Edward Alsworth Ross

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edward Alsworth Ross

Edward Alsworth Ross (Virden, 12 novembre 1866Madison, 22 luglio 1951) è stato un sociologo e genetista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ross si è laureato al Coe College a Cedar Rapids, nello Iowa, nel 1886. Costretto a lasciare la Stanford University per la sua obiezione al lavoro degli immigrati cinesi, posizione in contrasto con quella della famiglia fondatrice dell'università, la Stanford. Tale casata aveva fatto la propria fortuna nella costruzione di ferrovie occidentali, rendendosi pertanto un importante riferimento per i lavoratori cinesi, che vi trovavano impiego. Ross si trasferì dunque alla University of Nebraska, e successivamente diventa professore di sociologia presso la University of Wisconsin-Madison.

Ross credeva che l'identità americana fosse stata forgiata nel crogiolo del deserto. Ross ha sostenuto la rivoluzione bolscevica in Russia, e fu membro della Commissione Dewey.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dewey Commission Report

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Social Control (1901)
  • Sin and Society (1907)
  • Social Psychology (1908)
  • The Changing Chinese (1911)
  • Changing America (1912)
  • The Old World in the New: The Significance of Past and Present Immigration to the American People (1914)
  • Italians In America (1914)
  • The Principles of Sociology (1920)
  • The Russian Bolshevik Revolution (1921)
  • The Social Trend (1922)
  • The Russian Soviet Republic (1923)

Controllo di autorità VIAF: 68996962 LCCN: n50046281

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie