Edwing d'Inghilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eadwig d'Inghilterra

Eadwig d'Inghilterra, o Eadvig d'Inghilterra, detto l'Onesto, in inglese antico Edwy All-Fair o Eadwig (Wessex, 941 circa – 1º ottobre 959), fu re d'Inghilterra dal 955 fino alla sua morte.

Figlio maggiore di re Edmondo I, Edvingo venne scelto dalla nobiltà per succedere come Re allo zio Edredo. Il suo breve regno venne segnato dai conflitti in corso con la sua famiglia, i thane, e in particolare la Chiesa, sotto la guida di San Dunstano e dell'Arcivescovo Oda.

Secondo una leggenda, i dissidi con Dunstano iniziarono il giorno della consacrazione di Edvingo, quando egli non presenziò ad un incontro di nobili. Quando Dunstano finalmente trovò il giovane monarca, egli stava flirtando con una nobildonna di nome Etelgive e si rifiutò di recarsi dal vescovo. Infuriato, Dunstano trascinò via Eadvig e lo costrinse a rinunciare alla ragazza in quanto "adultera". Successivamente realizzando di aver provocato il Re, Dunstano scappò nel rifugio apparente del suo convento, ma Edvingo, incitato da Etelgive, lo seguì e saccheggiò il monastero. Anche se Dunstano riuscì a fuggire, si rifiutò di far ritorno in Inghilterra fino a dopo la morte di Edvingo.

Frustrati dalle imposizioni del Re e appoggiati dall'Arcivescovo Odo, i thane di Mercia e Northumbria passarono la loro fedeltà al fratello di Edvingo, Edgardo, nel 957. Edvingo venne sconfitto in battaglia a Gloucester, ma piuttosto che vedere la nazione precipitare nella guerra civile, venne raggiunto un accordo tra i nobili, con il quale il regno sarebbe stato diviso lungo il Tamigi, con Edvingo che avrebbe mantenuto il Wessex e il Kent a sud, ed Edgardo che avrebbe regnato a nord. Nei pochi anni restanti del suo regno, Edvingo governò più saggiamente e fece dei significativi doni alla Chiesa. Morì all'età di vent'anni, e gli successe il suo fratello e rivale, Edgardo, che riunificò il regno.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore:
Edredo
Re degli Anglosassoni
955-959
Successore:
Edgardo
Re d'Inghilterra
955-959

Controllo di autorità VIAF: 21041827 LCCN: n82228557