg
Umfredo circa 1010 1057 10 agosto 1051
al
1057
Fratello
Robertoilguiscardo.jpg
Roberto il Guiscardo 1025 17 luglio 1085 1057
al
1059
Fratellastro

Duchi di Puglia e Calabria della dinastia Altavilla (1059-1130)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1059 Roberto il Guiscardo fu investito da papa Niccolò II del titolo di Duca di Puglia, Calabria e Sicilia, quest'ultima ancora sotto il dominio arabo.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Robertoilguiscardo.jpg
Roberto il Guiscardo 1025 17 luglio 1085 1059
al
17 luglio 1085
Blason sicile famille Hauteville.svg
Ruggero Borsa 1060 22 febbraio 1111 17 luglio 1085
al
22 febbraio 1111
Figlio
Blason sicile famille Hauteville.svg
Guglielmo II di Puglia 1095 28 luglio 1127 22 febbraio 1111
al
28 luglio 1127
Figlio

Conti di Sicilia della dinastia Altavilla (1071-1130)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1070 si completa anche la conquista normanna della Sicilia e a Ruggero, fratello del Guiscardo, viene riconosciuto il titolo di Conte di Sicilia.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Roger I of Sicily.jpg
Ruggero I 1031 22 giugno 1101 1071
al
22 giugno 1101
Blason sicile famille Hauteville.svg
Simone di Sicilia 1093 28 settembre 1105 22 giugno 1101
al
28 settembre 1105
Figlio
Martorana RogerII.jpg
Ruggero II
Divenne Re di Sicilia nel 1130
22 dicembre 1095 26 febbraio 1154 28 settembre 1105
al
27 settembre 1130
Fratello minore

Re di Sicilia Insulare e Peninsulare (1130-1282)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1127, morto Guglielmo senza lasciare figli, il ducato viene annesso alla Contea di Sicilia, retta da Ruggero II. Il 27 settembre 1130 Ruggero II fu nominato Re di Sicilia dall'Antipapa Anacleto II, tale nomina fu poi confermata da Papa Innocenzo II nel 1139. Ruggero riuscirà poi a completare la conquista di tutto il meridione d'Italia, segnando la nascita di uno stato centralizzato.

Regno di Sicilia nel 1154.

Normanni, Altavilla (1130-1198)[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Martorana RogerII.jpg Ruggero II
Già Conte di Sicilia dal 1105
22 dicembre 1095 26 febbraio 1154 27 settembre 1130
al
26 febbraio 1154
Fratello minore di Simone di Sicilia
William I of Sicily.jpg
Guglielmo I 1131 7 maggio 1166 26 febbraio 1154
al
7 maggio 1166
Figlio
Monreale photo ru Sibeaster02.jpg
Guglielmo II 1155 18 novembre 1189 7 maggio 1166
al
18 novembre 1189
Figlio
Tancred von Lecce.jpg
Tancredi 1138 20 febbraio 1194 18 novembre 1189
al
20 febbraio 1194
Cugino
Figlio naturale di Ruggero, a sua volta figlio maggiore di Ruggero II
Blason sicile famille Hauteville.svg
Ruggero III
Regnò insieme al padre Tancredi ma morì prima di questi e prima di essere incoronato
1175 24 dicembre 1193 1193
al
24 dicembre 1193
Figlio
William III of Sicily.jpg
Guglielmo III 1185 1198 febbraio 1194
al
dicembre 1194
Fratello
Figlio di Tancredi
Constance-Sicily.jpg
Costanza I 2 novembre 1154 27 novembre 1198 25 dicembre 1194
al
27 novembre 1198
Prozia
Figlia postuma di Ruggero II

Svevi, Hohenstaufen (1194-1266)[modifica | modifica sorgente]

Costanza, figlia postuma di Ruggero II Rex Siciliae et Italiae, sposò il figlio di Federico Barbarossa Enrico di Svevia, re di Germania ed imperatore del Sacro Romano Impero, che carpì la successione al Regno di Sicilia spodestando il legittimo Re Guglielmo III, figlio di Tancredi; rimasta vedova, Costanza regnò in nome del figlio Federico II di Svevia, poi re di Sicilia con il nome di Federico I, di Gerusalemme e Sacro Romano Imperatore.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Codex Manesse Heinrich VI. (HRR).jpg
Enrico novembre 1165 28 settembre 1197 25 dicembre 1194
al
28 settembre 1197
Marito
Frederick II and eagle.jpg
Federico II 26 dicembre 1194 13 dicembre 1250 28 settembre 1197
al
13 dicembre 1250
Figlio
Conrad IV of Germany.jpg
Corrado 25 aprile 1228 21 maggio 1254 13 dicembre 1250
al
21 maggio 1254
Figlio
Konradin.jpg
Corradino di Svevia 25 marzo 1252 29 ottobre 1268 21 maggio 1254
al
11 agosto 1258
Figlio
Manfred Crowned.jpg
Manfredi 1232 26 febbraio 1266 11 agosto 1258
al
26 febbraio 1266
Zio
Figlio naturale di Federico II e di Bianca Lancia

Francesi, Angioini (1266-1282)[modifica | modifica sorgente]

I Sovrani svevi, Federico II e Manfredi in particolare, battono strade di espansione e affrancamento dalla tutela pontificia che li porteranno a collidere con il Papato le cui armi (investitura dei Sovrani e scomuniche) risultano fatali per la Dinastia sveva che chiude tragicamente il proprio ciclo con la decapitazione di Corradino nella Piazza del Mercato a Napoli (1268).

Su invito del Pontefice Clemente IV, scende in Italia (1265) Carlo d'Angiò, fratello del re di Francia Luigi IX, investito con Bolla papale del titolo di Re d'ambedue le Sicilie, prima traccia documentale di una serie, a volte intricata, di appellativi del Regno.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Palazzo Reale di Napoli - Carlo I d'Angiò.jpg
Carlo I 21 marzo 1226 7 gennaio 1285 6 gennaio 1266
al
26 settembre 1282
Nessuna

Separazione dei regni (1282-1442)[modifica | modifica sorgente]

Carlo I d'Angiò perde la Sicilia a causa della rivolta dei Vespri Siciliani (1282), in seguito alla quale la corona dell'isola viene offerta a Pietro III d'Aragona (Primo di Sicilia).

Il Regno di Sicilia si ritrova diviso in due parti: l'isola siciliana, in mano agli aragonesi, e la parte continentale, tenuta dagli angioini, entrambe rivendicanti il titolo di Regno di Sicilia. La situazione troverà una sua ufficializzazione (seppur provvisoria) solo con la pace di Caltabellotta del 1302.

Da questo momento, tuttavia, i re angioini di Napoli si diranno Re di Sicilia citra e, del pari Re di Sicilia si diranno i sovrani aragonesi. Di fatto, nasce, accanto al Regno di Sicilia, un nuovo regno, che in seguito verrà detto Regno di Napoli, esteso su tutta la parte continentale del meridione d'Italia.

Re di Napoli della dinastia Angiò, 1266-1442[modifica | modifica sorgente]

Primo ramo d'Angiò[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Palazzo Reale di Napoli - Carlo I d'Angiò.jpg
Carlo I 21 marzo 1226 7 gennaio 1285 26 settembre 1282
al
7 gennaio 1285
Charles II of Naples.jpg
Carlo II 1254 8 maggio 1309 7 gennaio 1285
al
8 maggio 1309
Figlio
Robert of Naples (head).jpg
Roberto I 1277 16 gennaio 1343 8 maggio 1309
al
16 gennaio 1343
Figlio
Jeanne Ière de Naples, dite la Reine Jeanne, comtesse de Provence.jpg
Giovanna I 1327 12 maggio 1382 16 gennaio 1343
al
12 maggio 1382
Nipote
Figlia di Carlo, primogenito di Roberto I

Ramo d'Angiò-Durazzo[modifica | modifica sorgente]

Carlo III fu riconosciuto come erede da Giovanna I che non aveva figli vivi. Tuttavia Carlo riuscì a detronizzare ed imprigionare la cugina, sedendo così sul trono di Napoli.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Charles III of Naples (head).jpg
Carlo III
Già Re d'Ungheria
1345 24 febbraio 1386 12 maggio 1382
al
24 febbraio 1386
Cugino di Giovanna I
Ladislas of Naples (head).jpg
Ladislao I 14 luglio 1376
o
11 febbraio 1377
6 agosto 1414 24 febbraio 1386
al
6 agosto 1414
Figlio
Joan II of Naples.jpg
Giovanna II 25 giugno 1373 2 febbraio 1435 6 agosto 1414
al
2 febbraio 1435
Sorella

Angiò-Valois (Opposizione agli Angiò-Durazzo)[modifica | modifica sorgente]

La sovranità degli Angiò-Durazzo fu contestata dai membri del ramo Angiò-Valois. All'origine delle controversie il fatto che Giovanna I (detronizzata, imprigionata e uccisa dal cugino Carlo III che conquistò il trono) adottò Luigi I; questi e i suoi discendenti condussero poi diverse spedizioni militari nel Regno reclamando più volte la corona. Le ostilità terminarono quando Giovanna II riconobbe Luigi III come Duca di Calabria ed erede al trono. Luigi III morì prima di Giovanna II, pertanto alla morte della sovrana la corona passò al fratello di Luigi III ovvero Renato d'Angiò.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Loísd'Anjau.jpg
Luigi I 23 luglio 1339 20 settembre 1384 12 maggio 1382
al
20 settembre 1384
Luigi II d'Angiò.jpg
Luigi II 1377 29 aprile 1417 20 settembre 1384
al
29 aprile 1417
Figlio
Blason duche fr Anjou (moderne).png
Luigi III 1403 12 novembre 1434 29 aprile 1417
al
1426
Figlio

Secondo ramo d'Angiò[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Rene Saumur.jpg
Renato I 16 gennaio 1409 10 luglio 1480 1435
al
2 giugno 1442

Re di Sicilia di origini aragonesi[modifica | modifica sorgente]

Rex Trinacriae, Casato di Barcellona (1282-1410)[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Pedro III de Aragón.jpg
Pietro I e Costanza II 1239 11 novembre 1285 26 settembre 1282
al
11 novembre 1285
Nessuna
Genero di Manfredi, in quanto marito della figlia Costanza, con cui regnò congiuntamente
Chaime II d'Aragón.jpg
Giacomo I 10 agosto 1267 2 novembre 1327 11 novembre 1285
al
11 dicembre 1295
Figlio
Federico III.jpg
Federico II (III) 13 dicembre 1272 25 giugno 1337 11 dicembre 1295
al
25 giugno 1337
Fratello
Aragon-Sicily Arms.svg
Pietro II luglio 1305 15 agosto 1342 25 giugno 1337
al
15 agosto 1342
Figlio
Aragon-Sicily Arms.svg
Ludovico 1337 16 ottobre 1355 15 agosto 1342
al
16 ottobre 1355
Figlio
Aragon-Sicily Arms.svg
Federico III (IV) 1º settembre 1341 27 luglio 1377 16 ottobre 1355
al
27 luglio 1377
Figlio
Mary of Sicily.jpg
Maria 2 luglio 1363 25 maggio 1401 27 luglio 1377
al
25 maggio 1401
Figlia
Regnò congiuntamente al marito Martino I
Martin1Sicilsky.jpg
Martino I 1374 25 luglio 1409 1391
al
25 luglio 1409
Marito
Regnò congiuntamente alla moglie Maria
Martín I de Aragón.jpg
Martino II
Già Re di Aragona
29 luglio 1356 31 maggio 1410 25 luglio 1409
al
31 maggio 1410
Padre

Re d'Aragona, Trastamara (1412-1442)[modifica | modifica sorgente]

Alla morte di Martino II si aprì un periodo di interregno di due anni, caratterizzato da torbidi. In questo periodo la reggenza dell'isola fu formalmente affidata fino al 1416 a Bianca di Navarra, vedova di Martino I, designata vicaria del re d'Aragona in Sicilia.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Ferrando I d'Aragón.jpg
Ferdinando I
Il giusto
27 novembre 1380 2 aprile 1416 28 giugno 1412
al
2 aprile 1416
Nipote di Martino II di Sicilia
Alfonso-V-el-Magnanimo.jpg
Alfonso I
Il magnanimo
Diventerà anche Re di Napoli
1396 27 giugno 1458 2 aprile 1416
al
2 giugno 1442
Figlio

Re di Napoli e di Sicilia, Trastamara di origine aragonese (1442-1458)[modifica | modifica sorgente]

Alfonso I venne adottato da Giovanna II, fornendogli la base giuridica per rivendicare il Meridione continentale ai danni di Renato I, forte di questa interpretazione Alfonso conquisterà militarmente il Regno di Napoli assumendo il titolo di Rex Utriusque Siciliae e unificando anche formalmente i due regni.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Alfonso-V-el-Magnanimo.jpg
Alfonso I
il Magnanimo
Già Re di Sicilia dal 1416
1396 27 giugno 1458 2 giugno 1442
al
27 giugno 1458
Figlio di Ferdinando I.

