Eco-marathon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Eco-marathon[1] è una competizione organizzata ogni anno dalla Shell, in cui i partecipanti gareggiano con speciali veicoli costruiti con l'obiettivo di ottenere i più bassi consumi possibili. La Eco-marathon comprende anche diversi eventi nel Regno Unito, Finlandia, Francia, Paesi Bassi, Giappone e Stati Uniti.

A questi eventi partecipano diverse tipologie di team, dai semplici entusiasti alle squadre di studenti universitari/liceali fino a grandi case automobilistiche con le loro varietà di design.

Alcuni esempi di primati raggiunti sono una performance di 0.026388 L/100 km del team francese Microjoule[2], e l'attuale record mondiale di 0.018572 L/100 km, raggiunto nel 2005 dal team PAC-Car II.

Per contrasto, il veicolo diesel per trasporto passeggeri più efficiente consuma 4L/100 km, ed alcune tra le sportive più potenti consumano fino a 29L/100 km[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia dell’evento risale fino a circa settanta anni fa. Nel 1939, un gruppo di ricercatori della Shell di Wood River[4], Illinois (USA), fecero una scommessa per vedere chi avrebbe guidato la propria auto più lontano con un solo gallone di benzina. A quel tempo, 21.12 km/L (59.7 mpg-imp; 49.7 mpg-US)[5] era il massimo risultato che si potesse raggiungere.

Altri successi:[5]

Le prime competizioni internazionali si tennero in Finlandia - "Pisaralla Pisimmälle" - (Keimola) nel 1976 e a Mallory Park, nel Regno Unito, nel 1977.

Nel corso degli ultimo 30 anni, l’efficienza nell’utilizzo dei carburanti è migliorata drasticamente. La Shell fa notare che “per l’auto vincitrice della Shell Eco-marathon UK sarebbe possibile viaggiare tre volte intorno all’equatore con lo stesso quantitativo di carburante che un Concorde utilizza per raggiungere la fine della pista di decollo.”

La competizione[modifica | modifica wikitesto]

La Eco-marathon ha diverse categorie di competizione: alimentazione fuel cell, alimentazione a celle solari, alimentazione a benzina, gasolio e GPL[6]. Durante la competizione, i veicoli devono mantenere una velocità media di circa 23km/h[7] su una distanza di circa 16km. Il circuito è tipicamente un tracciato per competizioni motoristiche.

Per la competizione europea, vengono utilizzati i circuiti Paul Armagnac a Nogaro, Francia, e l’Eurospeedway di Lausitz, Germania (circuito attuale). Per la competizione inglese, il Rockingham Motor Speedway a Corby. In America, il California Speedway a Fontana. Il carburante è misurato con molta attenzione per qualsiasi partecipante. Al termine della prova, la quantità di carburante è misurata di nuovo: da questo dato, l’efficienza e il conseguente risultato è calcolato.

La Eco-marathon comprende anche una serie di regole per creare delle condizioni di sicurezza per lo svolgimento dell’evento.[8] Ad esempio, una regola proibisce l’uso di una valvola EGR, che reduce i gas nocivi per l’ambiente dei motori a combustione interna. La competizione obbliga i partecipanti a usare oli Shell soltanto quando benzina o gasolio sono le fonti di energia.

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

I veicoli più performanti sono quelli progettati per avere un’alta efficienza. Alcuni veicoli utilizzano una tecnica coast/burn con la quale accelerano da 16 a 32 km/h per poi spegnere il motore e andare avanti per inerzia fin quando la velocità torna a 16 km/h.

Questo processo viene ripetuto e risulta in una velocità media di gara di 24 km/h. Normalmente i veicoli hanno:

I veicoli sono progettati appositamente per la competizione e non sono concepiti per un utilizzo comune. I design rappresentano cosa è possibile raggiungere con le attuali tecnologie e offrono un’immagine di come potrebbe essere il design delle auto del futuro, basato su un minimo impatto ambientale in un mondo in cui le riserve di petrolio vanno riducendosi. Il lavoro dei partecipanti può potrebbe dare degli ottimi spunti ai produttori di automobili su come ri-progettare i loro prodotti.

Ecco alcuni dei team che partecipano alla Eco-marathon:[9][10]

  • Team Mecc - Politecnico di Milano [1]
  • Team H2politO - Molecole da Corsa [2]
  • Team Green [3]
  • Microjoule [4]
  • Eco-Runner Team Delft [5]
  • Trinity School Racing [6]
  • Aemval [7]
  • Pac-car [8]
  • Sandbach School [9]
  • Team Schluckspecht [10]
  • Team TIM [11]
  • Team Zero C [12]
  • Fortis Saxonia [13]
  • Eco Motion Team - ESSTIN [14]
  • Remmi-Team [15]
  • Economous
  • Team EcoCar - Louisiana Tech University [16]
  • The Leekburners - Lindenborg High School [17]
  • Team NTNU - DNV Fuel Fighter [18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Shell.it, Shell Eco-marathon - Cos'é.
  2. ^ Running on empty in The Daily Telegraph, Telegraph Media Group, 18 luglio 2003. URL consultato il 20 ottobre 2008.
  3. ^ Lowest Fuel Economy Models: 2010 Model Year, United States Environmental Protection Agency, 19 ottobre 2009. URL consultato il 1º marzo 2010.
  4. ^ Shell Eco-marathon website, Shell Eco-marathon website - History.
  5. ^ a b W.S.Affleck and G.B.Toft, Mileage Marathons.
  6. ^ Shell.it, Shell Eco-marathon - Tipi di veicoli.
  7. ^ Shell Eco-marathon website, Shell Eco-marathon figures and records.
  8. ^ Shell Eco-marathon website, Shell Eco-marathon 2010 official rules.
  9. ^ Shell Eco-marathon website, Shell Eco-marathon 2010 teams.
  10. ^ Shell.it, Shell Eco-marathon 2010 - Team italiani.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili