Economia linguistica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'economia linguistica è una disciplina che riguarda una serie di temi trasversali ai campi economico e linguistico, quali l'effetto delle competenze linguistiche sul reddito e sul commercio internazionale, la modellizazione matematica delle dinamiche linguistiche, l'identificazione dei costi e dei benefici delle azioni di pianificazione linguistica, la tutela delle lingue minoritarie, la valutazione dell'efficacia e dell'equità delle politiche linguistiche a livello internazionale [1][2] . L'economia linguistica è per sua natura uno strumento di analisi economica della politica linguistica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Letture consigliate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michele Gazzola (2014). "The Evaluation of Language Regimes: Theory and Application to Multilingual Patent Organisations," [1]
  2. ^ Grin, François. 2003. "Language Planning and Economics" Current issues in language planning 4(1): 1-66