Separazione dei regni (1458 - 1504)[modifica | modifica sorgente]

Alfonso I alla sua morte lascia Napoli al suo figlio naturale mentre la corona di Aragona e la Sicilia vanno al fratello.

Re di Napoli (1458-1504)[modifica | modifica sorgente]

Aragonesi, Trastamara (1458-1504)[modifica | modifica sorgente]
Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Ferrante I of Naples.jpg
Ferdinando I
Ferrante
2 giugno 1423 25 gennaio 1494 27 giugno 1458
al
25 gennaio 1494
Figlio naturale
Alfonso II di Napoli.jpg
Alfonso II 4 novembre 1448 18 dicembre 1495 25 gennaio 1494
al
18 dicembre 1495
Figlio
Invasione francese, Valois (1495)[modifica | modifica sorgente]

A seguito della sua discesa in Italia, il re di Francia Carlo VIII rivendicò la corona di Napoli e, a fine febbraio 1495, venne incoronato re approfittando del fatto che il legittimo sovrano, Fernando II detto Ferrandino, aveva lasciato la capitale per organizzare una controffensiva. In cinque mesi però, la situazione precipitò e Carlo VIII dovette abbandonare Napoli e la sua corona.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Charles VIII Ecole Francaise 16th century Musee de Conde Chantilly.jpg
Carlo VIII
30 giugno 1470 7 aprile 1498 22 febbraio 1495
al
7 luglio 1495
Nessuna
Aragonesi, Trastamara[modifica | modifica sorgente]
Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Ferrandino Naples.jpg
Ferdinando II
Ferrandino
26 agosto 1469 7 settembre 1496 18 dicembre 1495
al
7 settembre 1496
Figlio
Frederick IV of Naples.jpg
Federico I 19 aprile 1452 9 novembre 1504 7 settembre 1496
al
1º agosto 1501
Figlio di Ferdinando I
Dominio francese, Valois-Orléans (1501-1504)[modifica | modifica sorgente]

Il Regno di Napoli fu conquistato dalla Francia, il Re Federico I fu catturato e imprigionato in Francia, ove morì.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Louis-xii-roi-de-france.jpg
Luigi XII 27 giugno 1462 1º gennaio 1515 1º agosto 1501
al
31 marzo 1504
Nessuna

Re di Sicilia, (1458-1504)[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Chuan II d'Aragón.jpg
Giovanni I
Il giusto
29 giugno 1397 20 gennaio 1479 27 giugno 1458
al
20 gennaio 1479
Fratello di Alfonso I
Figlio di Ferdinando I
FerdinandCatholic.jpg
Ferdinando II
Il cattolico
Divenne anche Re di Napoli come Ferdinando III dal 1504
10 marzo 1452 23 gennaio 1516 20 gennaio 1479
al
31 marzo 1504
Figlio

Re di Napoli e di Sicilia (1504-1516)[modifica | modifica sorgente]

Al termine della guerra con il Regno di Francia Ferdinando II riesce ad annettere anche il Regno di Napoli ai suoi domini.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
FerdinandCatholic.jpg
Ferdinando III di Napoli e II di Sicilia
Il cattolico
Già Re di Sicilia dal 1479
10 marzo 1452 23 gennaio 1516 31 marzo 1504
al
23 gennaio 1516
Figlio di Giovanni I
Johanna I van Castilië.JPG
Giovanna III di Napoli e I di Sicilia
(regnò solo nominalmente, senza mai detenere un effettivo potere)
6 novembre 1479 12 aprile 1555 23 gennaio 1516
al
12 aprile 1555
Figlia di Ferdinando II di Aragona

Periodo Vicereale (1516-1734)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Elenco dei viceré di Napoli e Elenco dei viceré di Sicilia.

In questo periodo i regni di Napoli e Sicilia sono tenuti da re stranieri (Spagna prima, e poi per brevi periodi, Austria, nonché, per la sola Sicilia, Savoia) mentre sono amministrati sul territorio da distinti viceré. La numerazione dei monarchi fa quindi riferimento a questi regni e non a quella specifica di Napoli e Sicilia.

Tale distinzione con i periodi precedenti vuole comunque essere essenzialmente "schematica", in quanto già in precedenza era capitato di vedere i regni di Napoli e Sicilia, almeno temporaneamente e in diversi contesti, formalmente uniti al Regno d'Aragona e governati in loco da un viceré.

