Elasticità (economia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'elasticità in economia è definita come il rapporto tra le variazioni percentuali di due variabili. In termini formali, date due variabili y e x, l'elasticità di y rispetto ad x è data da:

\ \eta_{yx}=\frac{\%\Delta y}{\%\Delta x}=\frac{\Delta y}{\Delta x}\frac{x}{y}

dove:

\ \%\Delta x = \frac{x_1-x_0}{x_0} \times 100.

L'elasticità è dunque una misura della sensibilità di y rispetto a variazioni di x.

Poiché è un rapporto tra variazioni percentuali, l'elasticità è un numero puro.

Laddove possono essere definite variazioni infinitesimali di y e x, è possibile esprimere \ \eta_{yx} in termini della derivata di y rispetto a x:

\ \eta_{yx}=\frac{d y}{d x}\frac{x}{y}=\frac{d\ln y}{d\ln x}

Esempi di applicazione del concetto di elasticità sono:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia