Efialte (soldato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Efialte di Trachis (in greco Ἐφιάλτης, anche se nelle Storie di Erodoto compare come Ἐπιάλτης = Epialtes; ... – Tessaglia, 480 a.C.) figlio di Euridemo della Malide, era un greco che nel 480 a.C. tradì gli spartani di Leonida I.

Guidati dal generale Idarne, i persiani, dopo aver messo in fuga il contingente focese di retroguardia, attaccarono, sconfissero e massacrarono i guerrieri di Leonida. Efialte aveva indicato ai persiani di re Serse I la via per aggirare l'esercito nemico, che era attestato al passo delle Termopili e che stava resistendo agli attacchi persiani. Egli si aspettava una ricompensa, ma la sconfitta persiana nella battaglia di Salamina rovinò i suoi piani.

Il pastore fuggì allora in Tessaglia, dove fu ucciso da Atenade di Trachis, che per questo venne ricompensato dagli spartani.

Efialte è stato considerato l'archetipo del traditore della causa greca, sebbene anche altri greci abbiano aiutato Serse. Tuttavia è proprio il nome di Efialte a essere diventato epiteto per traditore.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]