Edgar André

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edgar Josef André

Edgar Josef André (Aquisgrana, 17 gennaio 1894Amburgo, 4 novembre 1936) è stato un antifascista tedesco, militante del Partito Comunista di Germania (KPD).

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Nato ad Aquisgrana, figlio di un operaio. A 5 anni resta orfano di padre e madre e deve accudire i tre fratellini per cui portato da parenti belgi a Liegi Edgard viene messo in un orfanotrofio. Dopo aver abbandonato la scuola ed alcuni anni di apprendistato trova lavoro presso una libreria dove entra in contatto con la politica con il tramite della letteratura.

Adesione al Partito Socialista del Belgio[modifica | modifica sorgente]

Nel 1911, divenne un membro del Partito Socialista del Belgio, e due anni dopo, della gioventù socialista dei lavoratori a Bruxelles. Nel 1914, partecipa Congresso del Partito Socialista del Belgio e all'inizio della prima guerra mondiale va volontario in Renania si è offerto volontario per il servizio in Renania .Fatto prigioniero torna in Germania dopo il conflitto e entra nella gioventù socialista del Partito Socialista di Germania ( SPD ). In 1922, sistematosi ad Amburgo dove ha lavorato per la costruzione del porto, diventa membro dellaAlleanza Lavoratori Edili ed in seguito dell'Alleanza Lavoratori Trasporti.

Passaggio al KPD[modifica | modifica sorgente]

Il periodo della Grande depressione aveva colpito in modo particolarmente duro la Germania a causa degli impossibili a pagarsi per esosità risarcimenti di guerra richiesti dal Trattato di Versailles, André ormai in rotta con l'SPD aderisce al KPD il 1º gennaio 1923. Il lavoro da lui fatto ad Amburgo ha avuto risonanze e all'interno del KPD è immediatamente ben accetto, gli vengono quindi assegnati i ruoli di portavoce dei lavoratori disoccupati e di cofondatore ed organizzatore della struttura paramilitare di difesa del KPD, il periodo è quello compreso fra gli anni 1924 e 1929 infatti aderisce al KPOD che è il nome assunto dal KPD nel 1927/28. André frequenta la scuola di partito del KPD, e nel 1931-32, si occupa di propaganda ed agitazione nell'ambiente dei marittimi portando la sua azione anche in Belgio e Francia, in simile lavoro è avvantaggiato in quanto ben conosce il francese a causa degli svariati spostamenti subiti durante l'infanzia.

Dopo l'avvento del nazionalsocialismo[modifica | modifica sorgente]

Dopo la presa di potere del nazionalsocialismo e l'incendio del Reichstag, Edgar André è stato arrestato il 5 marzo 1933. Viene tenuto in carcere per tre anni e mezzo e torturato al punto da fargli perdere l'udito e l'uso delle gambe al suo processo di Amburgo, il 4 maggio 1936, André avrebbe dovuto esser assolto per insufficienza di prove ma probabilmente per esplicito ordine di Hitler fu condannato a morte. In seguito a ciò si sviluppa un movimento internazionale di protesta di vaste proporzioni compresi 5000 detenuti del carcere di Fuhlsbüttel che manifestano la loro rabbia per tale verdetto al'interno del carcere dopo che Edgar André è stato trucidato. Poco tempo dopo nella Guerra di Spagna un battaglione delle Brigate Internazionali porterà il suo nome.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Willi Bredel Edgar André: ein deutscher Antifaschist mit dem Tode bedroht. Strasburgo edizioni Prometeo, 1936
  • Bodo Uhse Die erste Schlacht: vom Werden und den ersten Kämpfen des Bataillons Edgar André.Strasburgo edizioni Prometeo, 1938
  • Joachim Priewe Begegnung mit Etkar André, Ein Lebensbild, Berlino 1986

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 30333544 LCCN: n87908540