Ecocho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ecocho
Stato Australia Australia
Fondazione 14 aprile 2008
Sede principale Australia Australia
Slogan «You search. We grow trees»
Sito web www.ecocho.com

Ecocho è un motore di ricerca che ha come scopo la riduzione delle emissioni di gas serra. Il sito, lanciato il 14 aprile 2008, dona a questo fine il 70% degli introiti pubblicitari a dei cosiddetti "ecoprovider"[1] come carbonfund.org, che piantano alberi per compensare le emissioni di gas serra delle industrie.

Al lancio del progetto, Ecocho poteva contare sulla collaborazione di Google e della sua tecnologia di ricerca. A partire dal 23 aprile, però, il colosso di Mountain View ha deciso di non appoggiare più il progetto causa una presunta violazione della sua policy di AdSense. Lo staff del motore di ricerca ecologico è infatti accusato da Google di spingere gli utenti a cliccare su banner pubblicitari e ciò, va contro la politica del più famoso motore di ricerca. Il fondatore Tim Macdonald ha così ribadito così alle accuse attraverso il blog ufficiale del progetto: "È stata una sorpresa totale e scioccante per noi, lo staff di Ecocho si era rivolto a Google in passato, c'erano stati degli incontri nei quali il colosso di Mountain View aveva incoraggiato l'iniziativa." "Hanno avuto dei mesi per sollevare delle perplessità - continua Macdonald - ma non ci è stato detto nulla fino ad ora".

Le ricerche di Ecocho si appoggiano ora su Yahoo!. Ogni mille ricerche, Ecocho afferma di essere in grado di ridurre di una tonnellata l'emissione di gas serra attraverso la piantumazione di alberi. Sul sito è presente un contatore di alberi piantati e di chilogrammi di CO2 non emessi.[2]

La fine?[modifica | modifica sorgente]

La registrazione del nome di dominio "ecocho.it" è scaduta il giorno 10 marzo 2009 e non è ancora stata rinnovata al giorno 23 marzo, giorno in cui il sito non eroga il suo servizio fornendo invece l'errore "Error : Got error -1 from storage engine". A causa di ciò il dominio è entrato nel cosiddetto GRACE-PERIOD, termine tecnico che indica il periodo di quindici giorni successivi alla scadenza della registrazione del nome di dominio perché il proprietario ne rinnovi l'assegnazione. In assenza di tale conferma il dominio passa nello stato di NO-PROVIDER[3]. Questo stato è in definitiva l'anticamera dell'abbandono. A confermare il sospetto dell'abbandono del progetto Ecocho è il fatto che, nonostante il dominio ecocho.co.uk sia stato registrato fino alla data del 07 febbraio 2010, anche questo sito produce il messaggio d'errore riportato sopra, probabile segno che il dispositivo di storage del server è stato disattivato.

Sviluppi del 2009[modifica | modifica sorgente]

Il motore di ricerca "ecologico" è nuovamente attivo dal giugno 2009, con poche varianti nella grafica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ iTWire - Plant trees as you search the net
  2. ^ Search engine promises the earth | thetelegraph.com.au
  3. ^ Vedasi il documento pubblicato in "Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel ccTLD "it". URL consultato il 23 marzo 2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]