Electro (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Electro
Electro, disegnato da Gregg Schigiel
Electro, disegnato da Gregg Schigiel
Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego Maxwell Dillon
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. febbraio 1964
1ª app. in Amazing Spider-Man n. 9
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 20 agosto 1970
app. it. in L'Uomo Ragno n. 9 – I serie
Sesso Maschio
Abilità
Parenti

Electro, il cui vero nome è Maxwell "Max" Dillon, è un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee e Steve Ditko, pubblicato dalla Marvel Comics. È apparso la prima volta nel numero 9 di The Amazing Spider-Man nel febbraio del 1964.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Maxwell Dillon faceva parte di una compagnia elettrica ed era un operaio piuttosto esperto anche se avido e insensibile. Un giorno, mentre salvava un suo collega da dei cavi elettrici (ma solo dopo essersi fatto pagare) venne colpito da un fulmine e per la paura si aggrappò ai cavi: così facendo queste due cariche si respinsero a vicenda, lasciando indenne Max, e gli conferirono i poteri di emettere e generare energia elettrica. Con l'identità segreta di Electro decise di prendere i soldi del Daily Bugle dalla cassaforte in cui erano custoditi da J. Jonah Jameson. Jameson arrabbiato a morte accusò l'Uomo Ragno di essere Electro (visto che Dillon si arrampicava sui muri come lui) ed essersi travestito con un altro costume per farla franca. L'Uomo Ragno dovette affrontare Electro per scagionarsi dalle accuse ma venne quasi ucciso e si salvò solo usando una pompa dei pompieri causando uno shock a Max. Umiliato per questa sconfitta si unì ad altri criminali per formare i Sinistri sei e per distruggere l'arrampicamuri, ma tutti fallirono. Una volta Electro assorbì tutta l'energia elettrica di New York per guadagnarsi un po' di rispetto, ma il ragno lo convinse ad arrendersi preoccupato che quello sforzo potesse ucciderlo. Quando Kaine inizio ad uccidere tutti i nemici del tessiragnatele preoccupato si unì ai Sinistri Sette di Mysterio, nella speranza che il gruppo potesse proteggerlo. Il gruppo si sciolse e si riformò ancora guidato da Mysterio per distruggere un senatore criminale che aveva sfruttato assieme al Dottor Octopus il gruppo e l'Uomo Ragno, in questa occasione Electro indossò un costume blu e bianco che aumentava i suoi poteri. Quando May Parker venne rapita da Norman Osborn, il Gufo fece credere al ragno che Electro e l'Avvoltoio erano i rapitori. I due vennero trovati dall'eroe in un bordello e, una volta scoperto, Electro ingaggiò una lotta che mandò l'Uomo Ragno all'ospedale.

Più tardi fu chiamato da Goblin assieme ad altri criminali per eliminare l'Uomo Ragno dopo che il supereroe aveva fatto evadere Osborn, nella speranza che liberasse sua zia May.

Mesi dopo Electro fu ingaggiato da un misterioso e anonimo criminale per far evadere, tramite cortocircuito, i criminali detenuti al Raft: per fermare la rivolta, vennero formati i Nuovi Vendicatori. Riconosciuto dall'Uomo Ragno e rintracciato da Iron Man, gli eroi scoprirono che Dillon aveva intascato una grossa somma e che voleva utilizzarla per rifarsi una nuova vita con la sua fidanzata, che lavorava come cameriera. I suoi poteri vennero neutralizzati da Iron Man e, una volta inerme, minacciato da Luke Cage, per lo spavento ebbe un mancamento, e cadde in terra privo di sensi.

Civil War[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Civil War (fumetto).

Durante Civil War attacca l'Uomo Ragno in un museo e si unisce ad altri criminali ma viene puntualmente sconfitto.

Secret Invasion[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Secret Invasion.

Durante Secret Invasion si è scoperto che a ingaggiare Electro per la maxievasione del Raft non fu altro che lo Skrull - Elektra, a capo della Mano.

La sfida[modifica | modifica sorgente]

Electro è il primo nemico dell'Uomo Ragno a tornare durante la serie La sfida. Si scopre che Dillon ha dei seri problemi con i suoi poteri, quindi si rivolge al Pensatore Pazzo, dal quale viene potenziato. Il nuovo Electro può trasformarsi in un raggio di energia elettrica e passare attraverso le prese di corrente e ogni oggetto elettrico. Electro crea un movimento popolare (Potere al popolo), con lo scopo di far rivoltare il popolo contro i potenti, tra i quali inserisce anche Dexter Bennet (attuale proprietario e direttore del Daily Bugle). Proprio negli uffici del DB Peter affronta Dillon, che fa crollare il palazzo. Electro viene arrestato e Bennet tratto in salvo dall'Uomo Ragno, mentre J. Jonah Jameson osserva impotente le macerie del suo palazzo. Nell'epilogo di Potere al popolo Dillon incontra il Camaleonte e la moglie di Kraven, che gli propongono di unirsi a loro e ad altri criminali per farla pagare al Ragno.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

Electro può emettere e generare energia elettrica da mandare contro i nemici, può ionizzare i metalli e, grazie al suo campo elettrico, scagliare ogni cosa contro i suoi avversari. Può anche sollevarsi da terra cavalcando i campi elettrici.

Nella saga La sfida Electro, dopo essersi affidato alle mani del Pensatore, che si è proposto di curare Max dal suo potere ormai degenerato, diventa ancora più potente, ottenendo la capacità di infiltrarsi in ogni oggetto elettrico e diventare lui stesso pura energia elettrica.

Per poter sconfiggere Thor (che l'ha sconfitto e umiliato in Fino alla fine del mondo) Electro si è sottoposto a un esperimento del'A.I.M. che l'ha trasformato in una sua versione di antimateria capace di percepire l'elettricità e di lanciare fulmini così potenti da danneggiare il Dio del Tuono, tuttavia ha apparentemente perso queste abilità nella stessa storia in cui le ha ottenute, per mano di Superior-SpiderMan.

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ultimate Spider-Man.

In Ultimate Spider-Man è più potente che nella versione originale, oltre all'Uomo Ragno ha anche affrontato avversari molto forti (mettendoli anche in difficoltà), come Thor, Goblin e Venom. L'aspetto è molto differente dall'originale, non indossa un costume ma può trasformarsi diventando interamente composto da energia elettrica dal colore blu-azzurro inoltre può volare e assorbire energia cambiando la sua aura da gialla a azzurra. Ha debolezze simili alla sua versione classica e può entrare in coma se entra a contatto con grandi quantità d'acqua quando è trasformato. La prima volta che appare e combatte con Spiderman è al servizio di Kingpin. La sua ultima apparizione è nella saga Morte di un Goblin.Riappare quando Norman evaso dal carcere dello S.H.I.E.L.D lo libera insieme agli altri Sinistri Sei deciso più che mai a uccidere Peter con il gruppo raggiunta la casa di Parker affronta in un breve scontro Jhonny e Bobby riuscendo a sconfiggerli affrontando inseguito Peter che reputa di essere lui il secondo avversario più forte dopo Norman Peter credendo che sia giunta la fine gli dice che lui è stato il suo più grande avversario Electro dopo averlo ringraziato in modo sarcastico si prepara a sferrargli il colpo di grazia ma viene fermato e ucciso da zia May che gli spara in pieno cuore la sua morte però rilascia l'energia elettrica da lui incanalata che si riversa sui Sei come una bomba che li uccide tutti in un colpo solo.Il suo cadavere viene inseguito gettato in una fossa venendo seppellito da un cumulo di terra.

Golden Age[modifica | modifica sorgente]

Electro è il nome di altri due personaggi, realizzati durante gli anni quaranta dai predecessori della Marvel.

Timely Comics[modifica | modifica sorgente]

Electro è il protagonista di alcune storie apparse su Marvel Mystery dal n. 4 al 19 (febbraio 1940-maggio 1941) scritte e disegnate da Steve Dahlman. Si tratta di un potente robot costruito dal ricco professor Philo Zog, che lo guida a distanza.[1] In anni più recenti è apparso nelle miniserie The Twelve del 2008, in Progetto Marvels del 2009 e nella storia Progetto: Superdemolitore! (Project: Blockbuster!) al fianco di Namor, Angelo e della Torcia Umana, realizzata per Marvel Mistery Comics 70th Anniversary Special, speciale commemorativo del settantesimo anniversario della Marvel.

