Eleazar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio di persona maschile, vedi Lazzaro.

Eleàzar, o Eleàzaro, è un personaggio biblico, terzo figlio di Aronne e sommo sacerdote del popolo ebraico. I suoi due fratelli maggiori, Nadab e Abiu morirono prima del loro padre, nel Deserto del Sinai, come punizione per aver offerto fuoco profano a Dio.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Aronne, padre di Eleazaro, giunto ormai alla fine dei suoi giorni, fu condotto da Mosè, insieme allo stesso Eleazaro, sul monte Cor. Qui, come aveva ordinato Dio, Mosè lo spogliò delle sue vesti e le fece indossare a Eleazaro che divenne così sommo sacerdote[1].

Prese in moglie una figlia di Putiel, la quale diede alla luce Fineas, conosciuto anche con il nome di Pincas[2].

Aveva l'incarico di sorvegliare l'olio per il candelabro, il profumo aromatico dell'offerta perenne e l'olio dell'unzione nonché di sorvegliare tutta la Dimora e il suo contenuto, il santuario e i suoi arredi[3].

Eleazaro sovrintendeva anche al sacrificio della giovenca rossa, che veniva condotta fuori del campo per essere immolata: prendeva quindi con un dito il suo sangue e ne effettuava per sette volte l'aspersione davanti alla tenda del convegno[4].

Mosè ed Eleazaro effettuarono il censimento di tutta la comunità degli Israeliti, dall'età di vent'anni in su, secondo i loro casati paterni, per sapere quanti di loro potevano andare in guerra[5].

Quando Giosuè, per ordine di Dio, fu posto a capo della comunità ebraica, quest'ultima uscì dall'ordine di Mosè per entrare in quello di Giosuè, in presenza di Eleazaro[6].

Nella guerra vinta contro i Madianiti, Eleazaro diede disposizioni riguardo alla purificazione del bottino conquistato, di cui una parte venne da lui presa in consegna per il rito di elevazione in onore di Dio[7].

Eleazaro fu anche uno dei sovrintendenti alla spartizione della Terra di Canaan insieme a Giosuè e ad altri capi tribù[8].

Fu sepolto a Gàbaa di Pincas, che era stata data a suo figlio Pincas, sulle montagne di Efraim[9].

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibbia Portale Bibbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bibbia