Árbol del Tule

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da El Arbol del Tule)
Albero di Tule.

Árbol del Tule (in italiano Albero di Tule) è tra i più grandi alberi monumentali esistenti al mondo. È una conifera del genere delle Cupressacee, un semi-sempreverde della famiglia Taxodium mucronatum (Cipresso di Montezuma) dall'età molto incerta, che si aggirerebbe attorno ai 1500 anni. Vive in Messico, approssimativamente a 12 km a Sud di Oaxaca, capitale dell'omonimo Stato, nel campo adiacente alla chiesa di Santa Maria del Tule.

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

In un passato recente sono state prodotte svariate misurazioni, tuttavia quelle più attendibili sono le più recenti, ovvero quelle che risalgono al 2005. Allora il tronco misurava 36,20m di circonferenza ed aveva un diametro di 11,62m, mentre la sua reale altezza rimane particolarmente difficile da calcolare con esattezza per via della sua ampia chioma, frastagliata e molto irregolare. Tuttavia la misura di 35,40m è un'approssimazione molto vicina alla realtà. Il volume totale occupato dall'albero dovrebbe essere di 816 829 per un peso totale di 636 107 t. La sua larghezza è talmente ampia che in passato ha fatto sospettare si trattasse in realtà di più cipressi cresciuti in modo troppo adiacente l'uno rispetto all'altro, tanto da unificarsi in un'unica apparente creatura; ma un recente esame del DNA dell'albero ha sconfessato questa ipotesi, avvalorando il fatto che si tratti realmente di un solo individuo.

Probabilmente, come dimensioni complessive, questo imponente cipresso è preceduto al mondo solo dalle due Sequoie giganti, chiamate Generale Grant e Generale Sherman, entrambe viventi nella Foresta gigante all'interno del Sequoia Nationa Park, in California.

Età[modifica | modifica sorgente]

L'età reale è attualmente sconosciuta alla scienza, viene stimata a non meno di 1200 e non più di 3000 anni (alcuni studi in realtà non escludono che l'albero possa avere anche 6000 anni di età). L'approssimazione migliore tuttavia, basata anche sul tasso di crescita, identifica l'età in un arco ristretto tra i 1433 ed i 1600 anni. Alcune analisi hanno accertato come dal 1990 circa l'Albero di Tule stia lentamente morendo, le sue radici infatti sono state danneggiate dal traffico, dalla cementificazione, dall'inquinamento e dalla scarsità di approvvigionamento idrico. Quotidianamente, di fatto, transitano una media (crescente) di 8 000 veicoli lungo la grande arteria stradale che gli passa accanto.

Cultura e tradizioni[modifica | modifica sorgente]

Per la pre-colombiana cultura zapoteca, l'albero è chiamato Ahuehuete, una parola della Lingua nahuatl, il cui significato non è certo, ma potrebbe voler dire Vecchio uomo dell'acqua. Sulle sue origini ci sono diverse leggende, tra cui quella che narra di come l'albero sarebbe stato piantato 1400 anni fa da Pechocha, un sacerdote di Ehécatl, il dio azteco del vento; oppure quella che vorrebbe che i capi delle grandi nazioni pre-colombiane si fossero riuniti in quel luogo ed avessero deciso di separarsi in quattro gruppi, stanziandosi poi, rispettivamente, ognuno verso un punto cardinale diverso dagli altri. In questi quattro luoghi sarebbero poi stati piantati altrettanti ahuehuetes, di cui quello di Tule era il maggiore. Infatti, il luogo dove ora sorge l'Albero di Tule, era un luogo già sacro prima che accanto gli fosse stata edificata una chiesa.

Occasionalmente viene chiamato anche Albero della Vita, dovuto alle tante figure di animali che affiorano grazie alla particolare nodosità del tronco e dei rami. Questo aspetto ha dato la possibilità di far partire un progetto legato alle scuole, dove alcuni studenti hanno la possibilità di accompagnare i turisti incuriositi alla conoscenza dell'albero. Tra gli altri nomi dati a questo gigantesco semi-sempreverde, compare anche Sabino. Il secondo lunedì del mese di ottobre viene celebrato il giorno dell'Albero di Tule, ovvero un giorno a lui dedicato, celebrato con una festa particolarmente importante per la tradizione locale.

Tutela[modifica | modifica sorgente]

Dal 2001 è stata avanzata la proposta di inserire questa straordinaria creatura nell'elenco dei beni più antichi al mondo, sotto tutela dell'UNESCO, proposta tuttora pendente.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]