Elegia scritta in un cimitero campestre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prima pagina dell'edizione illustrata dell'Elegia illustrata di Dodsley, con immagini di Richard Bentley
(EN)
« The boast of heraldry, the pomp of power, // And all the beauty, all that wealth e'er gave, // Awaits alike the inevitable hour. // The paths of glory lead not but to the grave. »
(IT)
« Il vanto di un nome illustre, lo sforzo del potere // e tutta la bellezza, tutta la ricchezza che mai sia stata data, // attende allo stesso modo l'ora inevitabile. // I sentieri della gloria non portano che alla tomba. »
(Thomas Gray, Elegia scritta in un cimitero campestre, versi 33-36, trad. propria)


L'Elegia scritta in un cimitero campestre è un'opera di Thomas Gray, completata nel 1750 e pubblicata per la prima volta nel 1751. L'origine del poema è sconosciuta, ma è molto probabile che sia stata ispirata dalla morte del poeta Richard West, avvenuta nel 1742. Gray completò la redazione dell'Elegia nel periodo in cui viveva vicino al cimitero di Stoke Poges. Una copia fu inviata al suo amico Horace Walpole, che la fece circolare nei circoli letterari di Londra. Gray fu costretto a mandare in stampa l'elegia il 15 febbraio 1751, per prevenire l'imminente uscita di una copia senza licenza della sua opera.

Il poema ha il nome dell'elegia, ma non la forma: piuttosto riprende lo stile delle odi, consueto all'epoca, ma contiene una riflessione sulla morte e sul ricordo della persona dipartita.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura