Eddie Calvert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Albert Edward Calvert, detto Eddie (Preston, 15 marzo 1922Harare, 7 agosto 1978), è stato un trombettista inglese.

Egli ebbe il suo primo successo nella hit parade inglese per brani solo strumentali nel 1954 con Oh Mein Papa di Paul Burkhard.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un calzolaio, Eddie crebbe in una famiglia ove la musica della banda locale di ottoni, la Preston Town Silver Band era molto apprezzata (il padre vi suonava la cornetta ed il trombone). [1] Egli fu presto in grado di suonare diversi strumenti e particolarmente bravo nel suonare la tromba [1] per cui divenne giovanissimo anch'egli membro a pieno titolo della banda. Entrò quindi a far parte della banda del Lancashire's Loyal Regiment. Allo scoppio della seconda guerra mondiale fu arruolato nell'esercito e divenne portaordini, ma nel 1942, in seguito ad un incidente d'auto fu congedato per motivi di salute. Terminata la guerra egli riprese le sue esibizioni in locali vari finché fu assunto con contratti professionali in orchestre che suonavano i ritmi in voga a quei tempi, fra le quali quelle di Geraldo (1904 – 1974) e di Billy Ternet (1899 – 1977) [1], ove si mise subito in luce per il suo virtuosismo. Nel corso di una sua esibizione in televisione con la Stanley Black Orchestra, un annunciatore entusiasta lo presentò come The Man With The Golden Trumpet (L'uomo dalla tromba d'oro), appellativo che lo accompagnò per tutta la sua successiva carriera musicale.

Lo stile di Calvert era insolitamente personale ed egli divenne un musicista famigliare per gli ascoltatori della BBC Radio e Televisione durante gli anni '50. Le sue prime registrazioni furono effettuate per la casa discografica Melodic (tra il 1949 ed il 1950), finché approdo alla Columbia Records ove incise un disco con Oh Mein Papa divenuto presto una hit parade (nove settimane in cima alla classifica e l'assegnazione del disco d'oro dall'ente inglese per la certificazione delle vendite di dischi musicali), ed un anno più tardi incise un altro grande suo successo: Cherry Pink and Apple Blossom White che arriva in prima posizione nel Regno Unito per quattro settimane (noto in Italia con il titolo Ciliegi rosa).

Altri record di vendite furono John and Julie, tratto dalla colonna sonora del film John and Julie, e Mandy, il suo ultimo maggior successo. Altre registrazioni riguardavanoStranger in Paradise,[2](1955), The Man with the Golden Arm (dal film L'uomo dal braccio d'oro). [3] Calvert fu anche co-autore, nel 1954, della canzone My Son, My Son, una hit parade per la cantante inglese Vera Lynn.

Via via che i gusti del pubblico cambiavano nei primi anni sessanta, le interpretazioni di Eddie Calvert furono sempre meno apprezzate dalle case discografiche e nel 1968 Calvert, deluso dalla sua fortuna calante, lasciò l'Inghilterra per stabilirsi in Sudafrica. Ebbe ancora numerosi successi in tournée varie, fra le quali alcune molto fortunate in Nuova Zelanda, ma all'età di 56 anni morì a seguito di un infarto miocardico.

Esecuzioni di successo (elenco parziale)[modifica | modifica wikitesto]

I titoli tra parentesi sono quelli della versione italiana. Le date sono quelle dell'esecuzione di Eddie Calvert e non quelle di creazione del brano musicale o della canzone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Allmusic.com biography by Sharon Mawer
  2. ^ Stranger in Paradise è un brano della commedia musicale Kismet, la cui melodia è tratta da "Le danze polovesiane", dall'opera di Alexander Borodin, Il principe Igor.
  3. ^ L'esecuzione di questa melodia fu bandita dalla BBC poiché contenuta in un film ove si tratta di tossicodipendenza, (John Tobler, NME Rock 'N' Roll Years, Reed International Books Ltd., London, 1992).
  4. ^ Titolo originale in lingua tedesca.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Roberts, British Hit Singles & Albums, Guinness World Records Limited, London, 2006 ISBN 1-904994-10-5

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

In inglese:

Controllo di autorità VIAF: 4546390 LCCN: no98059158

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie