El Tajín

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Città preispanica di El Tajín
(EN) El Tajin, Pre-Hispanic City
El Tajín 1.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1992
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

El Tajín è un sito archeologico precolombiano situato presso la città di Poza Rica, nello stato messicano di Veracruz. Fu il fulcro della cultura classica di Veracruz e una delle città più grandi della parte occidentale della mesoamerica nell'età classica. Tajín significa città del tuono in lingua Totonac, e si pensa che tale nome potesse riferirsi al dio del tuono, dei fulmini e della pioggia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione di El Tajín iniziò intorno al primo secolo e raggiunse il suo apice nella tarda età classica, dal 600 al 900. La Tajín dell'età classica mostra influenze portate dalla cultura di Teotihuacan, mentre le parti costruita nell'età post-classica mostra influenze tolteche. I lavori di costruzione continuarono fino all'inizio del XIII secolo, quando, secondo la tradizione, la città venne conquistata e bruciata dagli invasori Cicimechi. Il sito continuò ad essere popolato da un numero minore di abitanti ma non si ebbero cambiamenti sostanziali nella struttura complessiva. Il luogo era già stato abbandonato completamente quando i conquistadores giunsero nel sedicesimo secolo.

Durante il 1785 l'ingegner Diego Ruiz visitò il luogo, allora ricoperto di vegetazione, e pubblicò per la prima volta una descrizione delle rovine. Nel XIX secolo venne visitato da Guillermo Dupaix, Alexander von Humboldt, e Carlos Nebel, pubblicando altri testi relativi alle strutture. I primi scavi archeologici vennero fatti da José García Payón tra il 1943 e il 1963. L'Istituto Messicano di Antropologia e Storia iniziò altri scavi negli anni ottanta e altre ispezioni del sito vengono tuttora eseguite.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

La piramide delle Nicchie

Il centro cerimoniale del sito ricopre un'area pari a 1 km², con diverse piramidi sormontate da templi, molti palazzi e alcuni cortili adibiti al gioco del Tlachtli, ma vi sono ancora molte zone non scavate che si estendono per distanze maggiori.

La costruzione più famosa del sito è la piramide delle Nicchie. La gradinata a terrazza è alta circa 20 metri. Anche se come dimensioni è modesta, se comparata ad altre piramidi mesoamericane, l'architetture ornamentata è particolare e le terrazze sono di pietra intagliata formano 365 nicchie, e il lato orientale della piramide presenta una scala. Le costruzioni del sito presentano dei rilievi scavati e vi sono alcune steli di pietra, e sculture che rappresentano il gioco del Tlachtli. Il sito è aperto alle visite turistiche e nelle vicinanze si trova un museo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]