Eduardo Caianiello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eduardo Renato Caianiello (Napoli, 25 giugno 1921Napoli, 22 ottobre 1993) è stato un fisico italiano.

Laureato in Fisica a Napoli nel 1944, conseguì il PhD all'Università di Rochester (New York) nel 1950. Dopo avere insegnato a Torino, Roma e Princeton, dal 1956 è stato professore di Fisica Teorica, prima all'Università di Napoli e poi, dal 1973, in quella di Salerno.
I suoi principali contributi hanno riguardato la Teoria Quantistica dei Campi e la cibernetica. In particolare è stato un pioniere nello studio delle Reti Neurali.
Ha affiancato alla ricerca scientifica un'intensa attività organizzativa e direttiva. Ha fondato e diretto l'Istituto di Fisica Teorica dell'Università di Napoli, il Laboratorio di Cibernetica del CNR ad Arco Felice (Napoli), la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Salerno, l'Istituto Internazionale per gli Alti Studi Scientifici (IIASS)[1] a Vietri sul Mare (Salerno) e la Scuola di Perfezionamento in Scienze cibernetiche e fisiche.

Teoria delle reti neurali[modifica | modifica wikitesto]

I suoi principali contributi riguardano la teoria delle reti neurali adattive. Fondamentale contributo in tal senso è l'Equazione di Caianiello (Caianiello's equation) con cui si formalizza la teoria dell'apprendimento hebbiano[2].

Eredità culturale[modifica | modifica wikitesto]

Molti sono gli allievi e continuatori del pensiero scientifico di Caianiello. Tra questi: Francesco Guerra, Francesco Lauria, Salvatore Rampone, Luigi Maria Ricciardi, Giuseppe Trautteur.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Istituto Internazionale per gli Alti Studi Scientifici "E.R. Caianiello" [1]
  2. ^ E.R.Caianiello, Outline of a theory of thought-processes and thinking machines, J. theor. Biol. 1, 204--235 (1961) [2]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie