Edward Kasner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edward Kasner (New York, 2 aprile 1878New York, 7 gennaio 1955) è stato un matematico statunitense, meglio noto oggi per avere reso popolare il termine googol.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Kasner studiò alla Columbia University ed ebbe come docente Cassius Jackson Keyser. Conseguì il Ph.D. nel 1899, con una tesi dal titolo La teoria invariante del gruppo di inversione.

Intorno al 1920, per stimolare l'interesse dei bambini, Kasner cercò un nome "che suonasse bene" per un numero molto grande: 1 seguito da 100 zeri. Durante una passeggiata nelle New Jersey's Palisades, con i suoi nipoti, Milton (1911-1980) ed Edwin Sirotta, Kasner chiese loro delle idee. Milton, che aveva nove anni, suggerì "googol". Molti anni dopo, un'alterazione di questo termine avrebbe dato origine al nome Google, con cui è chiamato un motore di ricerca sulla rete Internet.

Kasner coniò anche il nome "googolplex" per il numero scritto come 1 seguito da un googol di zeri; gli uffici di Google sono chiamati Googleplex per questo motivo.

Nel 1940, insieme a James Roy Newman, Kasner scrisse un libro divulgativo che presentava l'intero campo della matematica, intitolato Mathematics and the Imagination (La matematica e l'immaginazione, ISBN 0-486-41703-4). È in questo libro che fu introdotta per la prima volta la parola "googol".

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Edward Kasner, Differential-geometric aspects of dynamics in C.Carpelan, A.Parpola P.Koskikallio (ed.) (a cura di), The Logarithmic potential and other monographs, New York, Chelsea [1934], 1980, pp. 235-263. ISBN 0-8284-0305-8.
  • Edward Kasner, Newman, James Roy, Mathematics and the Imagination, Dover Pubns [London: Penguin, 1940; New York: Simon and Schuster, 1967], aprile 2001. ISBN 0-486-41703-4.
  • Edward Kasner, Geometrical theorems on Einstein's cosmological equations in Amer. J. Math., vol. 43, 1921, p. 217.
  • Carl Bialik, There Could Be No Google Without Edward Kasner in The Wall Street Journal Online, June 14 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 19760482 LCCN: n80076491