Eduardo Francisco Pironio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eduardo Francisco Pironio
cardinale di Santa Romana Chiesa
Eduardo Francisco Pironio.jpg
Coat of arms of Eduardo Francisco Pironio.svg
Christus in vobis spes gloriæ
Incarichi ricoperti Vescovo titolare di Ceciri
Vescovo ausiliare di La Plata
Segretario del Consiglio Episcopale Latinoamericano
Presidente del Consiglio Episcopale Latinoamericano
Vescovo di Mar del Plata
Arcivescovo titolare di Tiges
Pro-Prefetto della Congregazione per i Religiosi e gli Istituti Secolari
Cardinale diacono e presbitero dei Santi Cosma e Damiano
Prefetto della Congregazione per i Religiosi e gli Istituti Secolari
Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici
Presidente della Presidente del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari
Cardinale vescovo di Sabina-Poggio Mirteto
Nato 3 dicembre 1920, Nueve de Julio
Ordinato presbitero 5 dicembre 1943 dal vescovo Anunciado Serafini
Nominato vescovo 24 marzo 1964 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo 31 maggio 1964 dall'arcivescovo Antonio José Plaza
Elevato arcivescovo 20 settembre 1975 da papa Paolo VI
Creato cardinale 24 maggio 1976 da papa Paolo VI
Deceduto 5 febbraio 1998, Roma

Eduardo Francisco Pironio (Nueve de Julio, 3 dicembre 1920Roma, 5 febbraio 1998) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico argentino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Giuseppe ed Enrica Buttazzoni emigrati friulani di Percoto, frazione in comune di Pavia di Udine, Eduardo Francisco nacque il 3 dicembre 1920 a Nueve de Julio, in Argentina, e venne ordinato sacerdote nel 1943.

Episcopato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964 fu eletto vescovo titolare di Ceciri e ausiliare di La Plata e nel 1972 vescovo di Mar del Plata. Dal 1968 al 1975 fu dapprima segretario generale e poi presidente del Celam (Consiglio Episcopale Latinoamericano).

Nel 1974 fu invitato da Paolo VI a predicare gli esercizi spirituali alla Curia Romana.

Cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Chiamato a Roma da papa Paolo VI come prefetto della Congregazione per i Religiosi e degli Istituti Secolari, fu creato cardinale nel 1976.

Nel 1984 fu nominato da Giovanni Paolo II presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, dove tra l’altro collaborò a ideare le Giornate mondiali della gioventù.

Nel suo testamento spirituale il cardinale Pironio scrisse, fra l'altro: "Rendo grazie al Signore per il mio ministero di servizio nell'episcopato. Quant'è stato buono il Signore con me! Ho voluto essere padre, fratello e amico dei sacerdoti, dei religiosi e delle religiose, di tutto il popolo di Dio. Ho voluto essere semplicemente presenza di ‘Cristo, speranza della gloria’. Ho voluto esserlo sempre, nei diversi servizi che Dio mi ha chiesto come Vescovo".

Morì a Roma il 5 febbraio 1998. Fu sepolto nel santuario di Nostra Signora di Luján, in Argentina.

Il 23 giugno 2006 il cardinale Camillo Ruini, vicario del papa per la diocesi di Roma, ha aperto la fase diocesana del suo processo di beatificazione.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.
Trattamenti di
Eduardo Francisco Pironio
Stemma
Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici
Cardinale vescovo di Sabina-Poggio Mirteto
Trattamento di cortesia Sua Eminenza
Trattamento colloquiale Vostra Eminenza
Trattamento religioso Cardinale
I trattamenti d'onore

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Ceciri Successore BishopCoA PioM.svg
Marcos Gregorio McGrath 24 marzo 1964 - 19 aprile 1972 Heraldo Camilo Barotto
Predecessore Segretario del Consiglio Episcopale Latinoamericano Successore Mitra heráldica.svg
Julián Mendoza Guerrero 1968 - 1972 Alfonso López Trujillo
Predecessore Presidente del Consiglio Episcopale Latinoamericano Successore Mitra heráldica.svg
Avelar Brandão Vilela 1972 - 1975 Aloísio Leo Arlindo Lorscheider
Predecessore Vescovo di Mar del Plata Successore BishopCoA PioM.svg
Enrique Rau 19 aprile 1972 - 20 settembre 1975 Rómulo García
Predecessore Vescovo titolare di Tiges
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Georg Moser 20 settembre 1975 - 24 maggio 1976 Eugeen Laridon
Predecessore Pro-Prefetto della Congregazione per i Religiosi e gli Istituti Secolari Successore Emblem Holy See.svg
Arturo Tabera Araoz 20 settembre 1975 - 29 maggio 1976 se stesso come prefetto
Predecessore Cardinale diacono e presbitero dei Santi Cosma e Damiano Successore CardinalCoA PioM.svg
Johannes Gerardus Maria Willebrands 24 maggio 1976 - 11 luglio 1995
Titolo presbiterale pro hac vice dal 22 giugno 1987
Giovanni Cheli
Predecessore Prefetto della Congregazione per i Religiosi e gli Istituti Secolari Successore Emblem Holy See.svg
se stesso come pro-prefetto 29 maggio 1976 - 8 aprile 1984 Jean Jérôme Hamer
Predecessore Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici Successore Emblem Holy See.svg
Opilio Rossi 8 aprile 1984 - 20 agosto 1996 James Francis Stafford
Predecessore Cardinale vescovo di Sabina-Poggio Mirteto Successore CardinalCoA PioM.svg
Agnelo Rossi 11 luglio 1995 - 5 febbraio 1998 Lucas Moreira Neves

Controllo di autorità VIAF: 30806886 LCCN: n79005574