Atlas Comics[modifica | modifica sorgente]

Durante gli anni cinquanta è stato realizzato un secondo personaggio di nome Electro, ideato graficamente da John Romita Sr. e apparso per la prima volta nel numero 78 (settembre 1954) di Capitan America. Si tratta di un russo che, dopo essere stato mutato in una creatura dotata di forza sovraumana e dell'abilità di lanciare scariche elettriche, viene inviato negli Stati Uniti per uccidere l'omonimo protagonista della serie: anni dopo, grazie ad una retcon, verrà stabilito che non si trattava di Steve Rogers, bensì di un impostore denominato "Capitan America IV". La seconda apparizione di Electro avviene nel 1994, all'interno del 13°annual dedicato a Capitan America: in un flashback viene temporaneamente resuscitato dal Teschio Rosso comunista Albert Malik e di nuovo sconfitto da Capitan America IV e da Bucky III. Electro è apparso anche nello speciale What If? n. 9 (giugno 1978), intitolato What If the Avengers had fought Evil During the 1950s?, dove combatte contro una ipotetica formazione dei Vendicatori formata da 3-D Man, Marvel Boy, Venus, Human Robot, Jimmy Woo e Gorilla-Man.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Animazione[modifica | modifica sorgente]

  • Nei cartoni animati del 1994, il nome del suo alter-ego non è Max Dillon, ma Rheinoldt Schmidt, è il figlio di Teschio Rosso ed è molto più potente rispetto alla sua versione cartacea.
  • Electro compare nella serie The Spectacular Spider-Man, dove non è in grado di controllare i suoi poteri e indossa una tuta isolante. È rimasto vittima di un incidente in una vasca con anguille elettriche di Curt Connors. Da allora attacca l'Uomo Ragno da solo o con i Sinistri Sei e ammira molto il Dottor Octopus.
  • Electro è presente anche nella serie animata Ultimate Spider-Man. Qui è un uomo che è diventato un tutt'uno con l'elettricità e può anche entrare all'interno di elettrodomestici come i televisori. Anche in questa serie entra a far parte del gruppo dei Sinistri Sei, che hanno un ruolo di primo piano.

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

  • Appare anche nel videogioco Ultimate Spider-Man, ed è il main villain del video gioco per PSX Spiderman - Enter Electro. sarà presente anche in Spider-Man il regno delle ombre prima come boss e poi come alleato, lo bisognerà sconfiggere perché seminerà il panico per le città perché hanno catturato sua sorella che è stata infettata dai simbionti

Cinema[modifica | modifica sorgente]

  • Electro è uno dei due villain principali del film The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro, dove, interpretato da Jamie Foxx, indossa un'armatura funzionale al contenimento dei suoi poteri, assimilabile alla fusione del costume classico e di quello Ultimate. Il suo aspetto è simile alla sua versione Ultimate, essendo composto interamente di energia elettrica e di colore blu. A differenza del fumetto, non può trasformarsi da umano a elettrico a suo piacimento, ma rimarrà perennemente nello stadio elettrico. Nel film Max lavora alla Oscorp e diventa Electro dopo essere stato fulminato dalla corrente che fluisce fuori da alcuni cavi ed essere caduto in una vasca di anguille elettriche che amplificano gli effetti dell'incidente. Inizialmente, usa i suoi poteri per essere al centro dell'attenzione della gente, per la prima volta dopo una vita passata nell'ombra senza nemmeno un amico e prova un'immensa ammirazione nei confronti di Spider-Man, poiché quest'ultimo gli aveva in precedenza salvato la vita, ma quando l'Arrampicamuri gli ruba la scena diviene furioso e si trasforma in un suo letale avversario, alleandosi in seguito con Green Goblin.
  • Direttamente dal sequel di The Amazing Spider-Man (2012), la versione cinematografica di Electro tornerà nell'annunciato spin-off sui Sinistri Sei (nei fumetti il personaggio è membro di tutte le formazioni della squadra), anticipati dalle scene finali del film.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Electro va facilmente in corto circuito se viene a contatto con l'acqua.
  • Da giovane sognava di diventare un pittore.
  • È stato l'unico a far parte di tutte le formazioni dei Sinistri Sei.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Guide To Marvel's Golden Age Characters profile for the Timely Comics character, Jess Nevins
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics