Edmund Gosse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edmund Gosse ritratto da John Singer Sargent nel 1886.

Sir Edmund William Gosse (21 settembre 184916 maggio 1928) è stato un poeta e critico letterario britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Edmund Gosse nacque nel 1849, figlio del naturalista Philip Henry Gosse e di Emily Bowes, una famosa scrittrice che morì quando aveva 7 anni[1]; suo padre in seguito si risposò nel 1860. In seguito Edmund incontrò Oscar Wilde che dopo avergli chiesto, al primo incontro, se l’avesse deluso o meno lui affermò che i letterati non deludono mai al contrario delle opere.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Madrigals, Songs, and Sonnets (1870),
  • On Viol and Flute (1873)
  • King Erik (1876)
  • New Poems (1879)
  • Firdausi in Exile (1885)
  • In Russet and Silver (1894)
  • Collected Poems (1896)
  • Hypolympia, or the Gods on the Island (1901)

Critica letteraria[modifica | modifica wikitesto]

  • English Odes (1881)
  • Seventeenth Century Studies (1883)
  • Life of William Congreve (1888)
  • The Jacobean Poets (1894)
  • Life and Letters of Dr John Donne, Dean of St Paul's (1899)
  • Jeremy Taylor (1904, "English Men of Letters")
  • Life of Sir Thomas Browne (1905)
  • Life of Thomas Gray, whose works he edited (4 vols., 1884)
  • A History of Eighteenth Century Literature (1889)
  • History of Modern English Literature (1897)
  • Volumi III e IV di Illustrated Record of English Literature (1903-1904)
  • French Profiles (1905)

Autobiografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sir Edmund Gosse
  2. ^ Ann Thwaite, Edmund Gosse pag 211, New York, 1985.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54239311 LCCN: n80045877

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie