Eitel Federico I di Hohenzollern-Hechingen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rangkronen-Fig. 18.svg
Eitel Federico I di Hohenzollern-Hechingen
Conte di Hohenzollern-Hechingen
Stemma
In carica 1576-1605
Predecessore Titolo inesistente
Successore Giovanni Giorgio
Nascita Sigmaringen, 7 settembre 1545
Morte Hechingen, 16 gennaio 1605
Dinastia Hohenzollern-Hechingen
Padre Carlo I di Hohenzollern
Madre Anna di Baden-Durlach
Coniuge Sibilla di Zimmern
Religione cattolicesimo

Eitel Federico I di Hohenzollern-Hechingen (Sigmaringen, 7 settembre 1545Hechingen, 16 gennaio 1605) è stato dal 1576 alla sua morte conte di Hohenzollern-Hechingen.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La lapide tombale di Eitel Federico I: si noti l'iscrizione Ubi thesaurus meus, ibi cor meum

Eitel Federico era il figlio maggiore del conte Carlo I di Hohenzollern (1516-1576) e di sua moglie Anna (1512-1579), figlia del margravio Ernesto di Baden-Durlach.

Dopo la morte del padre nel 1576, per testamento, la contea di Hohenzollern venne divisa tra i figli di Carlo I: Federico ottenne la contea di Hechingen, Carlo quella di Haigerloch e Cristoforo quella di Sigmaringen, dando così origine a tre diverse linee. Eitel Federico, in quanto primogenito, ottenne la città di Hechingen che già in precedenza aveva un ruolo rilevante nel dominio del padre, unitamente al dominio sui monasteri di St. Luzen e Stetten.

Uno dei primi atti di governo di Eitel Federico appena salito al trono fu quello di regolarizzare la caccia entro i propri domini con regole molto severe. A Hechingen, nel frattempo, si preoccupò di iniziare la costruzione di un palazzo in stile rinascimentale sul quale poi sorgerà l'attuale castello. Nel 1585 insieme alla seconda moglie, fondò il monastero francescano di San Luca a Hechingen. Sempre nella capitale si preoccupò di far costruire un ospedale e delle fortificazioni. Egli seppe fare della propria residenza un centro culturale e musicale.

Eitel Federico I morì nel 1605 a Hechingen e venne sepolto nella chiesa del monastero di St. Luzen, all'interno della quale ancora oggi si trova la sua tomba che conserva il suo cuore. La piastra bronzea esterna reca l'iscrizione: "Ubi thesaurus meus, ibi cor meum" ("Dove si trova il mio tesoro, quivi è il mio cuore").

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Eitel Federico si sposò quattro volte. Il primo matrimonio venne celebrato il 22 giugno 1568 con Veronika (m. 1573), figlia di Carlo I, conte di Ortenburg, ma il matrimonio non produsse eredi.

Eitel Federico I si risposò poi il 14 novembre 1574 a Meßkirch con Sibilla (1558-1599), figlia di Froben Christoph von Zimmern, dalla quale ebbe i seguenti figli:

  • Ernesto (* 1575; morto infante)
  • Giovanni Giorgio (1577 – 1623), conte e poi principe di Hohenzollern-Hechingen

Nel 1599, dopo la morte della prima moglie, Eitel Federico I si risposò con la contessa Francesca di Salm-Neufville (m. 1619)

L'ultima moglie Eitel Federico la sposò il 1 marzo 1601, e si maritò con Giovanna (m. 1633), figlia del conte Filippo di Eberstein, con la quale non ebbe figli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E. G. Johler: Geschichte, Land- und Ortskunde der souverainen teutschen Fürstenthümer Hohenzollern, Hechingen und Sigmaringen. 1824, S. 56 ff. (Digitalisat)
  • Gustav Schilling: Geschichte des Hauses Hohenzollern, in genealogisch fortlaufenden Biographien aller seiner Regenten von den ältesten bis auf die neuesten Zeiten, nach Urkunden und andern authentischen Quellen, F. Fleischer, 1843, S. 245 ff.
Predecessore Conte di Hohenzollern-Hechingen Successore Flag of Hohenzollern-Hechingen and Sigmaringen.png
Titolo inesistente 1576-1605 Giovanni Giorgio

Controllo di autorità VIAF: 47898833

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie