Elasticità incrociata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'elasticità incrociata misura la variazione percentuale della domanda (quantità venduta Q) di un prodotto y rispetto alla variazione percentuale del prezzo di un prodotto x:

e_{p_{xy}} = \frac {\Delta Q_y/Q_y}{\Delta p_x/p_x}

Nel caso di beni complementari l'indice di elasticità incrociata della domanda sarà  e_{p_{xy}} < 0 ; se invece ci troviamo di fronte a beni sostitutivi l'indice sarà  e_{p_{xy}} > 0 .

Come per l'elasticità della domanda rispetto al prezzo, si possono considerare variazioni finite e infinitesime (per usare le derivate), il prezzo in funzione della quantità (oppure Q = Q(P)), ed eventualmente il valore assoluto.

La particolarità è che prezzo P e quantità venduta Q sono riferite a due prodotti/servizi diversi.

Un'elasticità incrociata prossima allo zero indica due prodotti indipendenti e serve nelle classificazione merceologica a suddividere un settore in comparti industriali. I concorrenti diretti di una data azienda diventano quelle che operano nel suo stesso comparto industriale. La suddivisione è molto utile in regime di concorrenza monopolistica, mentre nel caso di monopolio non esistono concorrenti, e in caso di concorrenza perfetta il prodotto è omogeneo ed è sufficiente una divisione in settori.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]