Egor Letov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Egor Letov
Letov in concerto a Norimberga il 4 novembre del 2000
Letov in concerto a Norimberga il 4 novembre del 2000
Nazionalità Russia Russia
Genere Punk rock
Industrial
Musica sperimentale
Periodo di attività 1982 – 2008
Strumento Chitarra
Sito web

Igor' Fëdorovič "Egor" Letov, in russo: Егор Летов[?] (Omsk, 10 settembre 1964Omsk, 19 febbraio 2008), è stato un cantante e chitarrista russo noto soprattutto per essere stato il leader del gruppo punk rock russo Graždanskaja Oborona (Гражданская Оборона, "Difesa civile"). Formò anche il collettivo Communism, e suonò con Jana Djagileva (Janka). Letov fu anche il cofondatore del Partito Nazional Bolscevico.

Letov fu un prolifico musicista ed una figura controversa, soprattutto nella seconda metà degli anni ottanta quando satirizzò il sistema sovietico ed aiutò lo sviluppo del punk sovietico traendone le origini dalla musica popolare. Diventò ancora più controverso dopo il crollo dell'Unione Sovietica, quando ritornò ad affrontare in maniera nostalgica il passato sovietico, guadagnandosi amici tra i nazionalisti ed i comunisti.

In un'intervista Letov indicò Aleksandr Ivanovič Vvedenskij (1904-1941) come il suo poeta preferito, uno gli scrittori dell'OBĖRIU e Vladimir Majakovskij. Si disse anche interessato al concettualismo, e definì i suoi lavori nella musica punk e nella creazione di un'immagine pubblica come un lavoro di performance art concettuale.

Nel 1997 sposò la bassista dei Graždanskaja Oborona, Natal'ja Čumakova; la coppia non ebbe figli.

Letov morì nel sonno nella sua casa di Omsk il 19 febbraio 2008 a quarantatré anni.[1][2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cult Rock Musician Egor Letov Died, 19.02.2008
  2. ^ Punk Legend Yegor Letov dies of heart failure 21.02.2008

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]