Edinburgh Military Tattoo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fotogramma dell'Edinburgh Military Tattoo

L'Edinburgh Military Tattoo è una parata militare che si svolge, sulla grande spianata del Castello di Edimburgo, durante il mese di agosto nella città di Edimburgo, capitale della Scozia. è molto popolare e le serate più importanti vengono trasmesse in diretta sulla BBC. Questa importante parata ricorre, per attrarre molti turisti, in contemporanea al Festival di Edimburgo, o Edinburgh Festival. Gli artisti accorrono da tutto il mondo: si possono incontrare ballerine giamaicane, patrioti americani e ovviamente non mancano le cornamuse scozzesi. Spettacolari sono anche i fuochi artificiali e gli spari dei cannoni costruiti a ritmo di gara da due squadre contendenti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "tattoo" risale al XVII secolo, quando unità dell'esercito britannico vennero dislocate nei Paesi Bassi. La sera, i tamburini della guarnigione venivano inviati nelle città per dare il segnale di rientro in caserma ai soldati in libera uscita. Questa azione era nota come tappa il rubinetto ed era un invito agli osti a non servire più da bere ai militari della guarnigione.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Si calcola che circa 100 milioni di persone, in Scozia e nel mondo, seguono ogni anno l'evento internazionale. Durante tutta la durata delle celebrazioni si raccolgono, sulla grande spianata del castello, circa 217.000 persone. Gli artisti provengono da oltre 30 paesi diversi, e si calcola che il 35% degli spettatori siano stranieri. La parata, famosa in tutto il mondo, viene trasmessa in televisione in ben trenta paesi diversi.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La Fanfara dei Bersaglieri ha partecipato ben due volte. La prima fu nel 1967 con la fanfara dell'ottavo reggimento diretta dal Maresciallo Maggiore Luigi Imelio, la seconda risale al 1982 e vide protagonista la Brigata Goito con la sua fanfara. Quell'anno lo spettacolo è andato in scena ben trentatré volte.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]