Primo dominio spagnolo, Asburgo di Spagna (1516-1700)[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Emperor charles v.png
Carlo I di Spagna
Carlo IV di Napoli, Carlo II di Sicilia e Carlo V d'Asburgo
24 febbraio 1500 21 settembre 1558 14 marzo 1516
al
16 gennaio 1556
Nipote
Portrait of Philip II of Spain by Sofonisba Anguissola - 002b.jpg
Filippo II di Spagna
Filippo I di Napoli e Sicilia
21 maggio 1527 13 settembre 1598 16 gennaio 1556
al
13 settembre 1598
Figlio
Andres López 001.jpg
Filippo III di Spagna
Filippo II di Napoli e Sicilia
14 aprile 1578 31 marzo 1621 13 settembre 1598
al
31 marzo 1621
Figlio
Philip IV of Spain.jpg
Filippo IV di Spagna
Filippo III di Napoli e Sicilia
8 aprile 1605 17 settembre 1665 31 marzo 1621
al
17 settembre 1665
Figlio
Juan de Miranda Carreno 002.jpg
Carlo II di Spagna
Carlo V d Napoli e Carlo III di Sicilia
6 novembre 1661 1º novembre 1700 17 settembre 1665
al
1º novembre 1700
Figlio

Secondo dominio spagnolo, Borbone di Spagna (1700-1713)[modifica | modifica sorgente]

Carlo II morì senza eredi e la corona passò alla dinastia dei Borbone. Nel suo testamento Carlo II scelse come successore il figlio secondogenito di Luigi di Francia, a sua volta figlio di Luigi XIV e di Maria Teresa d'Asburgo (sorella di Carlo II), inaugurando così il ramo dei Borbone di Spagna.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Felipe V.jpg
Filippo V di Spagna
Filippo IV di Napoli e Sicilia
19 dicembre 1683 9 luglio 1746 16 novembre 1700
all'
11 aprile 1713
Nipote

Filippo V di Spagna perdette il regno ad opera degli Asburgo d'Austria nella guerra di successione spagnola, di fatto nel 1707, formalmente nel 1713 con la pace di Utrecht. Le clausole di questo trattato prevedevano la cessione di Napoli all'Austria e della sola Sicilia ai Savoia.

Dominio austriaco, Asburgo d'Austria (1713-1734)[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Emperor Charles VI.jpg
Carlo VI d'Asburgo
Carlo VI d Napoli e Carlo IV di Sicilia
Già sovrano di Napoli dal 1707
1º ottobre 1685 20 ottobre 1740 11 febbraio 1713
al
2 giugno 1734
Nessuna

Savoia (1713-1720) Dominio circoscritto alla sola Sicilia[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Vittorio amedeoII.jpg
Vittorio Amedeo II di Savoia
Divenne Re di Sardegna nel 1720
14 maggio 1666 31 ottobre 1732 11 aprile 1713
al
20 febbraio 1720
Nessuna

Con il Trattato dell'Aia del 1720 Vittorio Amedeo II di Savoia cedette la corona di Sicilia all'Austria ottenendo in cambio la corona di Sardegna.

Re di Napoli e Sicilia, Borbone di Napoli (1734-1806)[modifica | modifica sorgente]

Il regno fu conquistato dalle armate spagnole nel 1734, durante la Guerra di successione polacca. Il Regno di Napoli e Il Regno di Sicilia vennero riconosciuti come indipendenti e assegnati ad un ramo cadetto dei Borbone di Spagna con il Trattato di Vienna del 1738, dando inizio al ramo dei Borbone di Napoli (poi Borbone delle Due Sicilie).

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Retrato de Carlos III de España.jpg
Carlo VII (V di Sicilia)
Divenne Re di Spagna come Carlo III
20 gennaio 1716 14 dicembre 1788 15 maggio 1734 (Napoli)
3 luglio 1735 (Sicilia)
al
10 agosto 1759
Figlio di Filippo V di Spagna
Angelika Kauffmann Portrait Ferdinand IV VLM.jpg
Ferdinando IV di Napoli (III di Sicilia)
Continuò a regnare in Sicilia fino al 1815, quando fu restaurato anche a Napoli
12 gennaio 1751 4 gennaio 1825 6 ottobre 1759
al
30 marzo 1806
Figlio

Dominio del Primo Impero Francese, (1806-1815)[modifica | modifica sorgente]

Tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo i sovrani di Napoli furono attivi nelle varie coalizioni antifrancesi ed ebbero diversi scontri politici e soprattutto militari con i transalpini. Dopo la vittoria di Austerlitz del 2 dicembre 1805, Napoleone Bonaparte promosse l'occupazione definitiva del napoletano, condotta con successo da Gouvion-Saint Cyr e da Reynier, e dichiarò quindi decaduta la dinastia borbonica nominando nuovo Re di Napoli il fratello Giuseppe. Da segnalare che in questo periodo il re Ferdinando continuò a regnare de facto sulla Sicilia e perse solo il regno napoletano. Nella fase di passaggio dal regno di Ferdinando IV a quello del Bonaparte, fu reggente delle Due Sicilie il marchese Michelangelo Cianciulli.

Transizione[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Image of none.svg
marchese
Michelangelo Cianciulli
Reggente delle Due Sicilie
1º agosto 1734 16 maggio 1819 gennaio 1806
al
marzo 1806
Nessuna

Re di Napoli, Bonaparte (1806-1808)[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Kinsoen - Portrait en buste de Joseph Bonaparte.jpg
Giuseppe
Re di Napoli, divenne in seguito Re di Spagna
7 gennaio 1768 28 luglio 1844 30 marzo 1806
al
8 luglio 1808
Nessuna

Consiglio di Reggenza[modifica | modifica sorgente]

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Image of none.svg
marchese
Michelangelo Cianciulli
Antoine Christophe Saliceti
Principe Pignatelli di Cerchiara
luglio 1806
al
agosto 1806
Nessuna

Re delle Due Sicilie, Murat (1808-1815)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1808 l'imperatore Napoleone preferì affidare al fratello Giuseppe il trono di Spagna, a succedergli scelse il marito di sua sorella Carolina, il Maresciallo di Francia e compagno d'armi di lungo corso Gioacchino Murat. Napoleone attribuì al cognato il titolo puramente formale di Re delle Due Sicilie per reclamare anche la sovranità sull'isola di Sicilia; nei fatti il dominio di Murat era limitato alla parte continentale del meridione d'Italia e non arrivò mai a comprendere l'isola, che rimase sotto l'autorità di Ferdinando IV di Napoli.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
Murat2.jpg
Gioacchino
Col titolo nominale di Re delle Due Sicilie
25 marzo 1767 13 ottobre 1815 1º agosto 1808
al
3 maggio 1815
Cognato

Re del Regno delle Due Sicilie, Borbone delle Due Sicilie (1816-1861)[modifica | modifica sorgente]

Dopo la caduta di Napoleone si ebbe il periodo detto Restaurazione in cui molte famiglie detronizzate dagli effetti della rivoluzione francese e delle guerre napoleoniche tornarono sul trono, tra queste anche ai Borbone di Napoli fu concesso di tornare a regnare sul neonato Regno delle Due Sicilie, derivante dalla fusione dei due stati precedenti. Per sancire l'unione definitiva dei due regni il re Ferdinando IV di Napoli (e III di Sicilia) scelse di farsi chiamare Ferdinando I delle Due Sicilie. Anche il nome della casata reale venne emendato per riflettere il cambiamento.

Immagine Nome Nascita Morte Regno Relazione con il predecessore
FerdinandITwoSicilies.jpg
Ferdinando I
Già Re tra il 1759 e il 1806, fu detronizzato di Napoli e poi restaurato, non smise mai di regnare sulla Sicilia
12 gennaio 1751 4 gennaio 1825 12 dicembre 1816
al
4 gennaio 1825
Nessuna
Francis1januarius.jpg
Francesco I 14 agosto 1777 8 novembre 1830 4 gennaio 1825
al
8 novembre 1830
Figlio
FerdinandoII.jpg
Ferdinando II 12 gennaio 1810 22 maggio 1859 8 novembre 1830
al
22 maggio 1859
Figlio
FrancescoII.jpg
Francesco II
Perse la corona in seguito alla Spedizione dei Mille
16 gennaio 1836 27 dicembre 1894 22 maggio 1859
al
13 febbraio 1861
Figlio

In seguito al Risorgimento il Regno delle Due Sicilie venne annesso al neonato Regno d'Italia e cessò di esistere.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Linea di successione al trono delle Due Sicilie.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


|}|}