Echium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Echium
Natternkopf oe.jpg
Echium vulgare
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Lamiales
Famiglia Boraginaceae
Genere Echium
L., 1753
Specie
  • Vedi testo

Echium L., 1753 è un genere di piante della famiglia Boraginaceae, al quale appartengono piante erbacee o arbustive, annuali, biennali o perenni, ispide per la presenza di setole aventi un tubercolo basale.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal greco echium, che significa vipera, per la forma triangolare dei semi che ricordano vagamente la testa di una vipera.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I fiori sono portati in cime bratteate, spesso formanti una pannocchia. I calici sono divisi fin quasi alla base in lacinie poco ineguali, qualche volta accrescenti nel frutto. La corolla, azzurra, porpora, gialla o bianca, è largamente o strettamente infundibuliforme, di solito con un anello formato da dieci piccole scaglie o ciuffi di peli, o una membrana simile ad una flangia, alla base, ma senza scaglie o invaginazioni sopra; il tubo è diritto; il lembo è solitamente obliquo.

Gli stami sono ineguali, eserti o inclusi, inseriti nella metà inferiore della corolla. Lo stilo è eserto e lo stimma è capitato o bifido.
Le nucule ovoidi-trigonali sono erette, scure, reticolate o tubercolate, con base piana.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende circa 30 specie, distribuite in Europa, Asia occidentale, Africa boreale.
Le varie specie crescono in ambienti secchi più o meno aperti, bordi stradali, campi coltivati, pascoli secchi, dune arenose.

Varie[modifica | modifica wikitesto]

È una pianta molto visitata dalle api, per la sua produzione abbondantissima e continua di nettare lungo l'arco di tutta la giornata.[1]

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Echium judaeum

In Italia, secondo una recente checklist della flora italiana[2], sono presenti 11 fra specie e sottospecie:

Altre specie presenti in Europa sono:

Difficoltà nella determinazione[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi taxa sono molto variabili nell'aspetto, nella forma delle foglie e nella distribuzione della pelosità; in molti casi, i limiti delle specie, sono piuttosto critici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nunez, J., Nectar flow by melliferous flora and gathering flow by Apis mellifera ligustica, Journal of Insect Physiology 1977 Vol. 23 No. 2 pp. 265-275, ISSN 0022-1910.
  2. ^ Abbate G., Alessandrini A., Blasi C., Conti F., An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora, Fratelli Palombi Editore, 2005, ISBN 88-7621-458-5.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Edagricole, Bologna 1982. ISBN 88-506-2449-2
  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et Alii, Flora Europea, Cambridge University Press 1976. ISBN 0-521-08489-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica